(Minghui.org) Nell'undicesimo reparto della prigione femminile della provincia dello Shandong, che è stata specificamente istituita per perseguitare i praticanti del Falun Gong, le guardie usano una combinazione di tortura fisica e sfruttamento mentale nel tentativo di costringere le praticanti a rinunciare alla loro fede.

Questo articolo si concentra sui vari passi che le guardie compiono per cercare di fare il lavaggio del cervello alle praticanti.

L'undicesimo reparto è ospitato in un edificio indipendente di tre piani con un piccolo cortile, ed è separato dagli altri edifici carcerari. L'ingresso sembra pulito e accogliente, ma le urla provenienti dal lato ovest dell'edificio ricordano immediatamente che questo è un inferno sotto mentite spoglie.

Quando una praticante entra per la prima volta nel reparto, le guardie istituiscono una squadra di lavaggio del cervello per monitorarla. La praticante deve chiedere il permesso per fare qualsiasi cosa, incluso mangiare, bere, sedersi o usare il bagno. Se si rifiuta di obbedire, viene prima affamata e poi alimentata forzatamente, anche con farmaci dannosi per i nervi.

Tutti i membri della squadra di lavaggio del cervello sono ex praticanti che hanno rinunciato alla pratica sotto pressione e che ora assistono le guardie nel lavaggio del cervello delle nuove arrivate. Sulla base della propria conoscenza della personalità della praticante, escogitano una strategia personalizzata per scuotere la sua fede, incluso l'uso di discorsi persuasivi e la riproduzione di video di propaganda.

Se la praticante non soccombe al lavaggio del cervello, le guardie mandano le detenute a picchiarla. Una praticante ha detto che le detenute l'hanno schiaffeggiata in viso, le hanno tenuto le braccia dietro la schiena e poi l’hanno appesa, poi l'hanno spinta a terra, le hanno premuto il viso contro il pavimento e tenuto la mano per firmare la dichiarazione di rinuncia al Falun Gong precompilata.

Una volta che la praticante scende a compromessi con l'intimidazione iniziale e firma la dichiarazione di rinuncia al Falun Gong, inizia il successivo ciclo di lavaggio del cervello.

Oltre a scrivere rapporti quotidiani di pensiero per diffamare il Falun Gong, le praticanti sono anche costrette a guardare ogni giorno video che demonizzano il Falun Gong. Le guardie usano spesso riduzioni di pena come incentivi per promuovere una maggiore partecipazione. Nel frattempo, “condividendo le loro esperienze”, le assistenti per il lavaggio del cervello portano le praticanti ad incolpare il Falun Gong per la persecuzione che stanno subendo e le mettono contro la pratica.

La maggior parte delle assistenti al lavaggio del cervello aiuta le praticanti a scrivere le dichiarazioni per condannare il Falun Gong. Alle praticanti è stato quindi richiesto di leggere le loro dichiarazioni ad alta voce di fronte ad altre, come parte del processo di lavaggio del cervello. La maggior parte di queste praticanti è scoppiata in lacrime mentre leggeva le proprie dichiarazioni, piena di rammarico per aver praticato il Falun Gong e incolpandolo per la propria prigionia e separazione dalle loro famiglie. Tali emozioni sono molto potenti nell'influenzare coloro a cui mancano le proprie famiglie o che sono sull'orlo del crollo a causa dell'isolamento e della tortura.

Dopo che le guardie hanno ritenuto che il lavaggio del cervello e la conversione abbiano avuto successo, trasferiscono la praticante in una cella normale nello stesso reparto e fanno in modo che un’altra detenuta la controlli. La praticante è ancora tenuta a scrivere rapporti di pensiero quotidiani. Le guardie continuano anche a farle partecipare a lezioni di lavaggio del cervello e guardare video per consolidare i risultati. In questa fase i video e le conferenze sul lavaggio del cervello sono più dettagliati e realizzati con cura, inclusi alcuni presentati come programmi di intrattenimento.

Sul muro le guardie appendono articoli sui valori tradizionali per confondere le praticanti, organizzano anche attività di danza e canto per lodare quanto siano “giuste” le guardie.

Coloro che si rifiutano di rinunciare al Falun Gong vengono tenute in isolamento o trasferite in una cella senza altre praticanti, in modo che non sentano nulla di positivo sul Falun Gong.

Uno degli assistenti capo per il lavaggio del cervello è Fu Guiying, che un tempo era un coordinatore volontario delle attività dei praticanti nella città di Linyi. Fu una volta ha costretto la signora Li Jianmei, che aveva un problema alle gambe, a stare in piedi per un mese. In seguito la praticante ha avuto difficoltà a camminare e ha dovuto usare una sedia a rotelle.

Fu ha affermato che le guardie erano i suoi modelli. Nonostante il fatto che non si sia risparmiata nell'aiutare le guardie a trasformare le praticanti, le guardie hanno anche aggiunto droghe tossiche al suo cibo.

Articoli correlati:

Falun Gong Practitioners Drugged in Shandong Women’s Prison for Practicing Their Faith

Torture Methods Used in Shandong Province Women’s Prison to Persecute Falun Gong Practitioners

Shandong: La prigione femminile istiga le detenute a torturare le praticanti del Falun Gong

Le opinioni espresse in questo articolo rappresentano i punti di vista o le comprensioni dell’autore. Tutti i contenuti pubblicati su questo sito web sono protetti dal copyright di Minghui.org. Minghui produrrà raccolte dei contenuti online regolarmente e in occasioni speciali.


Versione cinese