(Minghui.org) C'è un detto radicato nella cultura tradizionale cinese: “Il bene è ricompensato e il male è punito”; e l'abbondanza di prove in molte culture sembra confermarlo. Ad esempio, vorrei condividere il destino di due funzionari della nostra cittadina in Cina.

Benedetto per aver fatto del bene

Nel 1984 un ex segretario del Partito Comunista Cinese (PCC) di un villaggio della nostra cittadina ha assunto la carica di segretario di filiale del PCC e capo villaggio. È poi diventato segretario del PCC del villaggio nel 1999. È un uomo di buon cuore ed era ben visto dalla gente del posto.

Quando, nel luglio 1999, il PCC (allora guidato da Jiang Zemin) ha lanciato la persecuzione del Falun Gong a livello nazionale, nel villaggio stavano praticando la disciplina spirituale più di una dozzina di persone.

Il funzionario ha riconosciuto che questi praticanti erano tutte brave persone. Ad esempio, alcune donne che in passato non erano state rispettose dei propri suoceri, lo sono diventate dopo aver iniziato a praticare il Falun Gong, così come nelle famiglie in cui suocere e nuore litigavano abitualmente, i rancori tra loro sono scomparsi.

Ha anche ricordato come i praticanti del Falun Gong hanno contribuito a rendere il suo lavoro più facile. Quando il governo del comune esortava le persone a pagare le tasse, come quella per il benessere pubblico, le tasse amministrative del villaggio o i supplementi per l'istruzione, la maggior parte delle persone non era disposta a pagare; discutevano con i funzionari del villaggio e, poiché lui era il capo, questo gli rendeva le cose molto difficili da gestire.

Tuttavia, la situazione è cambiata dopo che alcune persone hanno iniziato a praticare. Ogni volta che era dovuto un pagamento, non appena l'avviso veniva trasmesso nel villaggio, i praticanti si presentavano subito per effettuare i pagamenti. Il loro atteggiamento collaborativo ha contribuito a cambiare la situazione e ha reso il lavoro molto più facile per i funzionari. Grazie a questo atteggiamento, il capo del villaggio pensava che i praticanti del Falun Gong erano brave persone e facevano solo cose buone.

Tuttavia, l'attacco a livello nazionale contro il Falun Gong è stato travolgente in quel momento, e i praticanti del villaggio sono stati radunati dai funzionari della municipalità e trattenuti nel quartier generale del villaggio. Non potevano andare a casa e a ciascuno di loro sono stati estorti 5.000 yuan (circa 700 euro) per le “spese di soggiorno”.

Il segretario del villaggio sembrava cooperare con il governo della municipalità, ma una volta ha detto a qualcuno che quelle persone erano davvero diventate molto brave dopo aver iniziato a praticare il Falun Gong e che era davvero crudele trattarle in quel modo.

Il denaro loro estorto è stato tenuto nell'ufficio del villaggio. Dopo che i funzionari della municipalità se ne sono andati, il segretario ha restituito i soldi ai praticanti.

Il giorno successivo, quando i funzionari sono tornati a ritirare i soldi, è stato detto loro che erano stati restituiti ai praticanti. Arrabbiati, hanno denunciato l'incidente al segretario del PCC della municipalità.

Si è poi scoperto che anche alcuni membri della famiglia di quest'ultimo praticavano il Falun Gong, quindi non ha voluto fare storie e ha detto: “Se i soldi sono già stati restituiti, allora così sia”.

Poiché il segretario del villaggio è stato gentile con i praticanti del Falun Gong, in seguito è stato benedetto con buone ricompense.

All'epoca gestiva un deposito di merce alimentare e realizzava un buon profitto su tutto ciò di cui faceva scorta, che si trattasse di patate, aglio o sedano. Gli affari andavano per il meglio! Tra il 2000 e il 2007 la sua famiglia ha costruito due nuove case.

Ora l'ex segretario del villaggio gode di una vita felice e prospera, con due figli e quattro nipoti: tre maschi e una femmina.

Il male viene punito

A causa della sue azioni, il segretario del PCC di un villaggio vicino ha vissuto un destino completamente diverso dal funzionario precedente.

Quando è iniziata la persecuzione del Falun Gong, ha seguito le istruzioni dall'alto e ha avviato un'operazione di rastrellamento che ha portato alla cattura di oltre venti praticanti locali, che ha poi detenuto nell'ufficio del villaggio. Ai praticanti non è stato permesso di tornare a casa e le loro famiglie hanno dovuto portare loro da mangiare.

La sera del 20 luglio 1999 ha rinchiuso un certo numero di praticanti, che considerava i leader del gruppo locale, in un garage come forma di tortura. Quel giorno la temperatura era di circa 36° C, e l'aria all'interno era estremamente calda e soffocante. Durante il giorno ha anche costretto i praticanti a sdraiarsi su un pavimento di cemento a pancia in giù, sotto il sole cocente.

Non molto tempo dopo sua moglie si è ammalata di una malattia incurabile, che le ha causato grandi sofferenze per sei anni prima di morire. Durante quel periodo hanno speso tutti i loro risparmi e accumulato un debito di 20.000 yuan (circa 2.800 euro) con gli abitanti del villaggio vicino, nondimeno, non molto tempo fa, ha anche perso il posto di segretario del PCC del villaggio.

Diversi residenti hanno commentato che il funzionario aveva davvero esagerato con i praticanti, perché questi non avevano fatto nulla di sbagliato o violato alcuna legge. Credono che stesse incorrendo nella retribuzione karmica per aver trattato i praticanti del Falun Gong in quel modo davvero crudele.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale

Versione cinese