(Minghui.org) Un giorno una praticante della Falun Dafa sulla settantina è andata in un supermercato molto affollato per chiarire la verità; tra le persone presenti c'erano cinque studenti maschi delle Superiori. La praticante ha fornito loro del materiale informativo e li ha consigliato di lasciare la Lega della Gioventù Comunista e dai Giovani Pionieri, due organizzazioni del Partito Comunista Cinese (PCC). Due di loro hanno accettato di ritirarsi.

Gli altri tre non hanno esaminato attentamente le informazioni e non appena hanno visto le parole: “Il Cielo distruggerà il PCC”, hanno gridato: “Sei contro il Partito! Pratichi la Falun Dafa!”. Hanno poi afferrato la donna e hanno chiamato le forze dell'ordine.

Presto sono arrivati gli agenti di polizia e hanno chiesto alla donna da dove venisse, ma lei non ha risposto. Un astante che la conosceva ha detto alla polizia dove viveva. Poi hanno chiesto alla donna il suo nome e lei ha detto: “Chiamatemi Falun Dafa”.

Hanno allora chiamato il Dipartimento di Polizia e ottenuto il nome della donna, poi hanno gridato davanti alla folla: “Andiamo alla centrale!”. La donna ha detto: “Non ci vengo, si sta facendo buio”.

Un agente ha detto ai ragazzi che avevano denunciato la donna: “Si sta facendo buio, potete andare a casa!”, e i tre se ne sono andati. Vedendo che c'erano ancora delle persone, l'agente ha sussurrato alla praticante: “Vieni con noi per un tratto e poi puoi semplicemente girare l'angolo e tornare a casa”. La donna ha detto ai poliziotti: “Essere gentili con i praticanti permette alle persone di avere un futuro sicuro”, e loro hanno annuito.

Così la donna si è incamminata spingendo la bicicletta e gli agenti le sono andati dietro. Quando sono arrivati a un incrocio, la donna si è fermata. La polizia le ha detto di continuare ma lei ha detto: “No, si sta facendo buio, non sono mai andata così lontano mi perderò se vado oltre!”, e allora la polizia l'ha lasciata tornare a casa.

Grazie agli incessanti sforzi dei praticanti per chiarire la verità, molti agenti di polizia ora capiscono cosa è la Falun Dafa e sono riluttanti a partecipare alla persecuzione nei suoi confronti da parte del PCC. Anche se a volte devono eseguire gli ordini dei loro superiori, molti fanno del proprio meglio per proteggere a modo loro i praticanti.

La donna è poi tornata al supermercato per alcuni giorni per chiarire la verità e grazie a lei molte persone hanno appreso che la Falun Dafa è buona e che la persecuzione è sbagliata.

Vorrei ricordare agli amici praticanti che quando affrontiamo persone che non hanno appreso i fatti sulla Falun Dafa, non dovremmo iniziare la nostra conversazione dicendo: “Il Cielo distruggerà il PCC”. Dobbiamo tenere conto delle incomprensioni delle persone e parlare di cose che possono facilmente capire, in modo da poter evitare conflitti diretti e da non evocare cattivi pensieri. Solo così possiamo risvegliare meglio i buoni pensieri delle persone!

Scenario: Cos'è la Falun Dafa?

La Falun Dafa (nota anche come Falun Gong) è stata presentata per la prima volta al pubblico dal signor Li Hongzhi a Changchun, in Cina, nel 1992. La disciplina spirituale è ora praticata in oltre cento tra Paesi e regioni di tutto il mondo. Milioni di persone hanno abbracciato gli insegnamenti, che si basano sui principi di Verità, Compassione e Tolleranza e includono cinque esercizi dai movimenti aggraziati, sperimentando un miglioramento della salute e della moralità.

Il 20 luglio 1999 Jiang Zemin, ex capo del Partito Comunista Cinese (PCC), avvertendo la crescente popolarità della disciplina spirituale come una minaccia all'ideologia atea del PCC, ha emesso l'ordine di perseguitare il Falun Gong.

Sotto la direzione personale di Jiang, il PCC ha istituito l'Ufficio 610, un organo di sicurezza extralegale con il potere di scavalcare la polizia e i sistemi giudiziari e la cui unica funzione è quella di attuare la persecuzione del Falun Gong.

Negli ultimi ventidue anni Minghui.org ha confermato la morte di migliaia di praticanti del Falun Gong durante la persecuzione, ma si sospetta che il numero effettivo di morti sia molto più alto. Molte altre persone sono state imprigionate e torturate per la loro fede.

Numerose prove dimostrano che il PCC ha ordinato il prelievo di organi da prigionieri di coscienza detenuti, che sono stati assassinati per rifornire l'industria cinese dei trapianti in forte espansione.

Le opinioni espresse in questo articolo rappresentano i punti di vista o le comprensioni dell'autore. Tutti i contenuti pubblicati su questo sito web sono protetti dal copyright di Minghui.org. Minghui produrrà raccolte dei contenuti online regolarmente e in occasioni speciali.

Versione cinese