(Minghui.org) Il 2020 ha visto il mondo devastato dalla pandemia di coronavirus ed il 2021 è già segnato dall'incertezza, con l'emergere di nuove varianti di virus in tutto il mondo. Tutte le indicazioni, siano esse basate sulla scienza o sulla profezia, indicano una nuova ondata di virus forse più letale. È giunto il momento di fare un passo indietro e di ripensare a come restare al sicuro in mezzo alla pandemia. Questo articolo mira a fornire prospettive storiche e culturali sul coronavirus, con l'obiettivo di aiutarci a comprendere meglio le sfide che stiamo affrontando e come potremmo affrontarle positivamente.

Nuova variante del coronavirus altamente contagiosa e "fuori controllo"

Il 21 dicembre 2020, primo giorno ufficiale dell'inverno nell'emisfero settentrionale, il segretario alla sanità del Regno Unito Matt Hancock ha avvertito la gente di un nuovo ceppo "fuori controllo" del coronavirus. «I casi sonoaumentati drasticamente, quindi abbiamo ancora molta strada da fare», ha commentato Hancock «Penso che sarà molto difficile tenerlo sotto controllo».

Questo circa un anno dopo che il virus è stato inizialmente identificato a Wuhan, in Cina. Come risultato di un insabbiamento dall'alto e della continua disinformazione da parte del Partito Comunista Cinese (PCC), il virus si è diffuso in oltre 200 Paesi e regioni, con oltre 84 milioni di casi e più di 1,8 milioni di morti alla fine del 2020. Molti l’hanno chiamato virus del PCC per la sua origine.

Ma il virus sembra aver acquisito nuova forza nelle ultime settimane. Anche se decine di Paesi hanno imposto il divieto di viaggiare dal Regno Unito, il nuovo ceppo si è comunque insinuato in più di trenta Paesi, tra cui quelli europei (Germania, Francia, Italia, Spagna), tutte le nazioni nordiche, Asia (Cina, Giappone, India, Hong Kong), Oceania (Australia, Nuova Zelanda), Nord America (Stati Uniti, Canada) e Sud America (Brasile e Cile).

L'aumento dei nuovi casi nel Regno Unito è aumentato due volte: ad ottobre e di nuovo a dicembre

Secondo il grafico nell'immagine seguente a sinistra nel 2020 i casi cumulativi di coronavirus nel Regno Unito sono stati relativamente stabili tra aprile ed ottobre (250.000 a metà maggio, quasi 2.000 al giorno), ma tra ottobre e dicembre sono stati segnalati un milione e mezzo di casi in più in circa due mesi e mezzo (quasi 20.000 nuovi casi al giorno). I casi sono aumentati ancora più rapidamente dal dicembre scorso a gennaio di quest’anno.

Casi di coronavirus nel Regno Unito. A sinistra: casi cumulativi dal 27 gennaio 2020. A destra: i nuovi casi giornalieri sono aumentati più volte tra l'inizio di dicembre 2020 e l'inizio di gennaio 2021. Dati dal sito web dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)

In particolare, anche i nuovi casi giornalieri (grafico a destra) hanno mostrato una tendenza generale di crescita tra dicembre 2020 ed inizio gennaio di quest’anno.

I casi in rapida crescita hanno coinciso anche con l'approfondimento delle relazioni del governo britannico con il PCC.

Fino a poco tempo fa Downing Street si definiva notoriamente come "il miglior partner della Cina in Occidente" e si impegnava ad intensificare la sua proclamata "era d'oro" delle relazioni con Pechino", ha riportato in un articolo di ottobre il Diplomat. A differenza dell'attuale amministrazione statunitense, che ha intrapreso una serie di azioni concrete per contrastare il PCC come la politica dell'immigrazione e le sanzioni contro le imprese militari cinesi, le iniziative del governo britannico per contrastare il PCC sono relativamente limitate.

«Non sempre potremo essere d'accordo su tutto, ma fondamentalmente c'è così tanto che dobbiamo fare insieme», ha osservato Caroline Wilson nell’ottobre 2020 durante un'intervista in un summit di alto profilo a Shanghai, un mese dopo essere diventata ambasciatrice britannica in Cina. Mentre molti Paesi occidentali, tra cui gli Stati Uniti, hanno chiuso gli Istituti Confucio in tutti i continenti, Wilson ha partecipato alla cerimonia di apertura della sede cinese della Manchester Metropolitan University a Wuhan a dicembre. La sua presenza alla cerimonia è stata molto celebrata dalla potenza propagandistica del PCC, il Global Times, come “primo ambasciatore di un Paese dei Cinque Occhi a visitare Wuhan, nonostante le continue pressioni dell’alleanza dell’intelligence su una vasta gamma di questioni, dagli affari di Hong Kong al coronavirus”.

Il numero di casi del virus del PCC è aumentato drasticamente, prima in ottobre, e poi con un'altra ondata in dicembre, quando la nuova variante è andata fuori controllo. Al 5 gennaio 2021 il numero di nuovi casi nel Regno Unito era tra i 50.000 e i 60.000 al giorno.

Il Regno Unito ha impiegato sei mesi (dal 27 gennaio al 27 giugno 2020) per raggiungere 301.000 casi, ma tra il 29 dicembre 2020 ed il 3 gennaio sono stati confermati 311.000 nuovi casi in soli sei giorni. Questo ha reso il Regno Unito il Paese con il maggior numero di casi in Europa, facendo sì che il Primo Ministro Boris Johnson imponesse un lockdown nazionale dal 4 gennaio fino almeno a metà febbraio.

Forte aumento delle morti per coronavirus in Germania

I dati mostrano che la Germania è il più grande partner commerciale ed il più grande esportatore di tecnologia in Europa. La Cina è anche il più grande partner commerciale della Germania, superando gli Stati Uniti dal 2017. Questo ha messo la Germania in una posizione unica rispetto agli sforzi per contrastare la crescente aggressività del PCC.

«Mentre l’Europa valuta quale direzione prendere di fronte alla crescente belligeranza di Pechino in patria ed all’estero, è diventato sempre più chiaro che la decisione dipenda da Berlino, di gran lunga la più importante controparte cinese nella regione. Altrettanto chiaro è che il coinvolgimento economico della Germania con la Cina è diventato così esteso che invertire la rotta non è più un’opzione realistica», ha dichiarato un articolo di Politico a settembre, intitolato: "Come la Germania ha aperto la porta alla Cina e ha gettato la chiave".

Da ottobre il cancelliere tedesco Angela Merkel ha fatto pressioni affinché l'Unione Europea accettasse un importante accordo commerciale con la Cina. L'accordo è stato silenziosamente siglato nelle ultime settimane del 2020, ostacolando potenzialmente "gli sforzi congiunti USA-Europa per affrontare le sfide del PCC. Ciò è avvenuto «in un mondo sempre più in bianco e nero, dove le democrazie liberali si trovano ad affrontare una sfida esistenziale tra autoritari e populisti», ha dichiarato un articolo di Foreign Policy alla fine di dicembre, intitolato "I libri di storia potrebbero non essere gentili".

Da ottobre il numero totale delle infezioni e dei decessi in Germania è salito alle stelle. Come mostra il grafico qui sotto di tutti i 34.000 decessi legati al coronavirus, 16.000 si sono verificati nel mese di dicembre, oltre 3.600 alla settimana.

Morti settimanali in Germania causate dal coronavirus dall'agosto 2020.Dati dal sito web dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)

Tra giugno e settembre 2020 circa 1.000 persone sono morte a causa del coronavirus in Germania, soltanto il 29 dicembre sono morti 1.100 tedeschi.

La partnership commerciale tra la Germania e la Cina comunista si è estesa anche ai vaccini. Il 16 dicembre la Cina ha annunciato di essersi procurata 100 milioni di dosi di vaccino dalla tedesca BioNTech. «La Cina comunista ha divulgato all’esterno pochissimo del suo programma di sviluppo dei vaccini. Anche senza l’approvazione finale, più di un milione di operatori sanitari ed altri che sono considerati ad alto rischio di infezione in Cina hanno ricevuto vaccini sperimentali con il permesso di utilizzo d’emergenza. Ma lo sviluppatore non ha ancora rivelato la reale efficacia dei loro vaccini ed i possibili effetti collaterali che potrebbero scatenare», ha dichiarato un indiano in un articolo del 17 dicembre del Businesses Insider. «Gli esperti sanitari si chiedono anche perché la Cina stia usando i vaccini sperimentali su così vasta scala, ora che l'epidemia di coronavirus è in gran parte sotto controllo nel Paese».

Entro la fine del 2020 in Germania più di 130.000 persone hanno ricevuto il vaccino. I funzionari tedeschi sono stati criticati per non aver acquistato dosi sufficienti di vaccini BioNTech. Sandra Ciesek, direttore dell'Istituto di virologia medica dell'Ospedale universitario di Francoforte, è un'esperta del settore ed ha affermato che ci sono ancora molte incognite sulla malattia, per esempio il virus potrebbe cambiare in un modo in cui il vaccino non funzionerebbe più. «Personalmente, non credo che ci sarà una svolta nel 2021. Non c’è una pillola da prendere all’inizio della malattia che impedisca di ammalarsi gravemente», ha detto in un’intervista alla fine dell’anno scorso.

I giovani diventano soggetti suscettibili

Neil Ferguson, professore ed epidemiologo di malattie infettive all'Imperial College di Londra, ha riferito a Reuters il 21 dicembre scorso che la nuova variante tende ad infettare i giovani, compresi quelli sotto i quindici anni. Due giorni dopo ha detto in un video, basandosi su prove provenienti dalla Danimarca, un Paese con un tasso di infezione relativamente basso, era "quasi certo" che la nuova variante del virus si fosse diffusa nella "grande maggioranza se non in tutti" i Paesi europei.

Modelli simili sono stati osservati anche in altri continenti. Zweli Mukez, ministro della Sanità sudafricano, il 27 dicembre ha dichiarato che il totale dei casi nel Paese ha superato il milione, con oltre 9.500 casi segnalati solo nelle ultime ventiquattr’ore. Ha confermato che la nuova variante del virus sembra infettare i giovani più facilmente e sviluppare complicazioni.

L'ex ministro dei trasporti giapponese, Yuichiro Hata, il 24 dicembre ha accusato sintomi di influenza e febbre. Dopo essere stato portato in ospedale tre giorni dopo è morto di coronavirus all'età di cinquantatré anni, diventando così il primo membro del Parlamento giapponese a perdere la vita a causa della malattia. Era il figlio dell'ex primo ministro Tsutomu Hata.

Gli Stati Uniti non fanno eccezione. Xavier M. Harris, quattro anni, è morto a New York il 26 dicembre, diventando la vittima più giovane. Luke Letlow, quarantuno anni, membro eletto della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, è morto il 29 dicembre prima di prestare giuramento.

Quanto sarà grave la prossima ondata?

Mike Ryan, direttore esecutivo del programma di emergenza sanitaria dell’OMS, ha avvertito che la pandemia da coronavirus è un "campanello d’allarme", dicendo che «Non è necessariamente il grande problema. Se c'è una cosa che dobbiamo apprendere da questa pandemia, con tutta la tragedia e le perdite, è che dobbiamo agire insieme. Dobbiamo prepararci a qualcosa che in futuro potrebbe essere ancora più grave».

L'autorità sanitaria del Regno Unito ha detto che la variante potrebbe essere fino al 70% più trasmissibile del ceppo originale del virus. Una dichiarazione del CDC (Centers for Disease Control and Prevention) degli Stati Uniti ha anche considerato che il nuovo ceppo potrebbe «essere potenzialmente più rapidamente trasmissibile di altri ceppi in circolazione».

«Dato il nuovo ceppo, combinato con i viaggi per vacanza ed altri fattori», ha detto Anthony Fauci, direttore dell'Istituto nazionale americano per le allergie e le malattie infettive in un'intervista del 3 gennaio: «Penso che dobbiamo solo presumere che sarà peggiore».

Richard Urso, dell’American Frontline Doctors, aveva messo in guardia dagli effetti collaterali dei vaccini. Carol Karmen, un medico di New York, ha scoperto che gli effetti collaterali includono perdita di capelli, dolore al petto ed altri sintomi che colpiscono ogni sistema del corpo. «Non sappiamo perché alcune persone si sono ammalate così gravemente», ha detto in un'intervista con la ABC a gennaio. «Perché una persona ha un raffreddore o sintomi simili all'influenza per due giorni e l'altra è in terapia intensiva?».


Lezioni di storia

In una certa misura la nuova ondata di infezione osservata nel Regno Unito ed in Germania è simile alla situazione dell'influenza spagnola del 1918. Questa, che si è verificata in due ondate successive, ha contagiato 500 milioni di persone, circa un terzo della popolazione mondiale dell'epoca, con un numero di morti compreso tra i venti ed i cinquanta milioni.

La prima ondata ebbe luogo nella primavera del 1918 e fu simile all'influenza stagionale, con una guarigione che avveniva generalmente in pochi giorni. Quando nell'autunno si verificò l'ondata più altamente contagiosa fu molto diversa. «Le vittime morivano a poche ore o giorni dallo sviluppo dei sintomi, la loro pelle diventava blu ed i polmoni si riempivano di liquido provocando soffocamento. In un solo anno, il 1918, l'aspettativa di vita media in America è crollata di una dozzina d'anni», ha dichiarato un articolo di History Channel nel maggio scorso.

Simile al coronavirus, la nuova variante dell'influenza spagnola si diffuse in pochi mesi in tutto il mondo, anche in aree remote. Il numero di casi aumentònotevolmente. La popolazione più vulnerabile era quella giovane e in forma, lasciando molti anziani e bambini soli.

La comunanza nelle profezie

L'astrologo e medico francese Nostradamus predisse la rivoluzione francese, Napoleone, i nazisti, il marxismo e l'attacco terroristico dell’11 settembre. Il giornalista e scrittore giapponese Ben Goto ha scoperto che il 99% delle profezie di Nostradamus sono state accurate.

Nostradamus alludeva alla pandemia del 2020 sottolineando che l’anno successivo sarebbe stato più distruttivo. «Padri e madri morti di infiniti dolori. Donne in lutto, il mostro pestilenziale: il Grande non ci sarà più, il mondo intero finirà", scriveva in Les Prophéties.

Profezie simili esistono anche in altre culture. Abhigya Anand, un astrologo adolescente che aveva previsto la pandemia del coronavirus, ha fatto altre previsioni nel novembre scorso. Ha detto che potrebbero esserci guerre, pestilenze, epidemie, crolli economici ed altre calamità. Ha anche aggiunto che questi disastri sarebbero stati rivelati entro febbraio 2021.

Anthony Cheng, un profeta della Malesia, ha elencato quattordici previsioni alla fine del 2019, di cui tredici si sono avverate. Tra queste la pandemia da coronavirus, il rallentamento dell'economia e la disoccupazione massiccia. Per quanto riguarda il 2021 ha affermato che le nuove varianti del virus aumenteranno drasticamente il numero di infezioni. Con virus e malattie le persone si troveranno ad affrontare molteplici sfide.

Anche Dimujing, una delle antiche profezie cinesi, aveva fatto predizioni simili. Diceva che molte persone sarebbero morte entro la fine del 2020, mentre la situazione si sarebbe deteriorata nel 2021, dove «solo la metà delle persone sarebbe sopravvissuta», analogamente alla previsione di Nostradamus.

Soluzione e speranza

Come analizzato in precedenza le infezioni da coronavirus non si sono verificate in modo casuale. Sia nel Regno Unito che in Germania la situazione si è rapidamente deteriorata dopo che questi Paesi hanno rafforzato i loro legami con il PCC.

Il virus segue l'infiltrazione del PCC

Anche nel 2020 sono stati osservati modelli simili. L'Italia, primo e unico Paese del G7 a collaborare con il PCC alla nuova via della seta, è stata colpita duramente dal virus. L’Iran è stato un hub cruciale per l’espansione del PCC ed un partner strategico ed i suoi tassi di infezione e di mortalità sono rimasti elevati.

Gli Stati Uniti, d'altra parte, sono stati uno dei principali attori nell'aiutare il PCC a diventare una potenza globale, facilitando inavvertitamente la diffusione della sua ideologia comunista. I due stati più infiltrati dal PCC: New York e la California sono stati anche i più colpiti dal virus. Germania, Francia e Spagna hanno tutti collaborato con il PCC in vari modi ed hanno sofferto molto a causa della pandemia. Al contrario Taiwan ha sempre avuto un numero di casi molto basso e non ha avuto bisogno di applicare misure di confinamento o chiusura totale. Questo potrebbe essere dovuto alla dura posizione che Taiwan assume contro il PCC, sia politicamente che ideologicamente.

Anche all'interno della Cina si sono visti modelli simili. Ad esempio, sulla base dei decessi per coronavirus di una grande impresa nel febbraio 2020, l'88% dei morti erano membri del PCC. I decessi sono stati distribuiti in modo uniforme tra le varie fasce d'età e quasi la metà erano giovani. In un altro elenco diffuso nel mese di marzo, tra le 315 vittime di coronavirus della lista più di 200 erano membri del PCC. Nel complesso, rappresentano solo il 6% o il 7% dell'intera popolazione cinese. Questi dati suggeriscono che la malattia colpisce soprattutto i membri del PCC.

Il virus segue la via dell'influenza comunista. Negli Stati Uniti il PCC si è gravemente infiltrato nella società in molti settori, tra cui l'economia, i media, l'istruzione e la politica. I dati dal 1° maggio all'11 novembre mostrano che molti stati che sostengono un'ideologia socialista hanno un tasso di mortalità molto più alto rispetto agli stati che si oppongono al socialismo. In particolare, negli USA gli Stati rossi sono stati colpiti la metà rispetto agli gli Stati blu.

Dopo la pubblicazione dei Nove Commentari sul Partito Comunista nel novembre 2004, oltre 370 milioni di persone hanno abbandonato il PCC e le sue organizzazioni giovanili, la Lega della gioventù comunista e i Giovani Pionieri. Al di fuori della Cina, anche negli Stati Uniti, molte persone hanno cominciato a capire cosa sia realmente il PCC iniziando così a rifiutare il regime.

Custodire i valori tradizionali e la fede

Nel corso dei millenni di cultura tradizionale cinese la gente ha sempre creduto nell'armonia del cielo, della terra e dell'umanità. Come tali, essi veneravano il divino, amavano l'ambientee praticavano la gentilezza verso gli altri. A loro volta erano benedetti con la salute, la sicurezza e la prosperità per la loro onestà ed integrità.

Dopo che il PCC ha preso il potere in Cina, diversi decenni fa, la situazione è cambiata. Attraverso massicce campagne di propaganda e violenti movimenti politici il PCC ha impostol'ideologia comunista di odio e menzogna ed ha quasi spazzato via la cultura tradizionale cinese.

Tra i gruppi soppressi dal PCC il più grande è il Falun Gong, un sistema di meditazione basato sui principi di Verità, Compassione e Tolleranza. Coerentemente con i valori tradizionali cinesi i praticanti del Falun Gong applicano questi principi nella loro vita quotidiana per diventare cittadini migliori, ma il PCC negli ultimi ventuno anni, a partire dal luglio 1999, ha brutalmente represso il gruppo lasciando decine di milioni di praticanti e le loro famiglie in miseria.

Liu Bowen, uno dei più famosi profeti della storia cinese, ha anche predetto la pandemia coronavirus nell’iscrizione sul monumento del Monte Taibai. Più specificamente ha previsto che l'epidemia sarebbe iniziata intorno a novembre o dicembre 2020 in una località nella provincia dell’Hubei, per poi diffondersi in altre località. Queste previsioni coincidono con la situazione nel 2020. Attraverso un puzzle di parole cinesi, Liu ha detto alla gente che, seguendo i principi di Verità-Compassione-Tolleranza, sarebbe stati benedetti nella calamità. Allo stesso modo, Abhigya Anand sottolinea anche l'importanza della fede.

Nostradamus ha menzionato nella sua profezia che le dottrine di Marx (Mars) avrebbero dominato il mondo in nome di una vita migliore per le persone, il che è simile all’influenza globale del PCC, alla sua ideologia comunista.

Abbiamo tutti imparato molto dalla pandemia di coronavirus, e il pericolo del PCC è diventato sempre più evidente. L'astronomo e fisico planetario americano, Robert Jastrow, una volta disse: «Per lo scienziato che ha vissuto avendo fede nel potere della ragione, la storia finisce come un brutto sogno. Ha scalato la montagna dell'ignoranza, sta per conquistare la vetta più alta; mentre si solleva oltre l’ultima roccia viene accolto da una banda di teologi che erano seduti lì da secoli».

Speriamo sinceramente che più persone, nell'affrontare queste sfide, seguano la loro coscienza ed abbraccino la fede ed i valori tradizionali,in modo che tutti possano essere benedetti con la salute e la salvezza.

Versione cinese