(Minghui.org) Per raggiungere l'obiettivo di costringere tutti i praticanti locali del Falun Gong a rinunciare alla loro fede nella campagna "Zero-out", la polizia di Dujiangyan, nella provincia del Sichuan, ha arrestato una donna di ottant’anni ed ha usato le sue foto, che la ritraevano legata, per minacciare gli altri.

Il Falun Gong, noto anche come Falun Dafa, è una disciplina spirituale perseguitata dal regime comunista cinese dal 1999.

La polizia ha fatto irruzione nella casa della signora Yang Huijun il 20 agosto dello scorso anno e l'ha arrestata. Poiché si rifiutava di firmare una dichiarazione di rinuncia al Falun Gong, la polizia l'ha legata e le ha scattato delle foto. La sua famiglia, che è stata ingannata dalla propaganda diffamatoria del regime comunista contro il Falun Gong, ha collaborato con la polizia per arrestarla e durante la retata tutto il materiale del Falun Gong trovato è stato confiscato.

La polizia ha contattato la figlia della signora Su Jianhua per poter rintracciare la donna e hanno chiesto anche al genero di Su, che sapevano aveva un atteggiamento ostile nei confronti del Falun Gong a causa della persecuzione, che picchiava spesso e abusava verbalmente la suocera. La polizia inizialmente ha tentato di fare pressione a Su affinché firmasse la dichiarazione di rinuncia, mostrandole le foto di Yang legata, ma quando la donna ha rifiutato di obbedire, la polizia le ha chiesto di firmare tre fogli di carta in bianco, promettendo che non avrebbe usato le sue firme contro di lei. Su, dopo aver subito pressioni dalla polizia e dalla sua famiglia, ha accettato. In seguito si è resa conto che la polizia poteva usare le sue firme per diffamare il Falun Gong, quindi ha presentato una dichiarazione a Minghui per annullarle.

Neanche coloro che avevano smesso di praticare il Falun Gong sono stati risparmiati nell'operazione “Zero-out”. Una dozzina di agenti ha fatto irruzione nella casa della signora Xue Xiuying, e nonostante avesse rinunciato al Falun Gong molti anni fa e aveva sviluppato demenza a causa di una malattia cerebrale, le hanno ordinato di firmare una dichiarazione di rinuncia. La famiglia di Xue era terrorizzata e ha incolpato la polizia di aver perseguitato degli ammalati. La polizia ha tirato fuori le foto di Yang ed ha minacciato Xue: “Non pensare di poter evitare di firmare la dichiarazione fingendo di essere malata. Questo è ciò che accadrà se non firmi!”.

La polizia ha inoltre minacciato la famiglia della donna dicendo che il lavoro e l'istruzione dei loro figli o nipoti sarebbero stati danneggiati se non avessero potuto ottenere la sua firma, in particolare i suoi due nipoti che frequentavano prestigiosi college, l’università di Tsinghua e quella di scienza e tecnologia cinese. Preoccupati per l'educazione dei loro figli, i figli di Xue hanno firmato la dichiarazione per lei.

Informazioni di contatto dei perpetratori:

Chen Wen (陈文), segretario del Comitato per gli affari politici e legali della città di Dujiangyan: +86-13980568722

Wu Xianjiang (吴贤江), direttore dell'ufficio 610 della città di Dujiangyan: +86-13880208006

Da Jun (达军), direttore del dipartimento di polizia della città di Dujiangyan: +86-13908042524, +86-28-89718666

(Ulteriori informazioni di contatto sui perpetratori sono disponibili nell'articolo cinese originale).

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale.

Versione cinese