(Minghui.org) Il 22 aprile i praticanti canadesi della Falun Dafa hanno tenuto una manifestazione davanti all'Ambasciata cinese a Ottawa per celebrare il 23° anniversario delle proteste pacifiche tenutesi a Pechino, Cina, il 25 aprile 1999, dai praticanti della disciplina spirituale.

Il praticante Jack Liu, uno studente della Carleton University, ha chiesto al Partito Comunista Cinese (PCC) di porre fine alla persecuzione e rilasciare tutti i praticanti della Falun Dafa, incluso suo padre Liu Zhoubo e la cittadina canadese Sun Qian.

La deputata canadese Judy Sgro ha inviato una lettera all'Associazione della Falun Dafa locale in cui ha elogiato l'appello del 25 aprile.

I praticanti della Falun Dafa fanno gli esercizi davanti all'Ambasciata cinese a Ottawa, il 22 aprile 2022

Deputata: Sono solidale con i praticanti canadesi del Falun Gong

“Il 25 aprile 1999 diecimila praticanti cinesi del Falun Gong si sono riuniti pacificamente a Pechino per chiedere alla leadership cinese di rispettare il loro diritto costituzionale di praticare liberamente la loro fede senza dover subire molestie, intimidazioni e il controllo statale da parte del Partito Comunista Cinese”, ha affermato il 22 aprile la deputata Judy Sgro, nella sua lettera all'Associazione canadese della Falun Dafa.

“In qualità di co-presidente del gruppo parlamentare 'Amici del Falun Gong', sono solidale con i praticanti canadesi del Falun Gong nell'anniversario dell'appello per la libertà di credo fatto dai loro amici praticanti in Cina in data 25 aprile 1999”.

Ha dichiarato: “Purtroppo, il loro appello pacifico ha portato a una campagna nazionale illegale di odio, prigionia, tortura, uccisioni e prelievo forzato di organi da parte del regime comunista, che ha preso di mira cento milioni di cinesi innocenti che praticavano il Falun Gong in tutta la Cina”.

“Oggi, ventitré anni dopo, il Falun Gong rimane il gruppo più numeroso e più violentemente perseguitato in Cina”.

Ha scritto che i praticanti del Falun Gong hanno continuato, anno dopo anno, i loro sforzi pacifici per aumentare la consapevolezza pubblica riguardo alle atrocità subite dal popolo cinese. Ha invitato il governo canadese a sollecitare la Cina a porre fine alla persecuzione e a rilasciare immediatamente la cittadina canadese Sun Qian, che nel giugno 2020 è stata condannata illegalmente a otto anni di carcere per la sua fede. Ha anche chiesto l'immediato rilascio del padre di Jack Liu, che alla fine dello scorso anno è stato illegalmente arrestato e detenuto dalla polizia cinese.

Ha affermato: “Come canadesi, non dobbiamo rimanere in silenzio, ma al contrario esprimere le nostre preoccupazioni per aiutare a fermare queste atrocità”.

La lettera della deputata Judy Sgro, co-presidente del gruppo parlamentare 'Amici del Falun Gong'

Studente cinese chiede la liberazione del padre

Il 19 novembre dell’anno scorso i praticanti della Falun Dafa Liu Zhoubo e Cao Wen sono stati sequestrati dalla polizia nella città di Langfang, provincia dell’Hebei. Il signor Liu Zhoubo e la signora Cao Wen sono stati rinchiusi illegalmente rispettivamente nel centro di detenzione n. 3 e n. 2 di Pechino. Cao Wen è poi stata rilasciata il 27 dicembre. Il signor Liu Zhoubo è stato accusato di aver inviato via Bluetooth messaggi di testo sul Falun Gong mentre viaggiava nella metropolitana di Pechino.

Parlando dei genitori, il loro figlio Jack Liu, studente della Carleton University in Canada, ha detto: “Mio padre praticava il Falun Gong già prima che io nascessi. È una persona onesta e non ha mai detto bugie. Mia madre è molto sincera e rispettosa degli altri”.

Ha detto: “Vorrei che il governo e il popolo canadese, così come tutti i cinesi al di fuori della Cina, non credessero alle bugie del Partito. Quando la verità sarà completamente rivelata, la gente scoprirà che il PCC ha commesso un genocidio contro i praticanti, proprio come i nazisti hanno commesso crimini contro gli ebrei”.

Il PCC commette genocidio e crimini contro l'umanità

Quel giorno l'Associazione canadese della Falun Dafa ha rilasciato una dichiarazione: “Oggi è l'anniversario della richiesta di pace del Falun Gong. Commemoriamo il coraggio e la dignità mostrati dai praticanti del Falun Gong in Cina che continuano a rischiare la vita per difendere la loro fede in Verità, Compassione e Tolleranza”.

Prove credibili riportate da Freedom House indicano che i praticanti del Falun Gong sono il più numeroso gruppo di prigionieri di coscienza in Cina e che sono soggetti al prelievo forzato di organi su larga scala. Il tribunale indipendente cinese, presieduto da Sir Geoffrey Nice, ha stabilito che il prelievo illegale di organi costituisce un crimine contro l'umanità.

Nel giugno dell’anno scorso, dodici relatori speciali delle Nazioni Unite hanno rilasciato una dichiarazione in cui affermavano che loro [il PCC] stavano prelevando gli organi dei praticanti del Falun Gong e di altre minoranze etniche in Cina. Anche numerosi esperti giuridici e di diritti umani concordano sul fatto che questo genocidio sta avvenendo.

Nella dichiarazione si affermava: “Siamo grati a coloro in tutto il mondo che si sono schierati con noi e hanno chiesto al PCC di fermare la persecuzione del Falun Gong. Crediamo che presto il mondo intero conoscerà la verità. Quando i criminali saranno assicurati alla giustizia, quelle persone rette che stanno con noi saranno fiere di se stesse”.

Scenario: Cos'è la Falun Dafa?

La Falun Dafa (nota anche come Falun Gong) è stata presentata per la prima volta al pubblico dal signor Li Hongzhi a Changchun, in Cina, nel 1992. La disciplina spirituale è ora praticata in oltre cento tra Paesi e regioni di tutto il mondo. Milioni di persone hanno abbracciato gli insegnamenti, che si basano sui principi di Verità, Compassione e Tolleranza e includono cinque esercizi dai movimenti aggraziati, sperimentando un miglioramento della salute e della moralità.

Il 20 luglio 1999 Jiang Zemin, ex capo del Partito Comunista Cinese (PCC), avvertendo la crescente popolarità della disciplina spirituale come una minaccia all'ideologia atea del PCC, ha emesso l'ordine di perseguitare il Falun Gong.

Sotto la direzione personale di Jiang, il PCC ha istituito l'Ufficio 610, un organo di sicurezza extralegale con il potere di scavalcare la polizia e i sistemi giudiziari e la cui unica funzione è quella di attuare la persecuzione del Falun Gong.

Negli ultimi ventidue anni Minghui.org ha confermato la morte di migliaia di praticanti del Falun Gong durante la persecuzione, ma si sospetta che il numero effettivo di morti sia molto più alto. Molte altre persone sono state imprigionate e torturate per la loro fede.

Numerose prove dimostrano che il PCC ha ordinato il prelievo di organi da prigionieri di coscienza detenuti, che sono stati assassinati per rifornire l'industria cinese dei trapianti in forte espansione.

Le opinioni espresse in questo articolo rappresentano i punti di vista o le comprensioni dell'autore. Tutti i contenuti pubblicati su questo sito web sono protetti dal copyright di Minghui.org. Minghui produrrà raccolte dei contenuti online regolarmente e in occasioni speciali.

Versione cinese