(Minghui.org) Qualche giorno fa mia cognata si è sentita male, aveva mal di schiena e non riusciva ad alzarsi. Sono andato a trovarla e ho visto due piatti decorativi con le immagini dell’ex presidente e premier del PCC in cima a un armadio. Ero turbato e ho suggerito di distruggerli, ma mio fratello non era d’accordo. Ho detto: “Non c’è da stupirsi che stia male, venerate queste persone cattive”. Mio fratello è diventato furioso e ha detto brutte cose sulla Falun Dafa. Nonostante la sua inaspettata reazione emotiva ho risposto con gentilezza.

Ho contemplato questo incidente per diversi giorni. L’intera famiglia di mio fratello si era dimessa dal PCC (Partito Comunista Cinese) e a volte lo malediceva. Sebbene non capisse perché praticavo la Falun Dafa, non ha cercato di impedirmelo, tuttavia aveva del tutto frainteso cosa la Dafa fosse realmente e per questo mi sono reso conto di avere dei problemi nella mia coltivazione. Mi sono calmato, ho messo da parte il mio risentimento e ho iniziato a riflettere sulle mie lacune nella coltivazione.

Sto davvero salvando le persone?

L’incidente con mio fratello mi ha mostrato chiaramente che non gli avevo completamente chiarito la verità. Come la maggior parte delle persone, mio fratello si prendeva cura solo dei suoi interessi. Diceva spesso: “Ascolterò chiunque mi sia di benefico”. Quando inizialmente ho cercato di persuaderlo a ritirarsi dal PCC, ho seguito il suo pensiero e gli ho detto: “Il PCC crollerà presto. Chiunque ne faccia parte sarà ritenuto responsabile dei suoi crimini. Per stare al sicuro dovresti lasciare il partito”. Ha accettato di ritirarsi dal PCC solo perché ne avrebbe beneficiato.

Gli avevo parlato dal punto di vista dell’interesse personale. Non gli ho detto molto della Falun Dafa e del perché il PCC la perseguita. Non ho risvegliato i suoi pensieri retti o la sua coscienza.

Recentemente ho provato di nuovo a parlargli della Falun Dafa, ma non era interessato e non ascoltava, anzi ogni volta litigavamo. Il mio attaccamento agli agi mi ha impedito di persistere. Ho pensato che essendosi dimesso dal PCC, fosse in salvo. Ma non è stato veramente salvato, ha lasciato il PCC per ottenere benefici. Mi ha detto: “Hai praticato la Falun Dafa per tanti anni. Quali benefici hai ottenuto? Rischi la tua vita ogni giorno. Il PCC è ancora al potere e sta ancora perseguitando i praticanti!”

Mi sono reso conto che i praticanti non dovrebbero soddisfare gli standard morali deteriorati della società in generale. Dovremmo mostrare alle persone la nostra gentilezza e tolleranza. Dovremmo rettificare il loro comportamento deviato con pensieri retti e risvegliare la loro coscienza con gentilezza.

Il Maestro ha detto:

“Vivendo in questo mondo umano

Non devi tradire la tua coscienza

Il bene e il male determina il tuo futuro

Non sostenere in alcun modo il Partito perverso”
(“Non tradire la tua coscienza”, Hong Yin III)

Ho compreso che il Maestro stava indicando lo standard che le persone comuni dovrebbero raggiungere per poter essere salvate.

Identificare i miei attaccamenti fondamentali

Ho guardato dentro di me più a fondo e ho scoperto di essere arrogante come mio fratello. Stava rispondendo al mio forte ego. Ho cercato di costringere gli altri a fare quello che pensavo fosse giusto. Il mio ego era profondamente radicato e non ero in grado di lasciarlo andare. A casa, ho sempre preso io tutte le decisioni, ho guardato dall’alto in basso questo o quel praticante perché pensavo di avere una comprensione dei principi della Fa più chiara della loro, pensavo di essere più capace e volevo che gli altri praticanti mi ascoltassero. Mi sono reso antipatico a quei praticanti che avevano opinioni diverse dalla mia. Non ero forse su un sentiero pericoloso?

L’incidente con mio fratello rifletteva anche la mia mancanza di compassione. Con i miei familiari e altri parenti andavo d’accordo, mi crogiolavo del piacere che il sentimentalismo mi offriva ma non mi sono mai assicurato che fossero veramente salvati. Con mio fratello, mi sono arrabbiato perché ha attaccato la Falun Dafa, mi ha insultato e maltrattato. Non mi è dispiaciuto per lui, che ha commesso un crimine così grave, ero invece arrabbiato e risentito nei suoi confronti.

Ero sconvolto e mi sono sentito perso per due giorni, senza sapere perché. Quando ho discusso di quello che è successo con i praticanti nel mio gruppo di studio della Fa ho detto: “Quasi tutte le persone che pensavo di aver salvato non erano veramente salvate.” Sembrava che non mi importasse davvero se quelle persone erano state salvate. Mi importava solo che i miei sforzi fossero stati ricompensati. Mi importava solo della mia coltivazione e di quanta virtù avrei accumulato.

Sono rimasto scioccato nel realizzare che non stavo salvando esseri senzienti per compassione, ma per perfezionare me stesso. La mia motivazione nel coltivare e chiarire la verità alle persone era egoista, l’ho fatto per me. Non mi ero liberato della caratteristica egoistica del vecchio cosmo. Mi sono reso conto che non sentivo alcuna urgenza di salvare esseri senzienti e non ho sempre coltivato diligentemente. Invece ero attaccato al guadagno e al perseguimento. Non sono riuscito a lasciar andare completamente l’invidia e altri attaccamenti.

Il Maestro ha detto:

“Vorrei anche dirvi che, in passato, la vostra natura era realmente fondata sull’egotismo e sull’egoismo. D’ora in poi, qualunque cosa facciate, dovrete innanzitutto considerare gli altri, in modo tale da conseguire la retta illuminazione sull’altruismo.” (“La natura di Budda è senza omissioni”, Elementi essenziali per un ulteriore avanzamento)

Sapevo che dovevo lasciar andare l’egoismo. Altrimenti il mio sentiero di coltivazione si sarebbe fatto sempre più stretto e avrei potuto finire fuori strada.

Sono stati pubblicati molti articoli di condivisione delle esperienze sul sito web Minghui riguardo a come i praticanti hanno cambiato il loro stato egoista. Mi sono molto commosso leggendo quegli articoli. Sempre più praticanti si sono resi conto che la caratteristica dell’egoismo del vecchio cosmo ci aveva seriamente impedito di aiutare il Maestro a rettificare la Fa. Era ora che cambiassi.

Sebbene avessi identificato il mio problema, mi sentivo ancora triste e irrequieto. Ho scavato più a fondo e ho scoperto che la ragione per cui io e mio fratello abbiamo avuto la nostra discussione era per sottolineare il mio stato di coltivazione. Non ho mai provato a cambiare radicalmente me stesso. Non ero disposto a sopportare alcun disagio quando sradicavo i miei attaccamenti ostinati e avevo paura di perdere il mio confortevole “ambiente di coltivazione”. Non ho davvero cercato di migliorare la mia xinxing. Ciò ha portato al mio stato di coltivazione improprio. Solitamente, il mio comportamento non era diverso da quello di un non praticante. Le persone con cui ho interagito non potevano percepire in me il campo di un coltivatore.

Cosa avevo fatto in tutti questi anni? Ho coltivato solo in superficie. Andavo d’accordo con la mia famiglia e i miei parenti usando il sentimentalismo e risolvevo i conflitti usando i metodi della gente comune. Ho gestito il mio rapporto con loro sacrificando solo leggermente il mio interesse personale. In cambio godevo di una buona reputazione. Consideravo questo il risultato di un buono stato di coltivazione. Ho perseguito questa relazione superficiale e confortevole con la gente comune. Quando dicevano che ero una brava persona, pensavo che questo significasse che stavo coltivando bene, in realtà stavo barando e non coltivavo veramente.

Il Maestro ha detto:

“In quanto praticanti, dovete prendere la natura dell’universo come vostra guida per migliorare voi stessi. Non potete seguire i criteri della gente comune.”(Prima lezione, Zhuan Falun)

Il Maestro ha anche detto:

“Se soltanto la vostra superficie è cambiata mentre la vostra natura rimane la stessa, non è autentica. Ad un certo momento o in un momento critico [gli attaccamenti] salteranno fuori. Così se la mente di una persona non è cambiata, questo significa soltanto coprire le cose con una falsa apparenza. I cambiamenti devono avvenire iniziando dalla vostra natura. Soltanto così contano come veri cambiamenti di una persona. In altre parole, nella vostra coltivazione, dovete essere responsabili per voi stessi, e dovete cambiare veramente voi stessi e abbandonare tutte le cose cattive a cui siete attaccati nel profondo del vostro cuore – soltanto così state rinunciando veramente. Se in superficie sembra che stiate facendo le cose giuste, ma nel profondo del vostro cuore, state ancora difendendo e mantenendo le cose che non volete lasciare andare, questo è assolutamente inaccettabile.” (Insegnare la Fa alla Conferenza della Fa della zona occidentale degli Stati Uniti)

In tutti questi anni ho coltivato solo superficialmente. Dentro di me tenevo strette ostinatamente le mie cose e non volevo lasciarle andare. Non ho dimostrato la serenità e la nobiltà che un praticante dovrebbe avere dopo aver raggiunto un certo standard. Se le persone comuni non mi apprezzano, potrebbero apprezzare la Dafa? Ho capito che poiché non avevo coltivato fino a un certo regno, molti esseri senzienti hanno perso le loro opportunità di essere salvati. Devo migliorarmi in modo solido. Coltivare superficialmente non è accettabile.

So che il Maestro si prende cura di me ed è preoccupato per il mio stato di coltivazione. Nessuna parola può esprimere la mia gratitudine al Maestro. Devo forgiarmi ulteriormente e coltivare diligentemente.

Versione cinese