(Minghui.org) Una residente di Jinzhou, nella provincia del Liaoning, è stata condannata a cinque anni per la sua fede nel Falun Gong. La sua famiglia sta impugnando il verdetto a suo nome.

Il Falun Gong, noto anche come Falun Dafa, è una disciplina spirituale perseguitata dal regime comunista cinese dal 1999.

La signora Sun Lijuan è stata arrestata presso la sua abitazione il 25 aprile dello scorso anno dalla polizia locale e dalla sua controparte di Jiaozuo, nella provincia dell’Henan, dopo essere stata denunciata dalla polizia di internet per aver pubblicato informazioni riguardo al Falun Gong su WeChat. Nessuno degli oltre venti agenti che si sono presentati a casa sua indossava uniformi della polizia, nè ha mostrato i propri documenti.

La polizia ha perquisito l’abitazione di Sun ed ha confiscato oltre quaranta libri del Falun Gong, un computer, quattro cellulari e 3.700 yuan (circa 520 euro) in contanti, ha rifiutato di fornire un elenco degli oggetti sequestrati ed ha continuato a perquisire il luogo dopo che Sun e suo marito, il signor Zhang Baoguo, sono stati portati via.

Mentre Zhang è stato rilasciato su cauzione dopo trentasette giorni di reclusione nel centro di detenzione di Jinzhou, Sun rimane in custodia presso il centro di detenzione femminile locale. L'ufficio di sicurezza interna della città di Jiaozuo ha successivamente trasferito il caso di Sun alla stazione di polizia di Linghe a Jinzhou, che ha poi presentato il suo caso alla Procura di Linghai, con l'accusa di "minare l’applicazione della legge con un'organizzazione di culto", un pretesto generalmente utilizzato dal Partito Comunista Cinese per criminalizzare i praticanti del Falun Gong.

La procura ha approvato l'arresto di Sun il 4 giugno e l'ha incriminata il 2 settembre. La donna è stata processata a casa, in videoconferenza, dal tribunale di Linghai l'11 novembre, e il suo avvocato Zhang Chuanli insieme al figlio, che ha agito anche lui come suo difensore, hanno presentato una dichiarazione di non colpevolezza per lei.

Il legale ha sottolineato che il pubblico ministero Guo Baoguang non aveva spiegato come Sun abbia minato l’applicazione della legge, come asserito nell'atto d'accusa. Guo non ha risposto alla maggior parte delle domande dell'avvocato e ha suggerito, alla fine dell'udienza, che il giudice Xu Bing condannasse Sun a cinque anni con l’aggiunta di una multa.

Il 29 novembre i familiari di Sun sono stati informati della sua condanna a cinque anni, oltre al pagamento di una multa di 10.000 yuan (circa 1.400 euro). Ora si stanno appellando al verdetto al tribunale intermedio di Jinzhou.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale.

Versione cinese