(Minghui.org) Ero un “bambino problematico”. Ho iniziato a fumare e a bere quando ero alle elementari, e spesso ero coinvolto in risse. La scuola e i miei genitori alla fine hanno rinunciato a me. A scuola non ho imparato nulla. Tuttavia, ho accettato l’ateismo insegnato dal Partito Comunista Cinese (PCC). Di conseguenza, pensavo che la coltivazione fosse ridicola. Non mi importava di nulla. Sapevo solo che la vita era breve e che dovevo divertirmi.

Predestinato a coltivare

Quando avevo sedici anni, un uomo di mezza età è entrato nel negozio in cui lavorava mia madre e ha insistito per predirle il futuro. Mia madre ha rifiutato e detto: “Non ci credo. Per favore, se ne vada”. Ma l’uomo ha insistito e detto: “Non mi guadagno da vivere predicendo il futuro. Non le farò pagare un centesimo”. L’uomo ha continuato: “Di solito le persone sono designate a rinascere. Lei ha un figlio nobile. Ha scelto di nascere nella vostra famiglia. Quando avrà ventisei anni, sarà una persona molto buona. Diventerà sempre più bravo. Avrà molti amici”.

Mia madre arrabbiata ha detto: “Ho un figlio, ma mi tiene sulle spine e sono costantemente preoccupata per lui. Ha molti amici, ma la maggior parte di loro è già in prigione!”. Il cartomante ha detto ancora: “Non si preoccupi, suo figlio si riprenderà col tempo”. Dopo aver detto questo, se n’è andato.

Ho continuato a vivere in modo confuso, pensando che sarei diventato ricco.

Mio cognato era molto gentile con me. Nel 1996, quando avevo ventiquattro anni, mi ha assunto per gestire il suo albergo con la speranza che potessi ricominciare da capo. Ma non ho fatto altro che bere, litigare e giocare d’azzardo. A causa della mia cattiva gestione, nel giro di un anno il suo hotel ha registrato un deficit di 80.000 euro. All’epoca si trattava di una perdita significativa.

Nonostante ciò mio cognato non mi ha abbandonato. Mi ha assunto di nuovo per occuparmi delle vendite nella sua azienda. Purtroppo ancora una volta non ho apprezzato la sua gentilezza e un giorno in cui ero ubriaco ho litigato con lui e lasciato il lavoro. Ho incominciato a ubriacarmi tutti i giorni e ad avere dolori di stomaco a causa dell’eccessivo consumo di alcol.

A quel tempo, i miei genitori e mia sorella avevano già iniziato a praticare la Falun Dafa. Mia madre mi parlava spesso delle meraviglie della Dafa. Tuttavia, mi rifiutavo di ascoltare.

Un giorno, mia madre mi ha dato una copia dello Zhuan Falun chiedendomi di leggerlo. Ho detto: “A che serve questo libro?”. Mio padre ha risposto: “Se riesci ad aprire il tuo cuore e a leggerlo sinceramente, può accadere qualsiasi miracolo”. Anche se non ci credevo molto ero curioso, così ho preso il libro e l’ho letto.

Ero affascinato dallo Zhuan Falun. Tutte le domande che avevo sulla vita trovavano risposta una dopo l’altra. Ho scoperto che la coltivazione era vera e che le persone vivono per tornare al loro vero sé. Ho deciso così di voler coltivare.

Leggevo lo Zhuan Falun ogni giorno. Un giorno ho accompagnato mia sorella al luogo di pratica e lei mi ha invitato a fare gli esercizi. Dopo aver meditato per dieci minuti, mi facevano male le gambe. Tuttavia, quando stavo per allungarle, il dolore è improvvisamente scomparso e un’ondata di energia ha avvolto tutto il mio corpo. La sensazione era meravigliosa! Ero eccitato e pensavo: “Finalmente ho trovato un vero Maestro! Praticherò sicuramente in modo diligente!”.

Quell’anno avevo esattamente ventisei anni. Ripensando alle parole dell’indovino, mi sono reso conto che il Maestro aveva vegliato su di me prima che ottenessi la Fa. Sono diventato una persona buona e migliore. La mia visione della vita è cambiata radicalmente sotto la guida della Dafa.

Dopo aver iniziato a praticare la Falun Dafa, sono tornato a lavorare nell’azienda di mio cognato. Questa volta, ho lasciato andare il mio attaccamento alla reputazione e al denaro e sono diventato un buon dipendente all’altezza dei requisiti del Maestro. Lavoravo sodo e prendevo i compensi con leggerezza. Ho fatto del mio meglio sul lavoro.

Ogni giorno, dopo il lavoro, studiavo la Fa e facevo gli esercizi. Mentre andavo al lavoro, ascoltavo le registrazioni degli insegnamenti del Maestro. La mia vita è diventata significativa e felice. A volte andavo a trovare i miei vecchi amici, non per bere o giocare d’azzardo, ma per dire loro che avevo iniziato a praticare la Falun Dafa e che avevo smesso di fumare e di bere.

Molte persone che mi conoscevano hanno pensato che fosse incredibile. Alcune persone che avevo maltrattato in passato volevano vendicarsi. Non ho reagito perché il Maestro ci ha insegnato a vivere secondo i principi di Verità-Compassione-Tolleranza e a non reagire quando si viene colpiti o insultati.

Quando gestivo l’hotel per conto di mio cognato avevo molti debiti. All’epoca non tenevo i registri e sono passati diversi anni da allora. Come praticante, sapevo di dover essere una brava persona che pensa sempre agli altri, così sono andato a ripagarli. I debitori erano scioccati perché tutti pensavano che non li avrei mai pagati. Allora ho detto loro: “Ora pratico la Falun Dafa, e il mio Maestro ci insegna a essere brave persone. Non posso più fare cose che feriscono le persone”. Mi sono scusato per quello che avevo fatto prima. Tutti hanno detto che ero cambiato così tanto!

Ogni volta che facevo qualcosa di buono, sperimentavo la purificazione del corpo o qualche miracolo. Una volta stavo per andare a letto quando ho sentito una grande mano che mi dava alcune pacche sulla schiena e poi un sacco di pus che usciva dal naso e dalla bocca. Quando ho acceso la luce per pulire il pus ho visto che non c’era nulla. Sapevo che il Maestro stava purificando il mio corpo.

La protezione del Maestro attraverso le tribolazioni

Praticavo da soli due mesi quando ha avuto luogo il pacifico appello del 25 aprile. Un altro praticante è venuto a dire a mio padre che voleva andare a Pechino per fare appello per la Falun Dafa. Mio padre ha detto che doveva lavorare e non poteva andare. Quando l’ho saputo ho pensato: “La Dafa viene calunniata e i praticanti vengono arrestati. Non posso starmene seduto e non fare nulla”. Così mi sono messo in viaggio con alcuni praticanti verso Pechino. A metà strada, abbiamo sentito che la questione era stata risolta, così siamo tornati a casa.

Quella sera, ho sentito chiaramente una grande palla nell’addome che saliva rapidamente verso l’alto e raggiungeva la sommità della testa in pochi minuti. Non capivo bene cosa stesse succedendo. Il giorno dopo, leggendo Zhuan Falun, ho capito che si trattava dell’“installazione del passaggio misterioso”. Mi sono reso conto che il Maestro mi aveva fatto fare questa esperienza per incoraggiarmi e rafforzare la mia fiducia nella coltivazione.

Mentre la persecuzione della Dafa continuava a intensificarsi, anche il mio ambiente di pratica è cambiato. La polizia ha iniziato a molestare ogni giorno i praticanti nel luogo di pratica. Hanno registrato i nostri nomi, ci hanno spruzzato addosso getti d’acqua e hanno fatto rumore usando altoparlanti. In seguito, hanno iniziato ad arrestare i praticanti. Sono stato arrestato e picchiato molte volte perché insistevo a fare gli esercizi all’aperto.

All’inizio del 2000, ho fatto gli esercizi nella piazza della città con decine di altri praticanti. Sono stato arrestato e portato in un centro di lavaggio del cervello. Un ufficiale ha detto: “Non siamo istruiti, ma siamo bravi a torturare le persone”. Dopo aver detto questo, sono usciti a bere. Quando sono tornati, hanno iniziato a picchiarci. Io sono stato picchiato al punto che la pelle della schiena si è lacerata. A quel tempo, ero un giovane di vent’anni, e avrei reagito se non avessi praticato la Falun Dafa. Ho recitato ripetutamente la Fa del Maestro nel mio cuore e sopportato la tortura.

Durante il giorno, eravamo costretti a stare in piedi nella neve per ore indossando solo delle camicie sottili. Uno di loro ha detto: “Non credo negli dei”. Gli ho detto: “Allora perché voi che state dentro con il riscaldamento acceso finite per prendere il raffreddore, mentre noi che siamo costretti a stare fuori con le nostre sole magliette, siamo ancora sani?”. Era stupefatto e, dopo un attimo di silenzio, ha annuito e se n’è andato.

Il Maestro ha detto:

Se state attraversando una tribolazione terribile o magari una circostanza critica, provateci. Quando è difficile da sopportare, provate a sopportarlo. Quando sembra impossibile da fare o solo difficile da fare, provateci semplicemente per vedere cosa riuscite a fare. Quando riuscirete effettivamente a farlo, proprio come quel viaggiatore esausto, vedrete “l’ombra dei salici, la freschezza dei fiori, un posto per riposarsi”. (Nona Lezione, Zhuan Falun)

In seguito mi sono recato a Pechino molte volte per fare appello per la Dafa, e ogni volta ho sperimentato molte difficoltà.

Nel giugno 2000, insieme ad un gruppo di praticanti abbiamo deciso di andare di nuovo a Pechino per fare appello per difendere il Maestro e la Dafa. Tuttavia, non potevo prendere i mezzi pubblici perché la polizia aveva preso il mio documento d’identità quando ero andato ad appellarmi per la Dafa la volta precedente. Non potevo prendere un autobus senza un documento valido, così abbiamo deciso di camminare per più di 500 chilometri fino a Pechino.

Ma non è stato così facile come sembra. Abbiamo dovuto camminare dall’alba fino a notte fonda. Non ho mai camminato così tanto. Mi sono venute vesciche grandi come un uovo sui piedi, che mi facevano male a ogni passo. Non potevo nemmeno togliermi i calzini a causa del pus che sanguinava. Quando non trovavamo un albergo, dovevamo dormire nei campi. A volte abbiamo dormito sul ciglio della strada.

Una volta, a mezzanotte, abbiamo visto una grande collinetta non lontano da noi. Pensavamo che fosse un pagliaio su cui dormire, ma si è rivelata essere una tomba. Non avevamo altra scelta che incoraggiarci a vicenda per continuare ad andare avanti. Quando finalmente abbiamo trovato un piccolo albergo, avevo le gambe viola e gonfie come un ceppo d’albero. Ero così stanco che mi sono addormentato non appena mi sono seduto sul letto.

A metà del viaggio ero troppo stanco per fare un altro passo. Ero esausto e i piedi mi facevano un male terribile. Inoltre, eravamo sotto pressione perché dovevamo evitare di essere intercettati dalla polizia.

Un giorno, quando siamo arrivati a un piccolo ristorante, ho sentito che era oltre il mio limite. In quel momento, il ristorante stava suonando ripetutamente una canzone che diceva: “Lascia che la mia schiena si pieghi, lascia che le suole delle mie scarpe si consumino, guarda il cielo oltre il cielo, cammina e troverai la strada aperta per te. È difficile affrontare tutto questo, ma la gente ti ammirerà quando ce la farai”. Sentendo queste parole, non sono riuscito a trattenere le lacrime. Sapevo che il Maestro era al mio fianco, mi proteggeva e mi incoraggiava. Mi sono fatto coraggio e ho deciso di continuare. Dopo due settimane di cammino, siamo finalmente arrivati a Pechino. Il gonfiore alle gambe era scomparso e le piante dei piedi erano ricoperte da spessi calli.

Più tardi, la polizia ci ha arrestato. Un agente mi ha ammanettato con forza. Sentivo un dolore insopportabile, così ho implorato silenziosamente il Maestro di aiutarmi. Un’anziana signora accanto a me ha detto al poliziotto: “L’hai ammanettato così stretto. Non credi che gli faccia male?”. Il poliziotto ha allentato le manette. Ancora una volta ho sentito che il Maestro era accanto a me in ogni momento. Quando la mia volontà non era forte, il Maestro mi incoraggiava in vari modi. Quando soffrivo e non riuscivo a sopportare il dolore, finché pensavo al Maestro, il Maestro mi aiutava a risolverlo. Non posso descrivere a parole il mio apprezzamento per il Maestro.

Sperimentare miracoli

Mentre la persecuzione della Falun Dafa continuava a intensificarsi, la propaganda del PCC trasmessa dai media statali diffamava ogni giorno il Maestro e la Dafa. Volevamo chiarire la verità alla gente. All’inizio abbiamo cercato ovunque delle tipografie, ma poche osavano stampare i materiali di chiarimento della verità. Quelle che hanno accettato erano sottoposte a molte pressioni e dovevano chiudere a chiave le porte e lavorare di notte.

Non era una soluzione a lungo termine e troppo rischiosa, così abbiamo deciso di avviare un nostro sito di materiali. Io mi occupavo di acquistare le forniture e di consegnare i materiali.

Sotto la protezione del Maestro, ho sperimentato molti miracoli. Una volta sono andato a consegnare del materiale a una praticante. Appena arrivato, mi ha detto che i poliziotti mi aspettavano lì da diversi giorni per prendermi ma se n’erano appena andati.

Un’altra volta, la polizia è arrivata mentre stavo scaricando il materiale. Stranamente non sembravano vedermi, così ne ho approfittato per scappare. Quando la polizia è entrata nella casa del praticante, la luce si è spenta all’improvviso. Hanno dovuto andarsene perché non riuscivano a vedere nulla all’interno. Questo mi ha dato abbastanza tempo per tornare indietro e spostare tutto il materiale che avevo appena scaricato.

Sono passati ventitré anni da quando ho iniziato a praticare la Falun Dafa. Ho sperimentato così tanti miracoli nel corso degli anni. La Falun Dafa mi ha reso una persona nuova. Non posso esprimere a parole la mia gratitudine al Maestro.

Le opinioni espresse in questo articolo rappresentano i punti di vista o le comprensioni dell’autore. Tutti i contenuti pubblicati su questo sito web sono protetti dal copyright di Minghui.org. Minghui produrrà raccolte dei contenuti online regolarmente e in occasioni speciali.

Versione cinese