(Minghui.org) Dopo la diffusione del virus del PCC (noto anche come coronavirus), il Partito Comunista Cinese (PCC) ha censurato le informazioni sul virus per mantenere la stabilità. Al fine di risvegliare la coscienza del prezioso popolo cinese, i praticanti della Falun Dafa al di fuori della Cina hanno colto l’occasione per chiarire la verità attraverso Internet e le telefonate, con la speranza che, in mezzo alla pandemia, più persone possano venire a conoscenza dei crimini commessi dal PCC e rinunciare alla loro appartenenza al Partito e alle sue organizzazioni giovanili.

Aiutare le persone a lasciare il PCC con benevolenza

L'alto numero di vittime causato del virus del PCC all'inizio del 2020 ha preoccupato la signora Li di Taipei. Così ha deciso di impiegare più tempo per risvegliare la coscienza delle persone e aiutarle a dimettersi dal PCC.

Una volta la signora Li ha parlato con una donna d'affari che le ha detto di aver compreso la malvagità del PCC grazie al suo lavoro. Quando la signora Li le ha detto che il bene è ricompensato mentre il male viene punito, la donna è stata d’accordo. Ma quando le ha consigliato di dimettersi dal PCC e annullare così il giuramento di vita che aveva fatto quando si era unita al Partito, è rimasta in silenzio. Invece di insistere, la signora Li l’ha incoraggiata a leggere di più i materiali informativi della Dafa.

Inaspettatamente la donna le ha chiesto: “Sapevi che in piazza Tienanmen è avvenuto un massacro?”. La signora Li le ha risposto: “Sì, lo so. Vedi, il PCC ha ucciso così tante persone. Ecco perché si sono dimessi in tanti. Il bene e il male hanno il loro percorso. Se lasci ora il Partito, quando alla fine crollerà, non sarai ritenuta responsabile dei suoi crimini”. Sentendo ciò, la donna ha accettato di dimettersi dal PCC.

Risvegliare la coscienza del popolo cinese

Quando i praticanti fanno telefonate in Cina, spesso rispondono persone che il PCC ha perseguitato attraverso i suoi movimenti politici. Alcuni di loro si sentono impotenti, mentre altri si aspettano la caduta del Partito.

La signora Huang della contea di Miaoli ha iniziato a praticare la Dafa nel 2003. Ha raccontato: “Prima di allora, avevo tutti i tipi di malattie. Grazie alla coltivazione della Dafa ho ora una buona salute, vivo una vita armoniosa e ho una buona carriera”.

Oltre a gestire il suo negozio e prendersi cura di sua nipote ogni giorno, la signora Huang chiarisce i fatti alle persone su Internet. “Durante il processo, ho capito che le persone, non importa se ricche o povere, tutte hanno bisogno di conoscere la verità. Finché c'è una possibilità, non voglio abbandonarle”.

Una volta ha contatto un signore che le ha detto: “Scommetto che devi aver incontrato molta resistenza. Tutti i media fanno eco a ciò che dice il Partito e il lavaggio del cervello è enorme. Il popolo cinese viene continuamente ingannato. Manca di senso di democrazia e conduce una vita opprimente sotto la dittatura del PCC. Noi non possiamo fare altro che aspettare, mentre voi siete i guerrieri e riuscite a smascherare il PCC senza fermarvi. Nel cammino verso la libertà e la democrazia della Cina, svolgete un ruolo chiave. Vivere sotto la dittatura del PCC è la mia sfortuna, ma non ho scelta. Posso solo confidare nella prossima generazione”.

Anche se ha riferito di odiare il PCC dal profondo, quando la signora Huang gli ha chiesto di dimettersi dal PCC, non sembrava motivato a farlo. Allora glielo ha spiegato in modo più dettagliato: “Sono una volontaria, uso il mio tempo libero per far conoscere la verità e spero che la gente ne faccia tesoro. Detto questo, non voglio davvero che tu perda questa opportunità, altrimenti te ne pentirai per sempre”.

L'altra parte ha risposto: “Mi sono unito ai Giovani Pionieri. Potresti aiutarmi a rinunciare alla mia iscrizione?” La signora Huang non solo lo ha fatto, ma ha anche condiviso con lui le frasi “La Falun Dafa è buona” e “Verità, Compassione e Tolleranza sono buone”, dicendogli che recitando le frasi sinceramente, sarebbe stato protetto dal divino.

Un'altra persona che la signora Huang ha contattato online le ha detto che sapeva come il PCC perseguita la Dafa. Le ha raccontato che un tempo la sua famiglia era stata classificata dal PCC come famiglia di proprietari terrieri e, come risultato, il Partito li ha distrutti uccidendo i suoi nonni. Dopo che la signora Huang lo ha aiutato a dimettersi dal PCC, gli ha inviato alcune foto che mostrano come le persone in tutto il mondo praticano la Dafa e mostrano la persecuzione in Cina. In risposta, ha condiviso alcune foto con la signora Huang su come il PCC ha perseguitato i suoi stessi cittadini.

Ha scritto: “Le persone con una certa conoscenza storica sanno che ovunque sia il regime rosso porta con se terrore e violenza. Ciò che più mi addolora è che le persone sono rese cieche, sorde e tappano loro la bocca. Non importa quanto ci ho provato, non ho potuto cambiare l'opinione di alcune persone al riguardo. Ora, con le sue lotte interne e la massiccia corruzione, so che è destinato a crollare. Stiamo tutti aspettando che arrivi quel giorno”.

Le persone desiderano la verità

La signora Xie di New Taipei, che pratica la Falun Dafa da 18 anni, ha detto, “Non sapevo niente di computer. Ho iniziato a copiare e incollare e poi ho imparato a digitare. All'inizio digitavo lentamente. Continuando ad imparare, questo computer è diventato la mia arma della Fa”. Telefona in Cina come parte del Global Telephone Team per salvare i praticanti perseguitati in Cina e persuadere gli agenti di polizia, i membri del Comitato Affari Politici e Legali e i giudici a smettere di partecipare alla persecuzione della Falun Dafa da parte del PCC.

Ha detto: “I praticanti della nostra piattaforma di salvataggio risvegliano la coscienza delle persone ogni singolo giorno. Non ci fermiamo mai”. Ha detto che alcune persone che lavorano per le agenzie e che partecipano alla persecuzione sono ansiose di apprendere la verità.

La signora Xie una volta ha chiamato il vice capo di una stazione di polizia nella città di Yantai, provincia dello Shandong. L’ha ascoltata per circa 14 minuti. La signora Xie gli ha detto: “Il regime sta per crollare. C'è un documento interno di 30.000 parole che rivela come il PCC abbia raggiunto un punto critico e possa crollare in qualsiasi momento. Un’indagine interna ha anche scoperto che l'85% degli alti funzionari in Cina è pronto a fuggire in altri Paesi. Anche all'interno del sistema del PCC, le persone non credono più nel comunismo”.

Ha aggiunto: “Con la corruzione, penetrata nel cuore del regime, esso non ha modo di fornire sicurezza pubblica e benessere sociale. Le persone generalmente si sentono insicure, in preda al panico, insoddisfatte e impotenti. Guardando a quanti funzionari del PCC hanno inviato i loro figli e le loro risorse all'estero, si può capire quanta fiducia del loro regime abbiano gli alti funzionari”.

Ha detto al comandante della polizia di visitare un portale web non censurato. Ha chiesto alla signora Xie di ripeterlo e lo ha annotato attentamente. La signora Xie ha suggerito di leggere il quotidiano Epoch Times per avere informazioni veritiere e gli ha detto come l'occultamento da parte del PCC dell'epidemia di coronavirus abbia causato un numero enorme di morti. Gli ha anche parlato di come il PCC abbia ucciso il popolo cinese nei vari movimenti politici. Il capo della polizia ha detto di essere a conoscenza di questi casi e ha continuato a ricordare alla signora Xie di mandargli un messaggio sul sito web di Epoch Times, aggiungendo che sarebbe andato online per dimettersi dal PCC.

La signora Xie gli ha ricordato di aiutare anche la sua famiglia a rinunciare all'appartenenza al Partito. Lui ha acconsentito. Alla fine, gli ha detto che recitare sinceramente le frasi “La Falun Dafa è buona” e “Verità, Compassione e Tolleranza sono buone” gli avrebbe portato benedizioni. Ha accettato anche questo.

La signora Xie ha detto: “Le persone sono state ingannate dal PCC per tanto tempo e non vedono l'ora di rompere il blocco di Internet per conoscere la verità”.

Salvare le persone mentre si viene umiliati

I praticanti incontrano anche persone che sono profondamente prevenute a causa della propaganda del PCC e imprecano contro i praticanti. Tuttavia, invece di nutrire risentimento, i praticanti usano la loro compassione per aiutarle a trasformare le loro convinzioni e a dimettersi dal PCC.

La signora Yu della città di Taoyuan, ha trascorso molto tempo a parlare con i cinesi attraverso internet. Ha raccontato: “In questi 20 anni, non riesco a ricordare quante persone in Cina mi hanno chiesto i libri elettronici della Dafa, il video per le istruzioni sugli esercizi e la musica degli esercizi. Ci sono state tutti i tipi di persone, anche prigionieri e agenti di polizia. Dopo che un agente di polizia ha iniziato a praticare la Dafa, si è spinto fino al punto di aiutare a salvare i praticanti che erano detenuti illegalmente per la loro fede. Un medico che ha iniziato a praticare la Dafa ha detto ai suoi pazienti: “La Falun Dafa è buona!”

Ha continuato dicendo: “Chiarire i fatti alle persone è come andare in giro, dal momento che ti imbatti in tutti i tipi di prove di xinxing”. Ad esempio, alcune persone percepiscono tutte le critiche al Partito Comunista come un attacco alla nazione cinese. “Pensano che tu non sia patriottico e si arrabbiano tremendamente, al punto da attaccarti personalmente. Una volta, mentre un signore mi insultava, sua moglie gli ha improvvisamente preso il telefono e ha cominciato a imprecare”. La signora Yu ha riflettuto su ciò che stava pensando, si è chiesta se volesse ancora salvarlo e ha esaminato il suo livello di compassione. “In questi momenti, anche gli Dei ci stanno guardando”, ha detto.

Un'altra praticante, la signora Guo, ha raccontato che in passato quando le persone rimanevano in silenzio riattaccava il telefono. Da allora ha cambiato approccio e continua a parlare, discorrendo il più possibile. Alcune volte, la persona è rimasta in silenzio all'inizio, ma quando ha sollevato l'argomento del prelievo forzato di organi da persone vive, l’altra parte ha improvvisamente iniziato a parlare e ha deciso di dimettersi dal PCC. Un'altra volta, la signora Guo ha continuato ad esortare la persona a parlare. Alla fine, la signora Guo ha dovuto dire: “Riattaccherò subito se non vuoi dire nulla”. La persona ha iniziato a parlare e alla fine ha accettato di dimettersi dal PCC.

Un'altra volta, quando l'altra parte ha alzato la cornetta è rimasta in silenzio. La signora Guo ha iniziato a parlare di dimissioni dal PCC. Ma dopo un po’ l'altra parte era ancora in silenzio. La signora Guo ha detto: “So che mi stai ascoltando. Sai perché ti chiamo? È perché pratico la Falun Dafa. La Dafa ci insegna a coltivare il nostro carattere e a fare le cose a beneficio degli altri. È molto importante per noi cittadini conoscere la verità e dimettersi dal PCC. Ecco perché ti chiamo”. In quel momento, l'altra parte ha iniziato a parlare, ma poiché era stato ingannato dalla propaganda del PCC ha risposto attaccando la Dafa. Dopo che la signora Guo ha chiarito le sue incomprensioni, ha detto: “Spero che imparerai la verità e riceverai buona fortuna”. Inaspettatamente, le ha sussurrato: “Posso anche imparare la Dafa?”

Lavorare insieme per salvare le persone

I praticanti, sia dentro che fuori dalla Cina, condividono il desiderio comune di trasmettere la verità a più persone e risvegliare la loro coscienza. Alcune hanno parlato con diversi praticanti, e poiché tutti i praticanti li hanno trattati gentilmente, hanno finalmente deciso di dimettersi dal PCC.

Una volta, il signor Zhou ha chiamato il capo di una stazione di polizia il quale stava organizzando, alla scadenza della sua reclusione, di trasferire un praticante imprigionato in un centro di lavaggio del cervello. Il signor Zhou gli ha chiesto al telefono: “Hai il tal dei tali nella tua stazione di polizia? Per favore, rilascialo”. Il capo della polizia ha risposto: “Non sono affari tuoi” e ha riattaccato. Il signor Zhou ha passato rapidamente il numero di telefono a un altro praticante. Sebbene le successive chiamate siano state ignorate o riattaccate subito, il praticante è stato rilasciato.

Il signor Zhou ha detto che la polizia è stata dissuasa dal perseguitare ulteriormente il praticante perché sapevano che le chiamate provenivano dall'esterno e conoscevano il motivo.

La signora Li ha contattato un giovane che aveva visto per la prima volta del materiale informativo lasciato da un’altra praticante nel cestino della sua bicicletta. Non appena è stato contattato dalla signora Li, ha accettato di dimettersi dal PCC. La signora Li ha detto: “Ero così commossa. Sento che tutti i praticanti fuori e dentro la Cina continentale siamo un unico corpo. Lavorare insieme per salvare le persone è proprio come una staffetta”.

Aiutare le persone a dimettersi dal PCC

La signora Yu ha raccontato: “Un giorno, il mio telefono di casa ha squillato. La persona che aveva chiamato era cinese e mi ha chiamata affettuosamente: ‘Sorella mia, finalmente ti abbiamo trovata!’”. La risposta ha colto la signora Yu alla sprovvista. Questa persona le ha raccontato che più di 10 anni fa suo marito aveva conversato con la signora Yu online e aveva iniziato a praticare la Dafa. La coppia stava facendo un giro turistico a Taiwan in quel momento, e durante il viaggio hanno anche visto uno spettacolo di Shen Yun. La moglie l’aveva chiamata per ringraziarla.

La coppia a quel tempo non era sposata, ma dopo il matrimonio anche la moglie ha iniziato a praticare la Dafa. Poi la signora Yu ha inviato loro un piccolo taccuino in cui aveva scritto a mano tutte le poesie del libro Hong Yin. Il marito è così affezionato agli insegnamenti che porta il taccuino con sé ogni giorno.

Un'altra volta, dopo che la signora Yu aveva finito di fare gli esercizi mattutini, ha visto online un messaggio di saluto. La signora Yu ha risposto: “Per favore, richiamami più tardi”. A mezzogiorno, le ha scritto: “Per favore, aiutami a rinunciare alla mia appartenenza al PCC e alle sue organizzazioni giovanili. Grazie!”

Questa persona le ha detto di avere cinque figli. La signora Yu gli ha chiesto rapidamente di verificare che ognuno di loro fosse d’accordo. Dopo un po’ le ha risposto: “Sono tutti d'accordo”. La signora Yu gli ha poi ricordato di chiedere anche alla moglie. In totale, sette persone nella sua famiglia hanno lasciato il PCC.

La signora Yu ha saputo che in passato aveva conosciuto la Dafa, ma che aveva dato via i libri. Quando la signora Yu gli ha chiesto: “Ora ne hai bisogno?”, ha risposto: “Sì, certamente”.

Conclusione

Queste storie mostrano come i praticanti abbiano mantenuto la loro compassione nonostante la persecuzione della loro fede. Speriamo che le persone in Cina apprezzino le chiamate che ricevono dai praticanti e facciano la scelta di stare dalla parte giusta della storia.

Versione cinese