(Minghui.org) Mi sono sentita molto turbata; qui sono una coltivatrice della Falun Dafa, ma spesso agisco male nella mia vita quotidiana a causa dell’invidia. Ho guardato dentro di me e ho scoperto questo attaccamento, ma il problema è ancora inavvertitamente emerso.

Mentre recitavo ripetutamente a memoria l’articolo del Maestro Li “Livelli”, mi chiedevo: “Poiché mi sono comportata male e l’invidia è sempre la causa per la quale una persona fa del male, ho forse una forte invidia?”

Il Maestro ha detto:

“Una persona cattiva è gelosa per natura. Per egoismo e ira, si lamenta delle ingiustizie nei suoi confronti.”
(“ Elementi essenziali per un ulteriore avanzamento”)

Eppure non sembravo avere una forte invidia. La mia famiglia e i colleghi dicevano che ero piuttosto altruista. Così ho iniziato a memorizzare la sezione “Riguardo all’invidia” dello Zhuan Falun, sperando di trovare la risposta. Mentre la recitavo, mi sono resa conto che non è che non abbia invidia, ma che non mi è chiaro cosa sia “l’invidia”.

Ho sempre pensato che l’invidia fosse legata a un sentimento di squilibrio nel cuore. Per esempio, di solito sono molto impegnata al lavoro e quando torno a casa, devo occuparmi di due bambini, aiutarli a studiare, lavare i vestiti, preparare i pasti e fare i lavori domestici. Quando finisco di fare tutto, sono già le 11 di sera.

Tuttavia, dopo che mio marito torna a casa dal lavoro, non fa altro che stare a letto e giocare al telefono. Non si preoccupa dei bambini o delle faccende domestiche, mentre io devo fare tutto allo stesso tempo. Come posso non sentirmi frustrata nel cuore? Non solo, mio marito si è persino lamentato del fatto che non educo bene i figli. Anche lui mi rimproverava spesso. A volte mi sentivo così offesa che gridavo o perdevo le staffe in modo violento. Tuttavia, non capivo di cosa fossi invidiosa. Ero forse invidiosa del fatto che mio marito conducesse una vita agiata? Sentivo ancora che non avevo individuato la parte critica del problema.

Ho continuato a memorizzare questa sezione della Fa. Quando ho letto: “Questa invidia è in qualche modo collegata alla nozione di egualitarismo assoluto praticato in passato.” (Settima lezione, Zhuan Falun), in un certo senso ho capito.

Nella mia mente c’è ancora un po’ del concetto legato all’egualitarismo assoluto che il Partito Comunista Cinese (PCC) ha instillato nelle menti delle persone. Inoltre, è presente un concetto femminista che non è ancora stato eliminato del tutto. Per me uomo e donna devono essere uguali, quindi devono fare la stessa quantità di lavoro. Per questo mi sono sempre sentita sbilanciata. Non si tratta di invidia? All’improvviso ho visto un po’ di luce.

Continuando a memorizzare, ho scoperto che il turbamento che provavo nei confronti di mio marito era anche legato a questo: “…e pensa sempre di dover fare ciò che corrisponde al proprio talento o che sia adatto a lui.” (Settima lezione, Zhuan Falun) Pensavo che non avrei dovuto fare così tanto lavoro. Attraverso questo processo, ho trovato un cuore che da tempo provava risentimento.

Ho sostenuto molti anni di studio accademico e molte difficoltà per ottenere un titolo di dottorato di ricerca. Quando stavo cercando un lavoro, poiché a quel tempo avevo già iniziato a coltivare nella Dafa, sapevo che non avrei dovuto focalizzarmi su fama e guadagno personale. Così, quando la scuola media mi ha offerto un lavoro, l’ho accettato.

In seguito, ho ricevuto una seconda offerta per una posizione che preferivo, ma ho seguito i criteri basati sui principi della Dafa. Non potevo rimangiarmi la parola data alla scuola media e così ho rifiutato la seconda offerta. Ora, ripensandoci, non ho raggiunto lo stato di essere indisturbata dalla seconda offerta. In realtà, non avevo ancora raggiunto un livello così alto; ho dovuto rinunciare a quell’opportunità in modo forzato.

Quando ho iniziato a lavorare alla scuola media, il preside ha fatto in modo che andassi anche in una scuola elementare per insegnare una materia minore e che gestissi i laboratori di scienze (preparare esperimenti, fare commissioni e lavori saltuari per gli altri). Inizialmente avrei dovuto insegnare materie per l’esame di ammissione alle scuole superiori. Quando ho saputo di questi compiti extra, mi sono sentita molto turbata.

Sapevo anche che si trattava di una prova. Nonostante cercassi di liberarmi di questo risentimento dicendomi che potevo svolgere il lavoro indipendentemente dalla mia posizione, continuavo a inciampare e a lottare.

Ora capisco che pensavo che una persona con un titolo di dottorato dovesse fare un lavoro adeguato al titolo ottenuto. Forse la mia vita era destinata a fare insegnante di scuola media, a gestire i laboratori e a fare lavori saltuari. In questo caso, cosa c’era da sentirsi sbilanciati?! A questo punto, ho sentito che un grosso pezzo della pietra che gravava sul mio cuore per tanti anni era stato rimosso; mi sentivo rilassata.

Quando mi è stato offerto il lavoro ideale, l’ho segnalato al mio compagno di classe. In seguito è venuto a ringraziarmi. Quel lavoro forse apparteneva proprio a lui, visto che aveva avuto l’opportunità. Il Maestro ha usato questa situazione per aiutarmi a liberarmi dall’invidia. Dopo aver capito questo, ho sentito che la mia invidia si è attenuata. Grazie, Maestro!

Ricordo che mio marito mi diceva spesso: “Non puoi apprezzare un po’ gli altri? Credi sempre di essere la migliore”. Prima di allora, ho sempre pensato che questo sentirsi superiori agli altri fosse una forma di mentalità da esibizionista, di cui non riuscivo a liberarmi. Ora capisco che in realtà si tratta di una manifestazione di invidia. Ho sempre trovato una scusa per me, pensando che lodare gli altri fosse troppo sdolcinato. Non è forse anche questo non sopportare di vedere gli altri fare meglio?

Inoltre, quando recito la Fa, sono sempre un po’ più veloce di mia madre, anche lei è praticante, quindi mi sento felice. Quando guido e qualcuno mi taglia la strada, mi sento immediatamente turbata. Non sono tutte manifestazioni di invidia? Più ci pensavo e più mi vergognavo di me stessa. Ora che mi rendo conto di avere tanti elementi di invidia profondamente nascosti, mi sento molto ansiosa.

Da qualche giorno recito i passaggi della Fa sopra citati e ho quasi completamente memorizzato la sezione sull’invidia. Capisco che questo senso di turbamento e il desiderio di competere con gli altri derivano da un profondo egocentrismo. Ma tutto questo non è il mio vero sé. Voglio cogliere ogni occasione in cui mi sento turbata, cercare dentro di me la ragione e liberarmene un po’ alla volta. Credo che se mi libererò dell’attaccamento all’invidia in questo modo, ci sarà un’alta probabilità di successo.

Questa è la mia esperienza durante il processo di memorizzazione della Fa. Aiutatemi a vedere se ci sono margini di miglioramento.

Le opinioni espresse in questo articolo rappresentano i punti di vista o le comprensioni dell’autore. Tutti i contenuti pubblicati su questo sito web sono protetti dal copyright di Minghui.org. Minghui produrrà raccolte dei contenuti online regolarmente e in occasioni speciali.

Versione cinese