(Minghui.org) Ho iniziato a coltivare nella Falun Dafa nel 1998, e durante gli oltre vent’anni di coltivazione ho vissuto molti alti e bassi e superato molte difficoltà.

Opposizione e non collaborazione con la persecuzione malvagia

Nel 2017 due praticanti sono andati in un'altra zona per chiarire la verità sulla Falun Dafa e distribuire materiale informativo ma la polizia locale li ha arrestati. I praticanti della nostra zona, dopo aver appreso la notizia, si sono uniti agli sforzi per salvarli. Abbiamo inviato pensieri retti, chiamato la polizia e i procuratori, scritto loro lettere aperte e smascherato i malfattori su Internet. Abbiamo chiesto l'immediato rilascio dei due praticanti arrestati.

Io e due amici praticanti abbiamo viaggiato per centinaia di chilometri nell'area in cui erano detenuti i due amici arrestati, cercando di salvarli, ma siamo stati arrestati la notte in cui siamo arrivati.

La polizia ci ha portati al dipartimento di polizia, ci ha legati al banco della tigre, ci ha interrogati e ha cercato di estorcerci con l’inganno una confessione. Ci hanno privato del sonno per tutta la notte e interrogato fino all'alba successiva. Nessuno di noi però ha collaborato durante l'interrogatorio. Un ufficiale di polizia ha urlato disperatamente: "Possiamo comunque condannarti se non confessi." Poi ha aggiunto: "Portateli in ospedale per una visita medica e poi rinchiudeteli nel centro di detenzione".

In ospedale ho spiegato alla polizia e ai medici del Falun Gong e della persecuzione, e ho consigliato loro di non partecipare alla persecuzione dei praticanti del Falun Gong. Tuttavia non mi hanno ascoltato. Mi hanno trattenuto e hanno cercato di misurarmi la pressione. Ho resistito e ho gridato: "La Falun Dafa è buona! Il Maestro è innocente!".

Diversi agenti di polizia si sono precipitati verso di me e uno di loro ha ordinato: "Registra tutto ciò che grida!". Hanno rovesciato la scrivania del dottore mentre si precipitavano verso di me, e le persone vicino alla scena si sono radunate intorno a noi per guardare. È stato il caos. Hanno poi chiamato altri agenti e ci hanno trattenuto con la forza in modo da poter completare la visita medica. Dopo l'esame ci hanno portati al centro di detenzione.

Il centro era sorvegliato dalla polizia. Per entrare era necessario presentarsi agli agenti armati che presidiano il perimetro lungo il muro.

L'insegnamento del Maestro echeggiava nella mia mente:

"In qualsiasi situazione, non cooperate con le richieste, con gli ordini o con ciò che il male istiga". (“I pensieri retti dei discepoli della Dafa sono potenti”, Elementi essenziali per un ulteriore avanzamento II)

Mi sono rifiutato di presentarmi alla polizia armata. Il poliziotto al muro ha gridato: "Sparo se non vi fate riconoscere!". La polizia che mi scortava aveva paura e ha gridato: "Non sparare! Non sparare! Lascia fare a noi!". Ha alzato il manganello e mi ha minacciato: "Ti avverto tre volte. Avvertimento uno, hai intenzione di presentarti?". Ho risposto: "No". Poi mi ha avvertito altre due volte, e io ho risposto altre due volte: "No". Mi ha trascinato e ha attraversato il perimetro, e mentre camminava mi ha detto ferocemente: "Ti ucciderei se non fossi così anziano!".

Nel centro di detenzione mi sono rifiutato di recitare le regole del carcere o di indossare le uniformi carcerarie. Continuavo a recitare la Fa e insistevo per fare gli esercizi. Ho fatto lo sciopero della fame per oppormi alla persecuzione. Mi sono rifiutato di collaborare con il male e ho superato le prove.

Spiegare la verità sul Falun Gong durante l'interrogatorio

Nel giro di tre mesi cinque praticanti nella nostra zona sono stati arrestati. La polizia locale ci considerava un caso urgente. Un vicedirettore della Polizia Municipale è venuto di persona per interrogarmi. Più di una dozzina di agenti di polizia erano in piedi sulla scena dell'interrogatorio, e mi puntavano i fucili contro. Hanno anche scattato foto e filmato l'interrogatorio.

Il vicedirettore era seduto di fronte a me con una staccionata di metallo nel mezzo. Mi ha chiesto: "Come impiegato del governo, voglio sapere perché pratichi il Falun Gong?". Ho risposto: "Il Falun Gong è giusto. Gli annunci del Ministero degli Affari Civili e del Ministero della Pubblica Sicurezza non sono la legge. Non ho fatto nulla di sbagliato praticando il Falun Gong. Il Falun Gong è di beneficio al Paese e alla gente. Perché non dovrei praticarlo?". Ha chiesto: "Allora spiegami come il Falun Gong sia di beneficio per il Paese e per la gente".

Gli ho raccontato uno per uno gli incredibili cambiamenti che ho sperimentato dopo aver iniziato a praticare. Gli ho raccontato di aver riacquistato la mia salute dopo essere stato gravemente malato per molto tempo, di essere diventato una persona razionale invece della persona rude e scontrosa che ero, e di essere passato da una cattiva persona a diventare buono. Poi ho detto loro che l'auto-immolazione di piazza Tiananmen era un'invenzione e ho raccontato loro la storia della coltivazione di Gesù e Shakyamuni. La stanza degli interrogatori è divenuta silenziosa e l'atmosfera tesa si è rilassata.

Dopo che ho finito di parlare il vicedirettore ha detto inaspettatamente: "Grazie per aver istruito i nostri agenti di polizia oggi". Ho detto: "Non avevo intenzione di educarvi. Volevo solo parlarvi dei miei cambiamenti dopo aver iniziato a coltivare il Falun Gong e chiarire la verità".

Poi ha aggiunto: "Vorrei anche aiutarti, ma non hai collaborato con noi negli ultimi giorni. Se puoi dirmi il tuo nome oggi, posso farti vedere dai tuoi familiari. Hanno aspettato di vederti per diversi giorni fuori e sono molto ansiosi. Infatti sappiamo come ti chiami e dove lavori. Tutto dipende dal tuo atteggiamento. Dovresti pensare alla tua famiglia".

L'insegnamento del Maestro mi è balenato in mente:

"Difficile è quando venite imbrogliati in piena consapevolezza tra la gente comune o quando i vostri interessi fondamentali sono in gioco; riuscirete a rimanere imperturbabili? Conserverete la serenità di fronte alle sofferenze d'amici e parenti? Riuscirete a vedere le cose nella giusta prospettiva? Essere un coltivatore è veramente difficile!”. (Ottava Lezione, Zhuan Falun)

Le lacrime mi hanno rigato il viso. Ho detto al vicedirettore: "Mi manca la mia famiglia, ma non le dirò il mio nome". Lui mi ha guardato e ha sussurrato: "Se non me lo dici, non posso aiutarti." Poi ha fatto un cenno con la mano e ha ordinato: "Riportatelo in cella".

Esperienze straordinarie che hanno aiutato la gente a capire il Falun Gong

Era inverno sulle montagne del nord, dove l'acqua che gocciola si trasforma immediatamente in ghiaccio. Un giorno il rubinetto dell'acqua nel centro di detenzione si è congelato e i detenuti non avevano acqua corrente. Hanno provato a scaldare il rubinetto con il fuoco, con l'acqua bollente e hanno girato la manopola fino in fondo, ma niente da fare.

Considerando che tutti avevano bisogno di acqua, mi sono avvicinato e ho detto: "Fatemi provare". Mi hanno guardato esitanti e hanno detto: "Falun Gong (era il modo con cui chiamavano noi praticanti)?". Ho tenuto saldamente il rubinetto nella mano destra per circa dieci secondi e poi l'acqua è sgorgata. Le persone sulla scena hanno gridato con eccitazione: "Falun Gong! Falun Gong! Incredibile!".

Quelli della cella accanto hanno sentito le grida e hanno chiesto: "Cosa è successo? Cosa è successo?" I detenuti hanno risposto: "Il Falun Gong è fantastico! Ha aperto il rubinetto con il suo potere supernormale!". Ho pensato che fosse una buona opportunità per parlare della pratica e salvare vite umane, così ho iniziato a parlare del Falun Gong e della persecuzione.

Un altro miracolo è accaduto anche mentre ero detenuto. Un giorno, dopo essere stato trattenuto lì per quasi un anno, mentre camminavo avanti e indietro nella cella buia e umida, una persona nella cella mi ha chiesto sorpresa: "Quando cammini, vedo due grandi cerchi luminosi che ti seguono, e che girano. Li guardo da un po', cosa sono?".

Gli ho detto: "Sono il Falun di cui ti ho parlato spesso". È rimasto sbalordito e ha aggiunto: "Quello che mi hai detto è vero! Aiutami! Aiutami! Aiutami!". Ho risposto: "Sono solo un coltivatore e non ho la capacità di salvarti. Il Maestro e la Falun Dafa possono salvare le persone." Non poteva aspettare e ha iniziato a recitare immediatamente: "La Falun Dafa è buona, Verità-Compassione-Tolleranza sono buone".

Ho poi raccontato le due storie alla polizia e ai nuovi detenuti, e si sono poi rapidamente diffuse in tutto il centro di detenzione.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale

Versione cinese