(Minghui.org) Nel 30° anniversario dell’introduzione della Dafa al grande pubblico, vorrei condividere con voi il ricordo dei miei tre incontri con il Maestro (Maestro Li Hongzhi, il fondatore della Falun Dafa) avvenuti ventotto anni fa. Anche se non ho potuto stringergli la mano o scattare una foto con il Maestro come hanno fatto molti praticanti, ho ancora la stessa sensazione: sono immensamente grata per la grazia salvifica del Maestro!

Incontrare il Maestro per la prima volta

Era la fine di luglio del 1994. Dopo aver assistito alle conferenze del Maestro a Dalian, il direttore del mio ufficio mi ha portato il biglietto da visita del Maestro e mi ha prestato il libro Falun Gong. Come se avessi in mano un tesoro, sono andata nel mio ufficio, ho chiuso la porta e ho iniziato a leggere. Era domenica e avevo il giorno libero. Non sono andata a casa, temendo di essere disturbata dalle faccende domestiche e di non poter leggere tranquillamente il prezioso libro. Ho finito di leggerlo con le lacrime agli occhi. La mia mente era scossa: tutte le domande che fino ad allora erano rimaste irrisolte avevano in quel momento trovato risposta e la mia mente si era illuminata!

Ho immediatamente chiamato il numero sul biglietto da visita e la persona che ha risposto al telefono era un membro dello staff dell’Associazione di Ricerca sulla Falun Dafa di Pechino. Ho chiesto: “Salve, il Maestro Li ha in programma di tenere una lezione nel Nord-Est? Quando e dove si terrà? Se non posso frequentare le sessioni, posso coltivare la mia xinxing secondo il libro, e imparare a fare gli esercizi seguendo le illustrazioni dei movimenti nella foto e raggiungere il Compimento?”. La persona ha risposto con dolcezza e fermezza: “Finché seguirai i requisiti del libro, avrai successo. Il 5 agosto il Maestro terrà una lezione ad Harbin”. Ero molto felice. Ho fotocopiato la parte del libro sulla coltivazione della xinxing e le illustrazioni dei movimenti e ho restituito il libro e il biglietto da visita al direttore dell’ufficio.

Ero eccitata e felice! Ho comprato in anticipo il biglietto del treno per Harbin, ma non ho osato dire alla mia famiglia dove stavo andando per paura che mi scoraggiassero. Una volta arrivata a Harbin, sono rimasta a bocca aperta: dove trovare la sede del corso? Ero così eccitata durante la telefonata che ho dimenticato di chiedere i dettagli del corso. Come potevo trovarlo in una città così grande? All’epoca ero una buddista laica, quindi ho pensato che non avendo molti soldi con me avrei dovuto andare in un tempio per alloggiare, visto che avevo un certificato di laicità.

Dopo aver chiesto dove fosse il tempio e aver ricevuto le indicazioni, ho iniziato il viaggio con la mia bambina. Faceva molto caldo e sull’autobus avevo la nausea, così abbiamo dovuto camminare per la maggior parte del tempo. Mia figlia era esausta e continuava a pregarmi di tornare a casa. Le ho detto che non mi sarei fermata finché non fossimo arrivate a destinazione, così l’ho portata in spalla e ho continuato a camminare.

Quando siamo arrivate al tempio, ho visto improvvisamente le parole “China Falun Gong” a grandi lettere. Che coincidenza! Ero così felice che quasi facevo i salti per la gioia! Che meraviglia! Le parole non possono esprimere l’eccitazione che ho provato. Quando ci ho ripensato in seguito, ho capito che il Maestro mi aveva condotta passo dopo passo alla lezione.

Il primo giorno la prima cosa che il Maestro ha detto è stata: “Alcuni studenti hanno affrontato molti problemi per trovare il luogo”. Mi sono venute le lacrime agli occhi e ho pensato: “Maestro, Tu sai tutto!”.

Durante la prima lezione, ho capito che il Maestro stava portando a un livello superiore le persone che da anni volevano praticare la coltivazione, ma che non erano ancora riuscite a trovare la porta giusta. Durante la pausa ho detto allo studente accanto a me: “Questo è il futuro Signore Budda che viene nel mondo per trasmettere la Legge di Budda alla gente!”. Sembrava che non capisse, così ho chiuso la bocca e ho pensato: “È un segreto celeste. Non dovrei rivelarlo casualmente”.

Avendo letto molti classici buddisti, sapevo che Buddha Shakyamuni aveva detto che nel periodo della fine del Dharma, il futuro Signore dei Budda avrebbe girato di nuovo il Falun. Ho gridato dal profondo della mia anima: “Maestro! Finalmente ti ho trovato!”.

Più ascoltavo, più capivo e più ero in ansia per coloro che ancora chiedevano al Maestro di curare le loro malattie. Pensavo che il Maestro avesse detto chiaramente che non è qui per curare le persone, ma per portarle a un livello superiore di coltivazione. Prima che il Maestro possa purificare il corpo la cosa principale da fare è avere il desiderio di coltivare.

In quel momento volevo chiedere se avrei dovuto continuare le mie abitudini buddiste e i rituali di adorazione. Ci ho pensato e prima che scrivessi un biglietto per porre la domanda, il Maestro ha detto (traduzione approssimativa): “Manterrò le vostre cose buone e rimuoverò quelle cattive. Non c’è bisogno di adorare Budda o bruciare incenso”. Il mio cuore è stato di nuovo spazzato via: Maestro, tu sai tutto quello che penso. È incredibile!

Quando sono tornata a casa, ho bruciato il mio certificato di laicità, smontato il mio altare buddista e regalato le statue.

Nei giorni in cui si tenevano le lezioni, il Maestro arrivava ogni giorno presto e annunciava gli oggetti smarriti. Gli studenti trovavano gioielli, orologi, contanti e altri oggetti dopo la lezione precedente e il Maestro chiedeva ai proprietari di salire a reclamarli.

In quei giorni, come molti altri studenti, non vedevo l’ora di vedere il Maestro. Ogni giorno aspettavamo lungo la strada per vedere passare l’auto nera su cui viaggiava. Il Maestro abbassava il finestrino e allungava la mano per salutarci, e io lo salutavo con un saluto buddista.

Un giorno, mentre io e mia figlia camminavamo su un cavalcavia, ho visto improvvisamente un gruppo di persone che attraversava la strada, e al centro c’era un uomo alto e magnifico. Non è forse il Maestro? Ero così emozionata che volevo inginocchiarmi e porgere i miei omaggi. Il Maestro vedendo la mia intenzione mi ha salutato con un sorriso, facendomi segno di non farlo. Ho fatto il segno di heshi (palmi uniti davanti al petto), mi sono inchinata con un saluto buddista e l’ho guardato passare. L’ho guardato a lungo finché non l’ho più visto.

Questo è un ricordo eterno, perenne, che mi accompagna giorno e notte mentre assisto il Maestro nella rettifica della Fa. Ogni volta che penso al Maestro, sono piena di buoni pensieri; ogni volta che penso al Maestro, sento che non c’è ostacolo che non possa superare; ogni volta che penso al Maestro, faccio buoni incontri e ottengo buoni risultati, e mi sento liberata da tutte le mie lamentele.

Durante la lezione ad Harbin, il Maestro ha ordinato agli studenti di battere i piedi (per eliminare le malattie). Alcuni studenti avevano fretta e hanno battuto i piedi senza aspettare il suo comando, così ha detto pazientemente: “Ancora una volta”. E aggiunto: “Sarebbe bene che aveste tanta fretta di studiare la Fa”. (traduzione approssimativa)

Le parole del Maestro si sono radicate nella mia mente e fino a oggi ho sempre messo nella mia vita lo studio della Fa al primo posto. Il nostro gruppo di studio familiare non ha mai smesso di studiare la Fa. Non importa quali siano le circostanze, in quante residenze ci siamo trasferiti, abbiamo sempre continuato a studiare la Fa. Prima studiavamo in gruppo più volte alla settimana, ma ora sappiamo che dovremmo essere più diligenti, quindi ogni mattina leggiamo lo Zhuan Falun e nel pomeriggio ognuno di noi partecipa a diversi progetti di chiarimento della verità. La sera studiamo gli altri insegnamenti del Maestro. Inoltre, insieme ai compagni di pratica, inviamo pensieri retti, ci aiutiamo a vicenda e miglioriamo insieme. Ogni membro del gruppo di studio della Fa familiare ha sostanzialmente seguito i progressi della rettifica della Fa. Ogni volta che incontriamo delle difficoltà, possiamo superarle con la benedizione del Maestro.

Apprezziamo profondamente il potere sconfinato della Fa, che non cesserà mai di esistere. Anche una persona comune può essere benedetta dalla Fa e avere un futuro luminoso, purché abbia una devota riverenza per la Dafa.

A metà dell’ottava lezione, il Maestro ha lasciato il palco per occuparsi di qualcosa. Dopo un po’ il Maestro è tornato. In seguito ho appreso che lo staff non permetteva a qualcuno che portava una persona gravemente malata nella stanza di interferire con l’insegnamento della Fa del Maestro. Il gruppo di persone stava facendo confusione. Questo stava interferendo con l’insegnamento della retta Fa.

Durante il periodo di fine Dharma, non è facile per le persone ottenere la Fa, quindi ci sono disturbatori e disordini. Ci sono anche demoni che svolgono un ruolo distruttivo. Non permettono alle persone di ottenere la Fa, dicendo che in realtà stanno eliminando le persone che non credono nella Fa. In questa lezione, il Maestro ci ha incoraggiato seriamente e ha detto: “Voi siete i semi”. (traduzione approssimativa).

Ho impresso le parole del Maestro nel mio cuore. Quando il PCC (Partito Comunista Cinese) ha iniziato a perseguitare la Falun Dafa nel 1999 fino a oggi, in questi ventitré anni, ho usato la Fa del Maestro come guida: noi siamo semi; dobbiamo svolgere il ruolo di assistere il Maestro nella rettifica della Fa, dobbiamo avanzare coraggiosamente e diligentemente sul sentiero della coltivazione.

Vedere il Maestro per la seconda volta

Dopo il ritorno da Harbin, ho iniziato a promuovere la Dafa e ad allestire siti di pratica. Ogni mattina gestivo tre siti di pratica, andavo al lavoro come al solito e mi prendevo cura della mia famiglia.

Alla fine di dicembre 1994, il Maestro ha terminato le conferenze di Guangzhou ed è andato a Dalian. Quando l’ho saputo, per partecipare alla sua conferenza ho organizzato tre pullman per la gente del posto. Anche tutta la mia famiglia ha partecipato.

Quando il Maestro ha chiesto ai partecipanti di battere i piedi, mia suocera l’ha fatto e tutte le sue malattie sono scomparse. Non solo non era più malata, ma si è anche tolta gli occhiali che aveva portato per decenni. Ora mia suocera ha ottantacinque anni e può ancora coltivare! Ha copiato a mano lo Zhuan Falun molte volte. Tutti dicono che ha un aspetto giovane con un viso luminoso, senza rughe e allegro.

Quando il Maestro ci ha detto di battere i piedi, ha chiesto a tutti di pensare alle proprie malattie. Ha detto a coloro che non erano malati di pensare alle malattie dei loro familiari. Io non ero malata e non riuscivo a pensare a nessuno della mia famiglia che lo fosse. Volevo solo calpestare tutti i pensieri e le sostanze cattive. Alcuni hanno pestato i piedi troppo presto e non hanno seguito l’ordine del Maestro che ha detto pazientemente: “Ricominciamo”. Ha detto inoltre che sarebbe stato meglio non aspettare a studiare la Fa.

Ho riascoltato questa frase, che si è impressa più saldamente nel profondo della mia mente. Indipendentemente dalle circostanze metto sempre lo studio della Fa al primo posto. Prima della persecuzione, quando il Maestro pubblicava un nuovo articolo, lo stampavamo immediatamente e lo inviavamo agli altri praticanti il giorno stesso.

Vedere il Maestro per la terza volta

Il 4 gennaio 1995 mi sono recata a Pechino per partecipare alla cerimonia di pubblicazione dello Zhuan Falun e ancora una volta ho sperimentato la grande compassione del Maestro.

Sette praticanti della mia zona si sono recati a Pechino e i nostri posti erano molto vicini al podio. Quando il Maestro è arrivato, ci ha chiesto di alzare le mani e di lanciare il Falun a tutti. Potevo sentire il Falun che girava nelle mie mani e le rotazioni calde in avanti e all’indietro erano estremamente meravigliose! Dopo questo momento, sapevamo tutti che il Maestro sarebbe andato all’estero per diffondere la Fa e salvare le persone.

I momenti più felici della mia vita sono quelli in cui sono stata vicino al Maestro;

La cosa più onorata in questa vita è diventare un praticante della Falun Dafa;

La cosa più preziosa in questa vita è che, sotto la guida della Dafa dell’universo del Maestro, ho sperimentato anni straordinari di coltivazione personale e di miglioramento, oltre ad aver assistito il Maestro nella rettifica della Fa e ad aver resistito alla persecuzione.

La cosa più straordinaria in questa vita è essere in grado di lasciare andare gli attaccamenti alla fama, alla fortuna e agli affetti, e tornare a casa con il Maestro.

Quando studio la Fa, organizzo sempre tutto per la mia famiglia in modo che niente e nessuno interferisca. Leggo lo Zhuan Falun in silenzio e con entusiasmo, più leggo e più capisco, dimenticando l’ora, il luogo e tutte le lamentele del mondo. Non mangio e non bevo, ma non sento né fame né sete. Spesso sono in lacrime e non riesco a esprimere la mia gratitudine al Maestro.

All’inizio della mia pratica, soprattutto quando meditavo, ero spesso in lacrime senza motivo. Quando penso al Maestro ho sempre le lacrime agli occhi.

Il Maestro ha detto:

Penso che chi può ascoltare direttamente il mio insegnamento degli esercizi e della Fa sia veramente... più avanti vi renderete conto di quanto questo periodo di tempo sia stato veramente prezioso. (Prima lezione, Zhuan Falun)

Grazie, Maestro, per la Tua grande grazia e per aver salvato le persone!

Tutti i contenuti pubblicati su questo sito web sono protetti dal copyright di Minghui.org. Minghui produrrà raccolte dei contenuti online regolarmente e in occasioni speciali.

Versione cinese