(Minghui.org) Una residente della contea di Pucheng, nella provincia del Fujian, è stata condannata a cinque anni di reclusione e costretta a pagare 20.000 yuan (circa 2.800 euro)per aver praticato il Falun Gong, una disciplina spirituale e di meditazione perseguitata dal regime comunista cinese dal 1999.

Il 19 gennaio dello scorso anno la signora Yang Ziju, di settantuno anni, è stata seguita e poi arrestata da agenti in borghese mentre parlava alla gente del Falun Gong. La polizia ha saccheggiato il proprio appartamento e ha confiscato tutti i libri sul Falun Gong, la foto del suo fondatore il Maestro Li Hongzhi e altro materiale informativo.

La donna è stata trattenuta nel centro di detenzione della città di Nanping. Il 22 dicembre scorso è stata condannata dal tribunale distrettuale di Yanping.

Oltre a Yang, anche altri due praticanti della contea di Pucheng sono stati imprigionati per la loro fede.

Il 3 ottobre scorso la signora Wu Wenying, di settantaquattro anni, parente di Yang, è stata arrestata a una fiera comunitaria mentre dava delle informazioni alla gente sul Falun Gong. Al momento della stesura dell’articolo non è ancora chiaro dove sia detenuta.

Il 21 ottobre scorso il signor Xu Tingsong, di sessantaquattro anni, è stato arrestato mentre praticava il Falun Gong a casa di un praticante locale. La polizia ha saccheggiato l’appartamento e ha confiscato due computer, una stampante, tutti i libri sul Falun Gong e 7.000 yuan (circa 1.000 euro) in banconote stampate con informazioni sul Falun Gong (un modo creativo usato a causa della severa censura in Cina per aumentare la consapevolezza riguardo alla persecuzione). Ora è detenuto nel centro di detenzione di Pucheng.

Articolo correlato in cinese:

福建省浦城县三位老年法轮功学员被非法关押

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale.

Versione cinese