(Minghui.org) Saluti, Maestro! Saluti, amici praticanti!

Avendo praticato la Falun Dafa per 22 anni, ho sperimentato l’immensa compassione del Maestro Li (il fondatore della Falun Dafa) nel salvarmi, incoraggiarmi e proteggermi nel mio percorso di coltivazione.

La mia gratitudine al Maestro va oltre le parole e so che non potrò mai ripagare la sua compassione. Io posso soltanto fare bene ciò che è richiesto a un discepolo della Dafa.

Da quando il Partito Comunista Cinese (PCC) ha cominciato a perseguitare la Falun Dafa, nel luglio 1999, ho lavorato duramente per far sapere alla gente quanto sia veramente terribile il PCC e come abbia mentito e diffamato la pratica.

Distribuzione del materiale informativo

Nel luglio del 1999, nemmeno un anno dopo che avevo iniziato a praticare, l’allora leader del PCC Jiang Zemin, ha lanciato una campagna nazionale per eliminare la Falun Dafa. Io e altri praticanti abbiamo distribuito materiale informativo per spiegare cos’è la pratica e perché la persecuzione è illegale.

A parte striscioni e amuleti, tutti gli altri materiali di chiarimento della verità li facevo io. Di solito li preparavo di notte e poi li distribuivo il giorno seguente a mezzogiorno, vicino al mio posto di lavoro. Occasionalmente dopo il lavoro, invece di tornare subito a casa, andavo a distribuirli anche altrove e nei fine settimana, prendevo l’autobus per andare in posti un po’ più lontani. Avevo un solo pensiero: distribuire più materiale per aiutare più persone a comprendere i fatti sulla Falun Dafa e a vedere attraverso le bugie del PCC riguardo alla pratica.

Anche se mio marito non è un praticante, mi sostiene e spesso mi ha accompagnata in luoghi lontani per distribuire materiali informativi. Dopo aver coperto ogni angolo della nostra città, ci siamo spostati in altri paesi e città. Se un posto fosse stato troppo lontano, ci fermavamo in un hotel per la notte e tornavamo a casa il giorno dopo. Abbiamo fatto questo per oltre 10 anni e le cose sono andate bene.

Anche se il lavoro da fare durante la dura persecuzione è stato tanto, per me quelli sono stati anni memorabili. Potevo anche sentire l’aiuto compassionevole del Maestro. Per esempio, a volte sentivamo avvisi di ingorghi stradali, ma quando arrivavamo, il traffico era scorrevole. Mio marito ha perfino chiesto se magari le stazioni radio ci avessero informato male. “No, non è così”, rispondevo. “Il Maestro ci sta aiutando”. Dopo che episodi simili continuavano a ripetersi, mio marito ha creduto a quello che dicevo.

Per motivi di sicurezza, prendevamo spesso strade secondarie. Quando chiedevamo indicazioni ai residenti locali, davo loro materiali informativi o DVD. Una volta, mentre li stavo distribuendo in un villaggio, una donna mi ha detto: “Ho appena visto il DVD che mi hai dato, è fantastico!” Ho quindi scoperto che tempo prima le avevo dato dei materiali quando le avevo chiesto indicazioni all’ingresso del villaggio.

Molto spesso dopo aver lasciato un villaggio da una strada laterale, rimanevamo sorpresi nel vedere che si collegava a quella principale, che in breve tempo ci avrebbe portati all’autostrada. Era un miracolo. A volte era ancora presto e, lasciando un villaggio, potevamo vedere il bellissimo tramonto attraverso i campi aperti. Era uno spettacolo magnifico ed ero grata per l’aiuto del Maestro lungo la strada.

Convalidare la Fa sul posto di lavoro

Quando è iniziata la persecuzione, avevo iniziato a praticare solo da pochi mesi e non sapevo cosa fare. Dopo aver letto i libri della Falun Dafa, tuttavia, ho capito che la Dafa era giusta e ho deciso che avrei continuato a praticare apertamente e con dignità, qualunque cosa fosse successa. Con questo pensiero, ho sentito un’enorme energia, che sapevo provenire dal Maestro. Forti pensieri retti sono emersi nella mia mente, ed ero determinata a convalidare la Fa in qualsiasi circostanza. Sono arrivata a comprendere che, come discepolo della Dafa, la mia missione è convalidare la rettitudine della Dafa, non importa dove fossi.

Nondimeno, c’era una tremenda pressione. A volte i miei colleghi mi guardavano in modo strano o facevano commenti casuali che ferivano i miei sentimenti. Mi hanno persino isolata. Una volta c’era molto lavoro, e tutti tranne me sono stati chiamati a fare gli straordinari. Normalmente sarei stata felice di non dover fare gli straordinari, ma quell’incidente mi ha fatto sentire particolarmente esclusa.

Il lunedì successivo, quando sono tornata al lavoro, le persone si comportavano come se non esistessi e parlavano di cose divertenti successe durante gli straordinari del fine settimana. Ho pensato che questo non fosse semplicemente ignorarmi, ma piuttosto un tentativo di distruggere la mia forza di volontà. Guardando indietro, mi rendo conto che i miei colleghi probabilmente non si comportavano in quel modo di proposito, ma allora mi sentivo molto ferita perché non avevo ancora una comprensione profonda della Fa. Ricordo che per un periodo di tempo non volevo andare a lavorare.

Nonostante le mie lotte, fortunatamente tenevo a mente gli insegnamenti del Maestro e lavoravo duramente per rimanere impassibile. Studiavo la Fa prima del lavoro per rafforzare i miei pensieri retti. Quando ho letto “Migliorare la xinxing” nella quarta lezione dello Zhuan Falun, ho capito che dovevo trattare qualsiasi cosa accadesse al lavoro come opportunità per migliorare me stessa e mostrare agli altri che cos’è veramente la Dafa.

Dopo di che, ho guardato incondizionatamente dentro di me per vedere quali attaccamenti avessi ancora. Non appena identificavo un attaccamento, lavoravo duramente per rinunciarvi.

Sono stata diligente con i miei compiti al lavoro, e ogni volta che non ero occupata, mi mettevo le cuffie e ascoltavo le conferenze audio del Maestro. Man mano che lasciavo andare le mie nozioni umane, le cose diventavano più semplici da gestire. Mi sono resa conto che tutto ciò che incontravo era predisposto per la mia coltivazione.

Anche la situazione ha cominciato a cambiare. Il manager e la direzione dell’azienda si fidavano di me e riconoscevano il mio rendimento lavorativo. Nel giro di qualche mese, il mio stipendio è raddoppiato e sono stata promossa a capo di una squadra. Questo, è proprio come ha detto il Maestro:

La coltivazione dipende da voi, mentre la trasformazione delgongdipende dal maestro.”(Prima Lezione, Zhuan Falun)

Più tardi ho iniziato a parlare della Falun Dafa con i miei colleghi. “Se dici di essere una praticante della Falun Dafa, so che questa pratica deve essere buona”, ha detto uno di loro. Ero molto commossa, come se fossi circondata da una forte energia. Sapevo che questo era un incoraggiamento del Maestro.

Una volta, un altro collega, mi ha detto: “Tu sei diversa da quello che dice la televisione (sui praticanti della Falun Dafa)”.

“Sai, quelle sono tutte bugie che ingannano la gente”, ho risposto. Ho anche capito che le nostre stesse parole e azioni sono il modo migliore per mostrare cos’è la Falun Dafa.

Convalidare la Fa in casa

Sebbene mio marito non fosse contrario alla pratica, nei primi giorni della persecuzione è stato ingannato dalla propaganda diffamatoria. Ho pensato “Se non riesco nemmeno ad aiutare mio marito a vedere attraverso la propaganda d’odio e a capire che la Falun Dafa è buona, chi altro potrei mai convincere a credermi?”

Poiché a quel tempo la mia comprensione della Falun Dafa era superficiale, finivo spesso per litigare con mio marito quando cercavo di dirgli che la persecuzione era illegale. Dopo che mi sono illuminata a più principi della Fa, gli ho parlato più approfonditamente, ma finivamo ancora per discutere.

Nel frattempo, ho cominciato a guardarmi dentro per migliorare me stessa e avere più compassione e pazienza. Più tardi, ho visto che, sebbene continuasse a discutere con me, aveva ascoltato ciò che gli avevo detto prima. Quando gli ho spiegato le mie nuove conoscenze, però, si è confuso di nuovo e ha ricominciato a litigare con me. Ho quindi capito che stava cambiando man mano che facevo progressi nella coltivazione. Ancora oggi, di tanto in tanto, discutiamo quando condivido con lui le mie nuove comprensioni sulla Fa.

Di conseguenza, il mio ambiente familiare è generalmente di sostegno. Mio marito ha persino detto alla gente che non ha visto in me nessuna delle false affermazioni del PCC sulla Dafa. Da questo, ho visto che mio marito era gentile, il che mi ha fatto capire quanto sia potente chiarire la verità. Ringrazio il Maestro per avermi incoraggiata a chiarire la verità anche a mio marito. In seguito, infatti, non solo mi ha accompagnata in luoghi lontani per distribuire materiali, ma mi ha anche aiutata ovunque avessi bisogno di lui.

Un giorno, un ufficiale di polizia mi ha chiamato a casa, la cosa mi ha messo sotto stress per alcuni giorni. Mio marito mi ha detto: “Non ti preoccupare. Puoi contare su di me”. Molto spesso, dopo queste telefonate, la polizia o i funzionari della comunità locale si presentavano a casa dei praticanti sostenendo di dover verificare i dati di registrazione della famiglia o di controllare le utenze. Mio marito ha spesso gestito lui queste visite.

Una volta, sono venute diverse persone del comitato di quartiere per verificare le registrazioni delle famiglie e i documenti d’identità. Mio marito ha dato loro le informazioni richieste, tuttavia sono tornati poco dopo per farmi una foto, ma lui glielo ha impedito.

“Se non collabori con noi, verrà la polizia”, ha minacciato uno di loro.

“Potete raccontarlo a chi volete”, ha risposto mio marito chiudendo la porta. “Non ho violato nessuna legge e non ho tempo da perdere!”

Anch’io non mi sono scoraggiata. Mi sono guardata dentro per vedere se avessi qualche mancanza. Quei funzionari non sono più tornati. Questa esperienza ha dato a me e a mio marito fiducia nella Dafa. La mia fede nel Maestro e nella Dafa è diventata ancora più forte.

Una volta insieme ad un altro praticante siamo usciti per rimuovere un manifesto diffamatorio, e mio marito ci ha dato un passaggio. Mentre stavamo rimuovendo il manifesto, però, qualcuno ci ha visto e ci ha denunciato alla polizia. Mentre gli agenti ci stavano arrestando, ho visto mio marito tra la folla che mi sorrideva come per dire: “Non preoccuparti”. Il suo sostegno mi ha commosso.

Alla stazione di polizia, continuavo a inviare pensieri retti e sapevo che non era il mio posto. Nel mio cuore ho detto al Maestro: “Maestro, mi dispiace. Non mi sono comportata bene. Rettificherò le mie omissioni nella Fa, ma non riconosco alcuna persecuzione che sfrutta le mie omissioni come scusa. Per favore, aiutami ad uscire da qui!”

Dopo circa un’ora il Maestro ha aiutato me e l’altro praticante ad uscire dalla stazione di polizia.

Fuori dalla stazione, ho visto mio marito che aveva seguito l’auto della polizia per venire a salvarmi.

“Come hai fatto ad uscire?” ha chiesto sorpreso e felice.

“Il Maestro mi ha aiutata”, ho risposto. Ho veramente sentito la protezione del Maestro.

Dopo questo incidente, mio marito non mi ha mai criticata, né mi ha raccomandato di stare attenta; al contrario, invece di farmi pressione, ha cercato di rassicurarmi: “Questo incidente è finito. Se ci sono delle conseguenze, me ne occuperò io”. Ero molto felice del suo sostegno e del suo senso della giustizia.

Carte telefoniche

Chiamare le persone per chiarire loro i fatti è un altro modo efficace per chiarire la verità. Per motivi di sicurezza, tuttavia, dobbiamo cambiare di tanto in tanto le schede telefoniche. Ho iniziato a farlo nel 2013 e dal 2015 ho intensificato i miei sforzi.

All’inizio, dopo che parlavo con loro al telefono, ogni mese più di 20 persone lasciavano il PCC. In seguito, il numero è aumentato fino a 120/200 persone al mese. Nel 2017, però, le schede telefoniche erano spesso bloccate. Non mi sono scoraggiata e ho iniziato a guardarmi dentro per vedere cosa non avessi fatto bene e che avesse potuto causare il blocco delle schede telefoniche.

Nel 205 e 2016, le schede telefoniche erano poco costose e molti praticanti hanno iniziato a partecipare al progetto. Poiché ricaricare una scheda o comprarne una nuova costava quasi uguale, spesso la buttavamo via dopo averla usata. Alla fine del 2016, però, è diventato difficile comprare le schede. Mi sono guardata dentro e mi sono resa conto che non ero riuscita ad apprezzare appieno le risorse fornite dai praticanti quando ho scartato le schede e quindi ho portato un’enorme pressione al praticante che mi ha fornito le schede telefoniche.

Un praticante mi ha comprato 4 schede telefoniche alla fine del 2017. Ho usato le schede per telefonare su 2 cellulari per circa 7/10 ore al giorno per quasi 2 anni, durante i quali ogni mese ho aiutato dalle 90 alle 150 persone a lasciare il PCC.

Nel dicembre 2018, tutte e 4quattro le schede hanno smesso di funzionare. Quando mi sono guardata dentro per vedere dove potessi migliorare, ho capito che avevo attaccamenti a zelo, compiacenza e alla comodità. Ho contattato mia sorella, anche lei praticante, in un’altra città. “Anche qui hanno smesso di vendere le schede”, mi ha detto. “Forse dovresti prenderti una pausa per continuare a riflettere sulla tua coltivazione”.

Ho intensificato lo studio della Fa e sono arrivata a vedere che spesso inventavo scuse per nascondere i miei attaccamenti, in nome del chiarimento dei fatti e della salvezza delle persone. Ma questo non era ciò che un praticante dovrebbe fare, così ho deciso di lasciar andare tutte queste nozioni umane.

Alcuni giorni dopo, mia sorella mi ha detto che aveva acquistato delle nuove schede per me. In effetti, il venditore le aveva permesso di acquistare tutto ciò di cui aveva bisogno. Entrambe eravamo grate per la compassione del Maestro.

Il Maestro ha detto:

“Solo facendo bene le tre cose si può eliminarle e cambiare il pensiero scolpito dalla cultura del Partito, inclusa la paura.”
(“Insegnamento della Fa alla Conferenza della Fa 2013 negli Stati Uniti occidentali”)

Dopo lo scoppio della pandemia, la gente era chiusa in casa e potevo sentire il loro sollievo quando li chiamavo e dicevo loro come mettersi al sicuro e in salute. Ho spesso versato lacrime pensando all’immensa compassione del Maestro. Ho anche apprezzato l’abilità che il Maestro mi ha conferito per essere in grado di parlare alle persone in modo efficace.

Oltre a studiare la Fa, a fare gli esercizi e inviare pensieri retti, passavo il resto del mio tempo a fare telefonate, poiché sentivo veramente l’urgenza di salvare le persone. A volte facevo telefonate fino alle 22:30 perché molte persone mi ascoltavano. Tra febbraio e agosto del 2020, sono stata in grado di aiutare ogni mese circa 150 persone a lasciare le organizzazioni del PCC. Anche quelli che non l’hanno fatto, hanno comunque ascoltato l’intera telefonata.

Ho avuto anche delle opportunità per migliorarmi. A luglio dello scorso anno una delle mie schede telefoniche ha avuto problemi. Ho prestato poca attenzione alla cosa, ma circa un mese dopo, altre due schede hanno smesso di funzionare. Guardandomi dentro ho scoperto che stavo ancora mantenendo attaccamenti alla comodità e all’ego, ma in qualche modo sentivo di avere ancora degli attaccamenti più profondi.

Altre schede si sono bloccate. Il mio cuore era turbato e mi sentivo sopraffatta dalle preoccupazioni e da altri pensieri negativi. Ho dovuto smettere di fare telefonate, nonostante fossi abituata a farlo ogni giorno ad orari prestabiliti. Poi mi è venuto in mente che la mia abitudine di telefonare era diventata un attaccamento. Questo pensiero mi era effettivamente balenato nella mente quando ho avuto problemi con la prima scheda telefonica, ma non ci ho più pensato. Sono andata avanti con le mie telefonate, ma le schede hanno continuato a bloccarsi. Mi sono resa conto che l’insistenza nel seguire la mia abitudine di fare telefonate senza prima identificare i miei attaccamenti era stata sfruttata dal male e la cosa mi imponeva altri pensieri negativi. Mi sentivo come se fossi stata spinta in un vicolo cieco e sono stata molto triste per diversi giorni.

Poi ho ricordato ciò che ha detto il Maestro:

“Tutto ciò che il male ha fatto, ha in realtà mirato agli attaccamenti e alle paure che voi non avete lasciato andare. Voi siete i futuri Esseri Illuminati che stanno diventando Budda, Tao e Divinità, e non siete interessati alle perdite e ai guadagni di questo mondo. Quindi, dovreste essere in grado di lasciar andare ogni cosa. Se proprio ora non foste attaccati al raggiungimento del Compimento, il male non sarebbe stato in grado di approfittare di quest’ultima insufficienza.”
(“Elementi essenziali per un ulteriore avanzamento II”)

Ho avuto il pensiero di dover rinunciare a tutti i miei attaccamenti e che avrei ricominciato da capo, come se fossi una praticante nuova di zecca. Ho continuato a guardarmi dentro e mi sono resa conto che mi stavo per rilassarmi e rallentare. Avendo coltivato per così tanti anni, avevo fatto le tre cose senza problemi, perché avevo fede nel Maestro e nella Dafa. Allora cos’ho fatto di sbagliato che ha portato all’attuale situazione di blocco delle schede telefoniche?

Mentre cercavo faticosamente qualsiasi attaccamento più profondo, un giorno mentre stavo facendo gli esercizi, il Maestro mi ha dato un suggerimento. Mi sono resa conto che ero stata influenzata dalla predizione “Il cielo eliminerà il PCC”. Infatti, ero attratta da qualsiasi notizia al riguardo. Mentre guardavo e leggevo cose in merito, nozioni umane entravano nella mia mente. In effetti, anni prima, mi ero promessa di non farmi ingannare dalle illusioni del mondo umano, ma non sono riuscita a fare bene e mi sono comunque lasciata trasportare da questa notizia.

Mi sentivo triste per aver deluso il Maestro, ma ero anche immensamente grata. Questa esperienza, infatti, mi servirà per motivarmi a rettificare le mie omissioni, ad abbandonare i miei attaccamenti rimanenti e ad impegnarmi nella coltivazione.

In questo momento ho capito che, indipendentemente da quello che succede in questo mondo, noi praticanti dobbiamo rimanere concentrati sulla nostra coltivazione e sul nostro miglioramento. Questo perché le opportunità, per noi, sono senza precedenti e dobbiamo sfruttarle al meglio. Mi sento estremamente onorata di essere un discepolo della Dafa del periodo di rettifica della Fa.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell’articolo e sia presente un collegamento all’articolo originale