(Minghui.org) Poiché la pandemia di Covid-19 continua a devastare il mondo, nessuno vuole essere a “stretto contatto” con chiunque abbia il virus. Ogni volta che viene segnalato un nuovo caso, i familiari e i colleghi degli infettati sono tra i primi ad essere messi in quarantena.

La situazione con la variante Delta è ancora più grave. In Cina, ci sono stati casi in cui le persone sono state infettate mentre aspettavano in fila per eseguire un tampone. Tra gli infetti c’erano un bambino di due anni e uno di otto mesi nella città di Nanchino, nella provincia di Jiangsu, dove nell’ultimo focolaio in Cina è stato rilevato il primo paziente (“paziente zero”) infettato dalla variante Delta.

Molte domande riguardo lo “stretto contatto” sono ancora senza risposta. Ad esempio, il Partito Comunista Cinese (PCC) ha affermato che il “paziente zero” nella città di Nanchino era un membro dell’equipaggio di terra entrato in precedenza, a pulire un aereo proveniente dalla Russia. Ma le autorità non riescono a spiegare perché nessuno dei passeggeri sia stato infettato durante il volo di nove ore dalla Russia a Nanchino. Possibile che l’addetto alle pulizie sia stato infettato dopo aver trascorso solo 30 minuti a bordo dell’aereo e successivamente abbia causato una diffusione del virus in tutta la città?

In questo articolo, evidenzieremo alcuni esempi di persone esposte a pazienti Covid-19 che sono rimasti perfettamente sani. Ciò indica che il virus può diffondersi in un modo che la scienza moderna non può spiegare e che ci possono essere soluzioni migliori rispetto ai vaccini, soprattutto data la rapidità con cui il virus sta mutando.

Coinquilini, uno infetto e l’altro no

La signora Liang Qiongyu a Taiwan pratica il Falun Gong, un sistema di meditazione noto anche come Falun Dafa che si basa sui principi di Verità, Compassione e Tolleranza. Durante la pandemia, suo marito lavorava in un paese dove, ogni giorno, si sono verificati molti nuovi casi.

Preoccupata per la sicurezza del marito e dopo aver assistito al miracoloso potere curativo del Falun Gong su molte persone, Liang lo ha chiamato ogni giorno ricordandogli di tenere a mente “La Falun Dafa è buona. Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”. Ma suo marito era ateo e ha rifiutato il suo consiglio.

Anche la nonna di Liang gli ha suggerito di fare lo stesso. Non volendo disobbedire ad un’anziana, ha seguito il consiglio di recitare le frasi sopra menzionate.

Liang Qingyu (a destra) pratica gli esercizi del Falun Gong insieme a sua nonna

A quel tempo, il compagno di stanza e collega del marito di Liang ha iniziato a tossire molto e a volte rimaneva quasi senza fiato. Questo è andato avanti per quasi un mese.

Un giorno, mentre parlava al telefono con Liang, l’azienda dove lavora gli ha notificato di non tornare al dormitorio.

“Che cosa è successo? Sono infetto?” si è chiesto il marito.

Liang gli ha assicurato di non preoccuparsi. “Per favore continua a recitare ‘La Falun Dafa è buona. Verità, Compassione e Tolleranza sono buone’ e starai bene”, ha detto.

Forse, troppo preoccupato di essere infettato dal suo coinquilino, con sua grande sorpresa ha accettato senza esitazione.

Più tardi quel giorno, la sua azienda gli ha notificato che il suo coinquilino era stato effettivamente infettato. Lui e il suo coinquilino stavano insieme quasi 24 ore al giorno, vivevano nello stesso dormitorio e lavoravano insieme. I due condividevano lo stesso impianto di climatizzazione e lo stesso bagno e spesso mangiavano insieme.

Il marito di Liang è poi stato messo in quarantena. Sia lui che il suo coinquilino venivano testati ogni tre settimane. Lui era sempre negativo, mentre il suo coinquilino è risultato positivo fino a quarto tampone.

Il marito di Liang è stato molto grato al Falun Gong. Dopo essere tornato a Taiwan, si è iscritto a una sessione di 9 giorni e ha guardato le video lezioni del Signor Li Hongzhi, fondatore del Falun Gong, e ha iniziato a leggere i libri della Dafa, tra cuiZhuan Falun.

Marito e moglie infermieri a Wuhan non si ammalano

La figlia e il genero di un’altra praticante del Falun Gong che vive a Wuhan, nella provincia dell’Hubei, un tempo epicentro della pandemia, sono infermieri in un importante ospedale di Wuhan. Suo genero lavora al pronto soccorso. Al culmine della pandemia, la giovane coppia ha interagito con un gran numero di pazienti Covid ogni giorno e alcuni dei loro colleghi sono stati infettati. Anche loro erano molto stressati.

Una settimana prima del Capodanno cinese, il 18 gennaio 2020, la praticante ha invitato la figlia e il genero a cena. Vedendo quanto fosse stressato suo genero, la praticante ha nuovamente ricordato ad entrambi di recitare “La Falun Dafa è buona. Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”. Ha anche parlato del Falun Gong in modo più approfondito, smascherando la propaganda diffamatoria del PCC. La coppia è stata molto interessata.

Poiché avevano lasciato le organizzazioni del PCC molto tempo fa e si sono sempre ricordati di recitare “La Falun Dafa è buona. Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”, sono rimasti al sicuro durante tutta la pandemia, nonostante il loro stretto contatto con i pazienti Covid in ospedale.

L’altra figlia della praticante, un medico in un altro ospedale di Wuhan, ha avuto un’esperienza simile. A lavoro, è stata assegnata nella clinica per la febbre e ha interagito con i pazienti ogni giorno per un mese, compresi quelli già infettati dal virus. Come sua sorella minore, anche lei ha ascoltato il consiglio di sua madre ed è rimasta incolume.

Sopravvivere alle festività a Wuhan

Un praticante di Wuhan ha raccontato che quando è scoppiata per la prima volta la malattia, alla fine del 2019, poche persone ci hanno prestato attenzione, a causa dell’insabbiamento del PCC. Inoltre, il Capodanno cinese si stava avvicinando e tante persone si stavano spostando per andare a trovare parenti e festeggiare. Il padre del praticante, in particolare, ha partecipato alle festività quasi ogni giorno, a volte mescolandosi con decine e persino centinaia di persone. Lo ha fatto fino alla chiusura della città, il 23 gennaio 2020.

Uno degli amici del padre, Bao, all’inizio di gennaio 2020 ha partecipato a due feste con i compagni di classe del college. Poiché uno di loro era già infetto, sia Bao che sua moglie hanno contratto la malattia. Sia Bao che il suo compagno di classe sono deceduti.

Dopo aver letto rapporti simili sui social media (WeChat) ogni giorno, il padre del praticante è diventato molto preoccupato. Sebbene non fosse un praticante del Falun Gong, sosteneva comunque la pratica e aveva già lasciato le organizzazioni del PCC. Sia lui che la sua famiglia hanno considerato un miracolo il fatto di essere sopravvissuto dopo aver partecipato a tutte quelle feste.

Una grande famiglia di oltre 30 persone risparmiata

Situazioni simili si sono verificate anche nelle campagne. Un esempio è stato descritto nell’articolo di Minghui “Perché il Coronavirus Wuhan ha risparmiato gran parte della mia famiglia?” L’autrice ha scritto che la sua famiglia allargata è composta da più di 30 persone. Più di 20 di loro si sono riuniti per una cena di Capodanno, il 24 gennaio 2020, il giorno dopo la chiusura di Wuhan.

Il giorno seguente, suo cugino, Tao, ha avuto la febbre e continuava a tossire. Dopo due giorni, gli è stato diagnosticato il coronavirus. “A parte mio cugino Tao, tutti nella mia famiglia sostengono il Falun Gong e hanno lasciato le organizzazioni del PCC”, ha scritto l’autrice. Ma Tao era diverso. Ingannato dalla propaganda diffamatoria, una volta ha attaccato il Falun Gong in pubblico.

Quando l’autrice ha parlato di nuovo con Tao, questa volta gli ha creduto. Ha chiesto informazioni sul Falun Gong. L’autrice ha spiegato che i praticanti vogliono essere persone migliori seguendo i principi di Verità, Compassione e Tolleranza, ma il PCC, che è famigerato per le sue bugie e brutalità, perseguita il Falun Gong. Ecco perché lasciare il PCC e le sue organizzazioni, allineandosi ai valori tradizionali, porterà benedizioni. Tao ha accettato e ha recitato le frasi: “La Falun Dafa è buona, Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”. Quella stessa sera la febbre è sparita e poco dopo si è ripreso e ha lasciato l’ospedale.

La moglie di Tao, Ting, crede nel Falun Gong e spesso legge i libri della Dafa. Occasionalmente, ascolta Radio Minghui e pratica anche gli esercizi del Falun Gong. Dopo che Tao si era infettato, lei lo ha aiutato a mangiare e fare il bagno. Anche se è stata a stretto contatto con lui, stava bene. Altri membri della famiglia di Tao, tra cui il figlio, il nipote e altri che erano alla cena di Capodanno, stavano tutti bene.

“I nostri vicini hanno chiesto: ‘Come mai la malattia non è contagiosa nella tua famiglia?’” L’autrice ha scritto: “Sappiamo che fin quando seguiremo la nostra coscienza e sosterremo gli innocenti, saremo benedetti”.

“La malattia ha occhi”

Un altro esempio dalla provincia dell’Hubei, nell’articolo “Le frasi magiche hanno aiutato i miei parenti a guarire dall’infezione da coronavirus”, pubblicato su Minghui, l’autore ha spiegato che la moglie e il figlio di suo nipote sono stati infettati dal coronavirus. Dopo aver recitato “La Falun Dafa è buona. Verità Compassione e Tolleranza sono buone”, entrambi si sono salvati. Ma suo zio non è stato così fortunato.

Infatti, poco prima del Capodanno cinese 2020, lo zio ha portato a casa una foto di 10 marescialli del PCC e l’ha appesa. Dal momento che molte persone sanno quanto sia terribile il PCC e hanno lasciato le sue organizzazioni, sua moglie (la zia dell’autore) gli ha chiesto di prendere la foto e gettarla via. Ma non l’ha fatto. Il giorno dopo, al giovane figlio dello zio è stato diagnosticato il virus. Quando la zia gli ha detto di nuovo di lasciare le organizzazioni del PCC, suo marito non ha voluto ascoltarla. In seguito, ha contratto la malattia ed è morto in pochi giorni.

I funzionari del villaggio hanno chiesto alla zia di andare in quarantena altrove, ma lei ha detto che si sarebbe messa in quarantena a casa. Gli operatori addetti alla sanificazione non hanno osato entrare e le hanno chiesto di disinfettare la casa da sola e di portare fuori la spazzatura. Ha continuato a recitare le due frasi sopra menzionate ed in seguito ad un controllo hanno visto che stava bene.

Ciò ha incuriosito i funzionari del villaggio. Alcuni abitanti locali hanno detto che credono che la malattia abbia gli occhi e sa dove diffondersi.

L’interazione tra mente e corpo

Sebbene la scienza moderna abbia iniziato a studiare la connessione tra mente e corpo solo negli ultimi anni, tale connessione era ben nota nei tempi antichi, specialmente in Cina. Più specificamente, le persone in generale credevano che “il bene è ricompensato con il bene e il male incontrerà il male”.

Ecco perché oltre 380 milioni di cinesi hanno già lasciato il PCC. Hanno riconosciuto il danno che il regime ha fatto al suo stesso popolo durante tutte le sue campagne politiche, tra cui la riforma agraria negli anni ‘50, la Grande Carestia Cinese (1959-1961), la Rivoluzione Culturale, il Massacro di Piazza Tienanmen nel 1989 e altri. Nel 1999, il PCC ha iniziato a perseguitare milioni di praticanti del Falun Gong. Questa campagna di persecuzione non si è ancora fermata, dopo 22 anni. Molti praticanti sono stati arrestati, torturati e incarcerati. Alcuni sono stati inviati nei campi di lavoro forzato, sottoposti ad abusi psichiatrici, e persino vittime del prelievo forzato di organi.

Un rapporto su Minghui dell’anno scorso ha analizzato 36 casi di infezione tra gennaio e maggio 2020 e pubblicati su Minghui. Questi casi rappresentano sei gruppi etnici e sei Paesi, il 100% di queste persone ha sperimentato miglioramenti recitando “La Falun Dafa è buona. Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”. Tra loro ce n’erano 11, 10 sono stati curati e uno è migliorato.

In Huangdi Neijing (Il Classico di Medicina Interna dell’Imperatore Giallo), uno dei testi antichi più noti della medicina cinese, si legge: “Quando una persona possiede un qi (energia) retto che risiede all’interno, nessuna malignità è in grado di invadere”. Con il PCC che rappresenta la più grande minaccia per il mondo e i praticanti del Falun Gong come il singolo gruppo più grande soppresso dal regime per la propria fede, chiunque sostenga gli innocenti praticanti del Falun Gong sarà benedetto.

Il PCC perseguita il Falun Gong dal luglio 1999. Ecco una locandina con le parole “Falun Dafa è buona. Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”. Per aver affisso un manifesto come questo, si potrebbe finire in carcere per anni.

I praticanti del Falun Gong durante una parata, fuori dalla Cina, per sensibilizzare sulla persecuzione ancora in atto

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell’articolo e sia presente un collegamento all’articolo originale

Versione cinese