(Minghui.org) Fin dalla sua fondazione il Partito Comunista Cinese (PCC) ha sempre affermato di servire il popolo cinese. Ma una tale affermazione è "corretta" solo nel libro di storia approvato dal PCC, che ha lo scopo di distorcere la verità e fare il lavaggio del cervello al popolo cinese, generazione dopo generazione.

Un esempio è la Seconda Guerra Sino-Giapponese, avvenuta tra il 1937 e il 1945. Mao Zedong, nel suo discorso intitolato "La situazione e la nostra politica dopo la vittoria nella guerra di resistenza contro il Giappone" (pubblicato in Opere Selezionate di Mao Tse-tung (Volume IV), ha dichiarato: "A chi dovrebbero appartenere i frutti della vittoria nella guerra di resistenza? È veramente ovvio. Prendiamo ad esempio un albero di pesche... Chiang Kai-shek accovacciato sulla montagna non portava nemmeno un secchio d'acqua, eppure ora sta allungando il braccio da lontano per raccogliere le pesche”. Mao ha scritto: "Lo abbiamo negato attraverso la stampa. Noi sosteniamo: 'Non hai mai portato acqua, quindi non hai il diritto di raccogliere le pesche'".

Mentre Mao nel suo discorso ha affermato che Chiang e il Kuomintang (KMT, noto anche come Partito Nazionalista Cinese) non hanno combattuto gli invasori durante la guerra e che il PCC dovrebbe ottenere tutto il merito, è invece vero il contrario. Di seguito spieghiamo il perché.

Nessun eroe di guerra sino-giapponese registrato sul monumento agli eroi del popolo

Il PCC è bravo a usare la propaganda per fare il lavaggio del cervello alle persone, dagli studenti delle elementari agli anziani, a tutti viene detto (attraverso libri di testo, giornali, film e successivamente alla televisione e in Internet) quanto sia grande il PCC nel liberare i cittadini cinesi “dall'abisso della miseria della vecchia società".

Sul tema della Guerra Sino-Giapponese il PCC ha prodotto numerosi film per glorificare la sua "impresa" nello "sconfiggere gli invasori", specialmente negli ultimi anni. La Guerra delle Mine Antiuomo, la Guerra dei Tunnel e la Guerriglia Ferroviaria.

Questi film a volte hanno dei contenuti assurdi. Per esempio: "Mio nonno è stato ucciso a 9 anni (mentre lavorava per il PCC)". "Un eroe del PCC è stato in grado di sparare e uccidere un mitragliere giapponese da 400 chilometri (o 250 miglia) di distanza". "Un altro eroe del PCC è riuscito a distruggere un aereo con una granata".

Poiché sempre più cittadini cinesi sono ora in grado di accedere ad Internet, le persone hanno più o meno conosciuto il ruolo fondamentale che il KMT ha svolto nella lotta contro l'esercito giapponese. Per adattarsi a questa situazione il PCC ha alluso al ruolo del KMT in alcuni film di nuova produzione. Tuttavia in ogni situazione viene aggiunto almeno un ufficiale del PCC come membro chiave della leadership dell'esercito del KMT. In questo modo si sottintende: "Sì, è stato il KMT a guidare la lotta contro i giapponesi, ma non avrebbero avuto successo senza il PCC!".

Stranamente ci sono così tanti "eroi" raffigurati nei film a tema della Guerra Sino-Giapponese, ma nessuno di questi è stato registrato sul Monumento dedicato agli eroi del popolo in Piazza Tiananmen a Pechino. Se il PCC avesse davvero combattuto duramente in guerra, avrebbe avuto veri eroi i cui nomi sarebbero stati incisi su tale monumento.

I fatti parlano da soli

Secondo l'articolo 19 della legge cinese sugli archivi: "i documenti conservati negli archivi di Stato devono in generale poter essere consultabili al pubblico alla scadenza di 30 anni dalla data della loro creazione". Sono passati più di 70 anni da quando il PCC ha preso il potere, ma tutti questi documenti sono ancora altamente riservati.

Ciò consente alle bugie di continuare. Ad esempio, nel 1995, un vicepresidente del Comitato Militare Centrale "ha affermato che il Partito Comunista, i soldati e i civili che aveva condotto nelle aree di base dietro le linee nemiche erano stati il pilastro della guerra anti-giapponese".

Ma i dati storici mostrano il contrario. In primo luogo, quando gli anti-giapponesi hanno iniziato pienamente, il KMT aveva un esercito di 2,7 milioni di soldati, mentre l'Armata Rossa del PCC nella remota Yan'an contava solo circa 20.000 soldati. Il rapporto era di 135:1. Nella battaglia di Shanghai (agosto-novembre 1937), 700.000 soldati del KMT e 500.000 soldati giapponesi hanno combattuto per tre mesi. È stata una delle battaglie più grandi e sanguinose dell'intera guerra, ed ha infranto il piano del Giappone di conquistare l'intera Cina in pochi mesi. A quel tempo le circa 20.000 truppe dell'Armata Rossa erano a circa 1.600 chilometri (o 1.000 miglia) di distanza.

Altre prove ci vengono fornite dai dati sulle vittime. Secondo il Ministero della Difesa Nazionale di Taiwan, tra il luglio 1937 e l'agosto 1945 il KMT ha lanciato 22 grandi battaglie e 1.117 combattimenti altrettanto importanti, con una perdita di 3,22 milioni di uomini. Tra questi, 226 generali sono morti in guerra. Il PCC, d'altra parte, ha stimato solo 35 milioni di vittime di cinesi, tra cui 3,8 milioni di militari. Pur non mettendo a confronto i numeri del KMT, il PCC ha fornito solo numeri vaghi senza alcuna ripartizione delle causalità militari per grado.

Anche altri dati portano alla stessa conclusione. Una ricerca del quotidiano giapponese Yomiuri Shimbun ha rilevato che il bilancio delle vittime militari del Giappone in Cina è stato di circa 700.000, con un bilancio totale di circa 1,85 milioni di morti per l'esercito giapponese durante la seconda guerra mondiale. Tra i 129 alti funzionari giapponesi che hanno perso la vita in guerra, solo tre sono morti combattendo il PCC, mentre il resto dei 126 è morto durante le battaglie con il KMT.

Le uniche due battaglie sostenute dal PCC sono la battaglia di Pingxingguan nel 1937 e l'offensiva dei cento reggimenti nel 1940. Entrambe sono state molto pubblicizzate e talvolta esagerate dal PCC. Per molto tempo ha dichiarato di aver sconfitto oltre 10.000 soldati giapponesi nella battaglia di Pingxingguan prima di cambiare il numero in circa 1.000. I registri dell'esercito giapponese hanno mostrato perdite di solo poco più di 200 uomini.

Hau Pei-tsun, capo aiutante di Chiang e in seguito Ministro della Difesa Nazionale a Taiwan, una volta ha fatto un’osservazione: "La Battaglia di Pingxingguan e l'Offensiva dei Cento Reggimenti vengono spesso considerati dal PCC i loro risultati più eccezionali. Ma rispetto all'intera guerra anti-giapponese rappresentano meno dell'1%”.

I registri del PCC

Se le prove di cui sopra non fossero sufficienti, sono disponibili ulteriori prove dalle testimonianze del PCC.

Quando i delegati giapponesi, tra cui Kuroda Hisao, hanno visitato la Cina il 24 gennaio 1961 e si sono scusati per aver invaso il Paese, Mao ha fatto le seguenti osservazioni. "Non vedo le cose in questo modo. Il fatto che i signori della guerra giapponesi occupassero la maggior parte della Cina ha insegnato una lezione al popolo cinese; altrimenti... noi (l'Armata Rossa) saremmo rimasti ancora sulle montagne e non saremmo giunti a Pechino". "Quindi i signori della guerra giapponesi hanno fatto una buona cosa e voglio perciò ringraziarli".

Un altro dialogo nel 1964 spiega l'atteggiamento di Mao. Il 10 luglio di quell'anno, quando il delegato giapponese Sasaki durante una visita in Cina si è scusato di nuovo per l'invasione, Mao lo ha respinto ancora una volta. "Perché noi del PCC ringraziamo l'esercito giapponese? Grazie a loro abbiamo lavorato insieme a Chiang Kai-shek. Dopo otto anni di guerra i miei soldati sono cresciuti da 25.000 a 1,2 milioni con una base di 100 milioni di uomini".

Secondo Li Rui, segretario di Mao, il generale del PCC Lin Biao ha dovuto porgere le sue scuse per la battaglia di Pingxingguan, durante la Conferenza di Lushan nel 1959.

“Lin: Abbiamo perso alcuni soldati durante la battaglia di Pingxingguan. È stato un mio errore”.

“Mao: Alcuni compagni hanno pensato che sarebbe stato meglio se l'esercito giapponese avesse occupato meno terra cinese possibile. Più tardi abbiamo convenuto che patriottismo significa lasciare che il Giappone occupi più terre; altrimenti, sarebbe patriottico per il paese di Chiang".

Allo stesso modo, Peng Dehuai, un leader chiave che ha diretto l'Offensiva dei Cento Reggimenti, è stato messo sotto accusa molte volte per la battaglia. In effetti quello è divenuto uno dei suoi "crimini" contro Mao. Insieme ad altre accuse è stato condannato all'ergastolo nel 1970, durante la Rivoluzione Culturale, ed è morto in prigione quattro anni dopo.

Peter Vladimirov, diplomatico e giornalista sovietico inviato dall'Internazionale Comunista a Yan'an tra il 1942 e il 1945, ha descritto ciò che ha visto in The Vladimirov Diaries. “Il principio di Mao era: la guerra è stata condotta per preservare la propria forza, non per distruggere il nemico. Per raggiungere questo obiettivo è stato necessario ridurre la resistenza e dare più spazio al nemico", ha scritto.

"Al quartier generale della 120ª Divisione, la discussione non riguardava missioni di combattimento, operazioni e altre questioni militari, ma come fare affari e fare soldi. Tutto questo è stato fatto per ordine", ha continuato. "Ad esempio, alle unità dell'Ottava Armata di Rotta e della Nuova Quarta Armata è stato severamente ordinato di non condurre alcuna vigorosa attività di combattimento contro i giapponesi. In una parola, era vietato combattere, e se attaccati ci si ritirava. Se c’era la possibilità, si raggiungeva una tregua".

Nell’insieme non è difficile capire perché il PCC abbia usato questa strategia per prendere il potere, invece di combattere per gli interessi del popolo cinese come ha sempre affermato. Questo è il motivo per cui il monumento di Piazza Tiananmen espone in bella vista la guerra civile cinese contro il KMT, senza menzionare la guerra anti-giapponese.

L'insabbiamento della pandemia da parte del PCC è una lezione per il mondo. La sua aggressiva espansione del comunismo a Hong Kong mostra anch'essa le terribili conseguenze durante il percorso. Rifiutando il PCC e riportando i fatti storici in maniera autentica, impareremo una lezione di vita reale e aiuteremo le generazioni future a raggiungere pace e prosperità.

Le opinioni espresse in questo articolo rappresentano i punti di vista o le comprensioni dell'autore. Tutti i contenuti pubblicati su questo sito web sono protetti dal copyright di Minghui.org. Minghui produrrà raccolte dei contenuti online regolarmente e in occasioni speciali.

Versione cinese