(Minghui.org) L’11 settembre 2021 si è tenuta a Vienna la 19a Conferenza per la condivisione delle esperienze della Falun Dafa in Austria. Quattordici praticanti hanno parlato di come hanno costantemente migliorato sé stessi mentre studiavano e seguivano gli insegnamenti della Falun Dafa, condividendo la bontà della Dafa e sensibilizzando la consapevolezza sulla persecuzione in Cina.

I partecipanti sono venuti da tutta l’Austria. Toccati dalle storie condivise dagli oratori sulla loro coltivazione, i presenti erano molto grati per la compassione del Maestro Li, il fondatore della Falun Dafa.

La 19° edizione della Conferenza di condivisione delle esperienze della Falun Dafa in Austria si è tenuta a Vienna l’11 settembre 2021

Essere proattivi verso un obiettivo comune

Roberto ha parlato della sua pratica di coltivazione come coordinatore

Roberto è un coordinatore nella sua regione e ama il suo incarico speciale. Ancora più importante, tratta questo ruolo come un’opportunità per la coltivazione. “Questa è una responsabilità sulle mie spalle che sono disposto a prendere”, ha spiegato.

Ci è voluto molto tempo per raggiungere questo obiettivo, però. Coordinare bene la squadra non è stato facile come si aspettava. Dato che i praticanti provengono da diversi ambienti e hanno diverse personalità, Roberto ha scoperto che doveva tenerne conto ricordando a tutti di cooperare tra loro. Per un po’, non è stato in grado di mantenere la stabilità della squadra e del suo ambiente. Questo lo ha fatto preoccupare e ha dimenticato l’obiettivo comune che condividevano di raggiungere un’efficace azione di chiarimento della verità per risvegliare le persone.

Il continuo studio della Fa gli ha dato nuove comprensioni sulla situazione. “Ero solito aspettare il momento giusto, o una certa disposizione per le opportunità di chiarimento della verità. Ora ho imparato che, invece di aspettare che le cose accadano, dovrei prendere l’iniziativa e organizzare più possibilità per raggiungere le persone con informazioni sulla Falun Dafa”, ha detto Roberto.

Guardarsi dentro e trovare l’attaccamento alla comodità

Christina ha imparato l’importanza della pazienza e di una buona preparazione

Nell’ultimo anno, Christina è entrata a far parte di un team che organizza seminari online in tedesco per presentare la Falun Dafa alle persone. Faceva la moderatrice della chatroom ogni due seminari. Ogni volta che toccava a lei, però, scopriva che i partecipanti facevano molte domande, mentre quando altri praticanti lo conducevano, i partecipanti erano più disposti ad ascoltare attentamente. Christina si arrabbiava un po’ per questo. Se i partecipanti potessero aspettare un po’ e concentrarsi sull’ascolto, le domande troverebbero risposta subito dopo, ha pensato.

Come praticante della Falun Dafa, Christina sapeva che doveva guardarsi dentro e riflettere sul perché le capitasse questa situazione. “Ho scoperto che gli altri ospiti erano più coscienziosi e pazienti di me”, ha ricordato. “Questi sforzi hanno fatto la differenza con i partecipanti, che ascoltavano con attenzione e aspettavano fino alla fine per fare domande. Apparentemente, questa situazione ha mostrato le aree in cui posso fare meglio”.

Mentre era in servizio nella chatroom, Christina faceva anche la dimostrazione degli esercizi davanti alla telecamera. Quindi puliva sempre la stanza in anticipo e preparava un’illuminazione sufficiente per un migliore effetto video. Notando che l’illuminazione extra generava più calore, di tanto in tanto ha pensato che preparare le informazioni dietro le quinte potesse essere meglio rispetto a farlo davanti alla telecamera. “Quando ci ho pensato ulteriormente, ho capito che era un attaccamento alla comodità. Inoltre, mostrava anche una mancanza di responsabilità”.

Una volta Christina si stava preparando per un workshop quando il sistema si è improvvisamente bloccato. Poteva vedere le persone nella chatroom, ma non c’era niente che potesse fare. Proprio quando ha riavviato il sistema per continuare la sessione, ha avuto improvvisamente una nuova comprensione. “La rettifica della Fa un giorno finirà”, ha detto. “Se non facciamo bene, quando finirà potremo solo guardare impotenti lo svolgersi delle cose, proprio come il collasso del sistema in questo momento”.

Questo ha evidenziato per lei quanto sia preziosa ogni opportunità di risvegliare le persone. “Prendere un incarico che non mi piace è qualcosa in superficie, lavorare sul mio attaccamento alla comodità e lasciarlo andare potrebbe essere qualcosa di più importante”, ha spiegato. “Cioè, pur continuando a lavorare in questo progetto, ho bisogno di coltivare veramente me stessa”.

Non essere attaccati al risultato

Maria ha parlato della sua esperienza nel contattare i funzionari del governo

Maria è una coordinatrice per il contatto con i funzionari governativi sulla persecuzione della Falun Dafa. Il suo team è stato molto impegnato nell’ultimo anno, con annunci sui media riguardo ai problemi di Hong Kong e conferenze online sul prelievo forzato di organi a scopo di lucro da parte del Partito Comunista Cinese (PCC). Il suo team ha anche inviato ai funzionari molte e-mail sulla persecuzione in corso dei praticanti della Falun Dafa in Cina.

A causa delle sue strette interazioni con la commissione per i diritti umani in Parlamento, Maria ha spesso consultato il suo sito web. Una volta ha visto che era in programma una riunione senza alcun argomento elencato. Sorpresa , si era chiesta perché fosse successo e lo ha collegato alla sua coltivazione. “Guardando dentro di me, ho capito che la mia interazione con i funzionari governativi era rallentata dalla fine dell’anno scorso”, ha detto. “In passato, potevo seguirli immediatamente. Ma ora trovo difficile prendere il telefono o scrivere un’e-mail”.

Ci ha pensato ulteriormente e si è resa conto che questo era un attaccamento al risultato così come un attaccamento alla fama. “So che dovrei semplicemente andare avanti e fare le cose bene indipendentemente dai risultati”, ha continuato. “In questo modo, avrei chiamato i funzionari come al solito. Sapevo che il mio cuore era tornato al chiarire la verità e al risveglio delle persone”.

Una vera praticante

Ho Minh ha detto che la sua comprensione della Fa era molto superficiale. Ecco perché quando incontrava delle difficoltà nella sua vita quotidiana, provava ancora dolore e tristezza. Per un certo periodo, ha persino smesso di studiare la Fa, il che ha peggiorato ulteriormente la sua situazione.

Un giorno ha ascoltato attentamente altri praticanti che leggevano insieme la Fa, e quella notte ha dormito molto bene. “Dopo essersi svegliata la mattina seguente, mi sono sentita piena di energia”, ha detto. “Questo episodio mi ha risvegliata e mi ha aiutata a tornare allo studio della Fa. Ho anche capito che avevo molti attaccamenti ed è per questo che sono rimasta bloccata su questo problema per molto tempo”.

Ho Minh ha capito che, come praticante, deve costantemente migliorarsi. “Prima di tutto, dovrei fare attenzione al ciò che dico, in modo da non danneggiare o ferire gli altri. Inoltre non dovrei arrabbiarmi se succede qualcosa. Dopo tutto, se ho fatto le cose correttamente, non c’è bisogno di arrabbiarmi. Se ho fatto cose sbagliate, dovrei semplicemente correggermi invece di incolpare gli altri”.

Un viaggio lungo una vita

La Sig.ra Li chiama spesso in Cina per raccontare alla gente la verità sulla Falun Dafa e sfatare la propaganda di odio del PCC

Durante gli ultimi 22 anni in cui la Falun Dafa è stata soppressa in Cina, il PCC ha prodotto innumerevoli bugie che diffamano la pratica. Per aiutare la gente a liberarsi dalle bugie e dal lavaggio del cervello del PCC, molti praticanti della Dafa hanno chiamato regolarmente la gente in Cina. Li è una di questi praticanti.

Mentre collabora con altri praticanti a questo progetto, Li ha detto di aver imparato molto, compresa la pazienza, la compassione e l’importanza di avere un cuore puro.

Nel frattempo, ha anche identificato alcuni dei suoi difetti. A volte si sentiva ansiosa, a disagio, o con un’enorme pressione quando doveva fare delle telefonate. “Quando questo accadeva, era difficile per me agire. Potevo solo lavorare con altri praticanti, studiare e recitare la Fa, e inviare pensieri retti”, ha spiegato.

Queste esperienze hanno insegnato a Li che assimilarsi ai principi di Verità-Compassione-Tolleranza è un processo che dura tutta la vita. Quindi non si dovrebbe essere attaccati al tempo. “Questa è la nostra missione e non possiamo fermarci a metà”, ha detto.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell’articolo e sia presente un collegamento all’articolo originale

Versione cinese