(Minghui.org) Nell’estate del 2019, sono stato arrestato illegalmente per aver praticato la Falun Dafa e sono stato perseguitato in un centro di detenzione locale. Nel 2021, grazie alla protezione compassionevole del Maestro, sono stato in grado di uscire di prigione.

Una dolorosa lezione

Era l’inizio dell’estate 2019, un periodo dell’anno cruciale per piantare il mais nel nord della Cina. Mentre ero impegnato a lavorare nel campo, un praticante della città è venuto da me per dirmi che Huang era stato denunciato e arrestato per aver chiarito la verità. La casa di un altro praticante, Zhang, era stata bloccata: la sua casa era il luogo di studio della Fa e il sito di produzione di materiali informativi. Non potevo smettere di piantare mais, così ho fatto in modo che i praticanti locali inviassero forti pensieri retti e chiedessero alla famiglia di Huang di andare al dipartimento di polizia per chiedere il suo rilascio. Ho pianificato di coordinare questa questione in un giorno o due, dopo aver finito di piantare.

Avevo una mentalità compiacente e pensavo erroneamente che la situazione locale fosse relativamente stabile. Il personale delle forze dell’ordine locali, nei rami giudiziari e della procura, non aveva perseguitato intensamente i praticanti; non c’erano stati gravi episodi di persecuzione negli ultimi 20 anni. Alcune volte, quando hanno tentato di perseguitarci, la situazione è stata risolta con l’aiuto e la protezione del Maestro. Ero rilassato e ho fatto poco per proteggere i libri, i materiali della Dafa e le attrezzature per realizzarli.

Un avvertimento così chiaro non ha destato la mia attenzione: questa è stata una grande mancanza. Di conseguenza, quando avevo appena finito di piantare il mais e mi sono preparato per andare in città, la polizia mi ha arrestato e saccheggiato la mia casa. Hanno portato via cinque stampanti, due computer, i libri della Dafa, il materiale per chiarire la verità e altri oggetti. È stata una lezione molto dolorosa.

Sulla strada per il centro di detenzione ho chiarito la verità alla polizia, incluso il capitano della Divisione di Sicurezza Interna locale. Mi hanno detto che quando Huang è stato scoperto, ha fatto il nome di Zhang sotto coercizione e incentivo. Zhang a sua volta aveva detto alla polizia che io ero il coordinatore. Così, mi consideravano un obiettivo importante. Dopo aver sentito la verità, il capitano della Divisione di Sicurezza Interna ha detto che non poteva fare nulla. Mi sono reso conto che le persone con cui avevo a che fare non avevano alcun potere sul mio caso. Ho sentito la pressione e la gravità della situazione.

In quel momento, ho ricordato ciò che il Maestro ha detto:

“‘Io sono un discepolo di Li Hongzhi, io non accetto e non riconosco altre pianificazioni”, allora esse non oseranno farlo, e tutto potrà essere risolto.” (“Insegnamento della Fa durante la Festa della Lanterna 2003”)

“Le mie radici affondano profondamente nell’universo; se qualcuno potesse colpire voi, sarebbe in grado di colpire me e per dirla chiaramente, sarebbe in grado di danneggiare l’universo.”
(Prima Lezione, Zhuan Falun)

La Fa del Maestro ha rafforzato costantemente i miei pensieri retti. Durante gli interrogatori che sono seguiti, ho chiarito la verità sulla persecuzione e ho parlato alla polizia della bontà della Falun Dafa. Quando mi hanno chiesto degli altri praticanti ho risposto: “Non lo so” o “Non ho nulla da dire”. La polizia era preoccupata e capiva la mia situazione. Questo mi ha fatto capire che avevano un lato gentile e mi sentivo dispiaciuto per quei poveri agenti di polizia che dovevano eseguire gli ordini del PCC (Partito Comunista Cinese).

Calmarsi e guardarsi dentro

Sono stato inviato nel centro di detenzione locale intorno alle 22:00. Avevo molti pensieri che mi hanno tenuto sveglio tutta la notte. Mi sono ricordato di ciò che il Maestro ci ha detto in una poesia:

“Non essere triste

Il corpo giace in prigione – non essere malinconico, non essere triste

Con pensieri retti ed azioni rette, la Fa è qui

Rifletti con calma su quanti attaccamenti tu hai

Liberandoti completamente dai pensieri umani, il male sparisce da solo”
(“ Hong Yin II”)

Mi sono reso conto che avevo davvero bisogno di calmarmi e analizzare le mie carenze e mancanze nella coltivazione. Volevo capire perché sono stato perseguitato anche se non mi ero rilassato nel fare le tre cose. Come agricoltore di solito avevo un programma molto serrato: ero impegnato nel campo e nella vendita dei prodotti, avevo responsabilità familiari e così via. Ero anche impegnato a fare le tre cose che i praticanti dovrebbero fare, così come il lavoro di coordinamento.

Tutto ciò mi teneva molto occupato e fondamentalmente non avevo tempo libero. Quindi non mi sono mai preso il tempo di calmarmi e guardarmi dentro per trovare i miei problemi. Ora ero detenuto e mi sono reso conto dai principi della Fa che il modo migliore per negare le disposizioni delle vecchie forze era usare il loro piano, trasformando ciò che sembrava una cosa negativa in superficie in una cosa buona per la coltivazione e il miglioramento.

Quando mi sono guardato dentro e mi sono confrontato attentamente con gli insegnamenti del Maestro, ho trovato molte nozioni e comportamenti che non erano conformi alla Fa. Questi avevano formato attaccamenti molto forti. Ero a conoscenza di alcuni dei problemi, ma continuavo a commettere errori. Ad esempio, con la scusa di “dovremmo coltivare conformandoci al modo della società ordinaria nella massima misura possibile”, ho perseguito profitti finanziari e uno stato di vita migliore. Nella mia attività, ho gareggiato con i miei colleghi per fama e fortuna. Di conseguenza, la mia mente pensava sempre a questo e non potevo studiare la Fa con una mente calma. Ho affrontato molti conflitti con mio figlio, anche lui praticante, senza guardarmi dentro quando è successo. Non sono riuscito a controllare il mio temperamento e spesso mi sono arrabbiato come una persona comune. Non avevo ancora eliminato il mio attaccamento alla lussuria e al comfort; non riuscivo fare costantemente i primi quattro esercizi ogni giorno. Quando mi sentivo arrabbiato, guardavo un social media per rilassarmi. Spesso avevo pensieri di compiacimento quando gioivo per un piccolo sforzo che facevo nell’assistere il Maestro nella rettifica della Fa.

Quando mi sono esaminato, sono rimasto talmente scioccato. In passato spesso pensavo di coltivare meglio di altri. In effetti, per molti aspetti, mi ero allontanato molto dagli standard della Dafa. Questa era una grande mancanza. Ho pensato tra me e me: “Nego definitivamente le disposizioni delle vecchie forze”. Mentre mi trovavo nel centro di detenzione, mi sono reso conto che questa era una prova per me e che dovevo lasciare andare tutti gli attaccamenti umani, convalidare la Fa e salvare le persone nel luogo dove mi trovavo.

Coltivare un cuore di grande tolleranza in mezzo alla tribolazione

Non appena sono arrivato al centro di detenzione, ho iniziato a chiarire la verità alle persone nella mia cella. Ma a causa delle velenose menzogne e della propaganda del PCC, gli standard morali della gente sono in costante declino. La maggior parte dei detenuti avevano standard morali estremamente bassi. Di conseguenza, in questo ambiente, convalidare la Fa e chiarire la verità era ancora più difficile.

L’appello veniva fatto due volte al giorno, uno al mattino e uno alla sera. Quando era il mio turno, gridavo: “I discepoli della Dafa non possono essere inclusi!” Dopo averlo fatto un paio di volte, ho poi gridato: “La Falun Dafa è buona!” Un vicedirettore di turno ha detto: “In futuro, non è necessario che tu partecipi all’appello”. Alcune persone mi hanno molto elogiato e mi hanno approvato alzando il pollice, il che mi ha aiutato in una certa misura ad aprire la situazione per parlare con loro della Falun Dafa e chiarire la verità.

Tuttavia, ciò ha anche suscitato una forte gelosia e risentimento da parte dei gangster detenuti, che hanno iniziato a bullizzarmi. Mi hanno sottratto apertamente le mie cose per l’igiene personale, hanno preso la carta igienica per impedirmi di usare il bagno, hanno sottratto i miei pasti e versato acqua fredda addosso, mi hanno rasato con la forza le sopracciglia e disegnato immagini volgari sulla testa e sul viso, e mi hanno insultato. Ogni giorno, uno alla volta, venivano a tormentarmi, mi picchiavano o mi stuzzicavano. Successivamente, sono venuti in gruppo e mi hanno picchiato.

Nella vita di tutti i giorni, al lavoro e nell’ambiente sociale, ero rispettato. Avevo anche un certo grado di autorità nella mia famiglia. Tra i praticanti tutti si rispettano a vicenda, quindi avevo un forte attaccamento all’incapacità di gestire le critiche o di essere guardato dall’alto in basso dagli altri. Non avrei mai immaginato di essere umiliato a tal punto. All’inizio, non potevo davvero accettarlo.

Così ho recitato ripetutamente la Fa del Maestro:

“Temperare la mente e il cuore

Ottenere il frutto di Budda, raggiungendo il Compimento

vivere le tribolazioni come fossero gioie.

La sofferenza fisica non è così dolorosa,

coltivare il proprio cuore è la cosa più straziante.

Ogni ostacolo deve essere superato,

ci sono demoni ovunque.

Centinaia di tribolazioni precipitano insieme,

per vedere se uno può farcela.

Sopportando tutte le sofferenze nel mondo,

trascendendo il mondo, è un Budda.”
(“ Hong Yin”)

Questo mi ha aiutato a rafforzare il mio coraggio, la mia volontà e i miei pensieri retti.

Anche se alcuni praticanti con il terzo occhio aperto possono vedere scene in altre dimensioni, il miglioramento nella coltivazione dipende dall’illuminazione basata sulla Fa. Mi sono reso conto che avevo bisogno di coltivare un cuore di grande compassione e tolleranza. Nei confronti di coloro che mi avevano bullizzato, sono passato dall’avere molta rabbia, risentimento e disprezzo, ad avere pietà, tolleranza e perdono, e poi a provare sincerità e gentilezza. Avrei potuto essere il loro nonno, ma sono stato costretto a lavare i loro vestiti, lenzuola, ecc., Per poi costringere il mio orgoglio e prendere l’iniziativa di aiutarli. Questo processo è stato molto difficile e doloroso mentalmente. Sentivo che era ancora più difficile da sopportare dell’umiliazione di Han Xin quando ha dovuto strisciare tra le gambe di un furfante (riferito ad un passo dello Zhuan Falun).

Un giovane, quello che mi aveva bullizzato di più, era un laureato. Ogni giorno, mi molestava con alcune domande bizzarre e mi picchiava se non rispondevo. Se rispondevo era per usare la risposta al fine di chiarire la verità o per parlare di principi retti. Se qualcosa che dicevo non era conforme alle sue opinioni e ai suoi concetti, mi malediceva e mi picchiava. Quando mi sedevo sul bordo del letto, si sdraiava dietro di me e metteva i suoi piedi puzzolenti sulle mie spalle. Gli dicevo semplicemente: “Figliolo, i tuoi calzini sono sporchi, lascia che li lavi”, e così lavavo i suoi calzini ogni volta che lo faceva. Un giorno alla fine mi ha detto: “Sembra che tu pratichi la ‘tolleranza’ nella massima misura”. Era solito prendere deliberatamente il cibo dai miei pasti, ma da quel momento in poi non lo ha più fatto e ha persino iniziato a darmi da mangiare dal suo piatto.

Un giorno, un mio conoscente è stato arrestato e portato nella mia cella. Era un uomo anziano, gravemente malato. Il motivo per cui era stato arrestato non era serio, quindi sapevo che non sarebbe rimasto lì molto a lungo. Mi sono reso conto che era un’opportunità che il Maestro aveva organizzato perché comunicassi con la mia famiglia. Inoltre, mentre venivo interrogato da persone della stazione di polizia locale e della procura, mi sono reso conto che a causa di insufficienza di prove, avrebbero continuato a intensificare la persecuzione in alcune aree. Avevo anche scoperto che alcuni praticanti che non erano chiari sui principi della Fa si stavano gradualmente allontanando dalla coltivazione. Sentivo che c’era un urgente bisogno di informare i praticanti di questi cambiamenti edella mia situazione.

Come previsto, il mio conoscente è stato rilasciato dopo pochi giorni che gli avevo detto segretamente queste cose. Ho ringraziato il Maestro per l’arrangiamento. In seguito, ho appreso che dopo che mio figlio ha ricevuto le informazioni è andato a parlare con i capi del centro di detenzione molte volte per riferire della mia situazione. Le guardie del centro di detenzione ne hanno parlato solo con me. Ho raccontato loro sinceramente della situazione, ma allo stesso tempo ho espresso il mio perdono a quei giovani ignari e ho detto che non volevo che fossero puniti severamente. Le guardie hanno elogiato la mia tolleranza e hanno deciso di trasferirmi in un’altra cella con condizioni migliori. Quando mi è stato comunicato di spostarmi in un’altra cella, il giovane che mi aveva perseguitato di più mi ha detto: “Ho una sensazione di tristezza indescrivibile ora che te ne stai andando. Quando arrivi nella nuova cella, prenditi cura di te stesso e assicurati di essere forte e tenace”.

Ciò che mi ha addolorato di più è stato quando, dopo essere stato detenuto per più di 80 giorni, per caso ho dato un’occhiata alla scrivania della guardia e ho visto una copia della carta d’identità di mio figlio e il modulo di detenzione illegale di un altro praticante nel mio villaggio. Ciò che mi ha preoccupato per così tanti giorni e notti alla fine è successo. Come avrebbe fatto mia moglie, una donna anziana emotivamente fragile, a sopportare la detenzione di marito e figlio? Come potevano le mie due nipoti innocenti e vivaci affrontare tale difficoltà? Come avrebbe fatto la mia gentile nuora a sopportare un tale fardello?

La mia razionalità mi diceva che dovevo rimanere calmo. Ho riflettuto ripetutamente sulla questione: “Anche se ho attaccamenti e mancanze nella coltivazione, credo fermamente di non aver fatto nulla di sbagliato nel praticare la Falun Dafa. Queste sono le vecchie forze e il PCC che commettono crimini”. Ho pensato al principio della Fa insegnato dal Maestro: “Ma ciascuno ha il proprio destino!" (Quinta Lezione, Zhuan Falun). Ho pensato a come avrei dovuto affrontare le prove secondo la Fa quando parenti e amici avrebbero sofferto per una difficoltà. Ho pensato all’insegnamento del Maestro: “È difficile da sopportare, ma tu puoi sopportarlo. È difficile da fare, ma tu puoi farlo.” (Nona Lezione, Zhuan Falun). Mi sono detto che dovevo superare questa prova di sentimentalismo nei confronti della famiglia memorizzando la Fa. Fortunatamente, ce l’ho fatta.

Anche se ho sopportato molte difficoltà durante le tribolazioni, sono stato in grado di eliminare il karma, lasciare andare i miei attaccamenti ed elevare la mia xinxing. Ancora più importante, ho chiarito la verità alle persone che ho incontrato. Alcuni hanno scelto di ritirarsi dal PCC e dalle sue organizzazioni affiliate e alcuni volevano praticare la Dafa e hanno iniziato a memorizzare la Fa. Ogni persona, dopo aver ascoltato la verità, fa la propria scelta.

Credere nel Maestro e nella Fa

Il centro di detenzione era diviso in quattro sezioni: A, B, C e D. Ogni sezione aveva cinque o sei celle poste in parallelo. I praticanti della Dafa sono stati messi tutti in celle diverse in modo che non potessero vedersi. Quando sono stato trasferito dalla cella B02 alla cella A03, ho guardato attraverso la finestra della cella A01. Ho visto mio figlio che era lì dentro e anche lui mi ha visto. La mattina dopo, durante l’ora di apertura della mia cella, ho sentito qualcuno gridare: “Papà!” Ho riconosciuto la sua voce. Il mio cuore era pieno di emozioni contrastanti.

Ogni cella aveva la sua area esterna e le celle vicine erano separate da alte pareti. Solo la parte anteriore e la parte superiore erano delle recinzioni metalliche. Così le persone nelle celle vicine potevano sentirsi l’un l’altro, ma non potevano vedersi. Tuttavia, gli oggetti potevano essere lanciati o scambiati attraverso gli spazi della recinzione anteriore. Mio figlio ed io abbiamo iniziato a passarci appunti l’un l’altro, nei libri. Eravamo entrambi molto grati al Maestro.

Mio figlio ha avuto il desiderio di praticare la Dafa nei primi giorni dopo che avevo iniziato a praticare io, ma non riusciva ad avanzare. Da quando ha iniziato a praticare seriamente la Dafa, più di un decennio fa, il suo desiderio di combattere tenacemente tra la gente comune lo aveva sempre ostacolato; quindi, non è stato in grado di coltivare diligentemente. Mentre studiava la Fa, comprendeva molti dei principi della Fa, ma invece di guardarsi dentro, spesso giudicava gli altri con la Fa. È diventato molto sano e sapeva quanto fosse miracolosa la Dafa, ma non riusciva a coltivare sé stesso.

Ero sempre molto ansioso per lui, ma il mio atteggiamento nei suoi confronti era spesso diretto e maleducato. Quindi, abbiamo avuto molti conflitti e contraddizioni, e spesso abbiamo discusso violentemente. Dopo esserci calmati, entrambi ci siamo resi conto dei nostri difetti, ma ci siamo comportati di nuovo male quando abbiamo incontrato problemi. L’altra sua grande difficoltà era che la sua coscienza principale non era forte. Ogni volta che qualcosa non andava secondo i suoi desideri, era difficile per lui controllare le sue emozioni. Quando ho saputo che anche lui era perseguitato, mentre mi preoccupavo per la mia famiglia, ero ancora più preoccupato di come sarebbe sopravvissuto alle tribolazioni nel centro di detenzione.

Il messaggio principale della sua prima lettera a me era: “Di fronte alla coercizione e alle lusinghe del dipartimento di polizia, non ho ceduto e non ho collaborato. Ho appena chiarito loro la verità. Non ho deluso il Maestro. La parte più difficile è stata quando hanno usato le lacrime di mia madre e mia moglie e il futuro delle mie due figlie per attaccarmi psicologicamente. Hanno detto che mi avrebbero portato alla loro scuola di seconda elementare e mi avrebbero mostrato in pubblico, mettendole in imbarazzo di fronte agli insegnanti e ai compagni di classe. Non ho potuto fare a meno di scoppiare in lacrime. Non sono sceso a compromessi, ma ero disperato e totalmente smarrito”.

“Non ricordo proprio di essere stato riportato in cella. Era ora di mangiare e di solito avevo molta fame, ma quel giorno non avevo appetito. La mia mente era piena di pensieri caotici. Mi sentivo come se il mondo stesse ruotando, ed ero sull’orlo del collasso. In quel momento, ho sentito ‘La Falun Dafa è buona; Verità, Compassione e Tolleranza sono buone’ nelle mie orecchie e ho recitato la frase molte volte. Poi mi sono svegliato e la mia mente era chiara. Sapevo di essere un praticante della Falun Dafa. Non importa quanto possano essere malvagi o subdoli, credo fermamente nel Maestro e nella Dafa e non vacillerò. Ho iniziato a recitare Lunyu molte volte, e alla fine ho superato questa prova”.

Mi ha anche passato una lettera che ha scritto intitolata “Una lettera a tutti gli esseri dell’universo”. Nella lettera, ha detto la verità sulla Falun Dafa. Ha spiegato che non si sarebbe mai pentito della scelta che ha fatto di praticare la Dafa e ha espresso la sua determinazione a continuare a praticarla. Ha fatto girare la lettera in tutta la sua cella. L’ho mostrata a tutti anche nella mia. Le persone in quel tipo di ambiente sono molto annoiate ed erano molto felici di poter leggere e passarsi le lettere degli altri. Le nostre lettere sono state lette molto in entrambe le celle. Abbiamo sfruttato questa opportunità e trasformato la nostra comunicazione in chiarimento della verità. L’effetto è stato molto buono.

(Continua)

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell’articolo e sia presente un collegamento all’articolo originale

Versione cinese