(Minghui.org) A Taiwan la pandemia di recente è rallentata e il 24 ottobre 2021 i praticanti della Falun Dafa hanno organizzato una riunione di studio della Fa nella Kawada House a Yunlin. Hanno letto gli insegnamenti e hanno riflettuto sulle proprie esperienze di coltivazione e sulla comprensione delle loro responsabilità e missioni, basate sui principi della Fa.

Al mattino si sono divisi in sei piccoli gruppi e hanno letto la Fa. A causa delle restrizioni della pandemia, non è stato facile organizzare uno studio della Fa di persona, e sono stati tutti felici di vedersi, incoraggiandosi a vicenda per rimanere diligenti e lavorare insieme per assistere il Maestro.

Nel pomeriggio si sono riuniti nel centro di attività per tenere una grande conferenza di gruppo sullo studio della Fa e sulla condivisione delle esperienze di coltivazione. Alcuni praticanti sono saliti sul palco e hanno parlato delle proprie esperienze di coltivazione mentre partecipavano ai progetti, eliminando gli attaccamenti, convalidando la Fa e chiarendo la verità. I colleghi hanno riferito di essere stati incoraggiati ad essere più fermi nella propria coltivazione.

Guardarsi dentro veramente

Shu Zhen ha raccontato che le cose che le accadevano nella vita quotidiana le mostravano che doveva guardarsi dentro. Un giorno la lingua le ha fatto improvvisamente così male che provava dolore anche quando inghiottiva la saliva. Ha continuato a guardarsi dentro per capire perché ciò stesse accadendo.

Ha pensato: “Mi sono impegnata molto per fare le tre cose! Perché è così doloroso?”. Non si rendeva conto che era legato al fatto che non manteneva la sua parola. Durante lo studio della Fa di gruppo, improvvisamente ha realizzato: “Mentre stavo studiando la Fa al mattino, Mei mi ha chiesto chi fosse Jing. Ho raccontato a Mei alcuni dettagli su Jing, tra cui alcuni del suo passato... Ho detto a Mei tutto quello che sapevo”. Dopo averci pensato, Shu Zhen si è resa conto che aveva sbagliato. “Ho spettegolato su Jing e ho anche detto alcune cose negative su di lei. Questo è sbagliato. Dovrei guardare gli aspetti positivi degli altri praticanti”. Non appena lo ha capito, la lingua ha smesso di farle male.

Alcuni giorni prima la mascella di Shu Zhen si era gonfiata e le gengive le facevano molto male. Si è guardata dentro e ha trovato la causa. Davanti a casa sua c'era una pianta di carcadè che era pronta per essere raccolta. Nell’orario in cui di solito leggeva la Fa, raccoglieva i fiori e li usava per fare delle bevande. Shu Zhen si è raccontata persino delle scuse per aver saltato lo studio della Fa, pensando: “Ho già coltivato per così tanto tempo, saltare un giorno non dovrebbe essere un problema!”. Aggiungeva altri ingredienti come il biancospino e la liquirizia, per rendere la bevanda più aspra o dolce. Tuttavia, dopo averla bevuta, le gengive di Shu Zhen si sono gonfiate e il gonfiore è continuato per tre giorni.

Si è ricordata che in passato aveva sperimentato alcune prove di vita e di morte. Sapeva che il Maestro le aveva prolungato la vita, in modo che lei potesse coltivare, aiutarlo a rettificare la Fa e adempiere i suoi voti.

Ma invece di studiare la Fa, lei sprecava tempo prezioso preparando bevande dolci! Da questa esperienza Shu Zhen ha capito che i praticanti devono dare grande importanza al fare bene le tre cose.

Coltivare sé stessi mentre si chiarisce la verità

Jia Qi ha iniziato a praticare la Falun Dafa nel 2011. Poco dopo aver iniziato a praticare, è andata nel sito turistico Wong Tai Sin di Hong Kong per chiarire la verità. Essendo una nuova praticante, quando si sedeva nella posizione del mezzo loto le gambe le facevano ancora molto male. I praticanti di Hong Kong hanno chiesto ai praticanti di Taiwan di inviare pensieri retti e di assicurarsi di eliminare la paura prima di andare a chiarire la verità di persona. Un altro praticante ha spiegato a Jia Qi che se la posizione del loto le avesse fatto troppo male, avrebbe dovuto chiedere aiuto al Maestro.

Jia Qi ha ricordato: “Non appena ho chiuso gli occhi, in un'altra dimensione ho visto un monaco. Il monaco faceva parte di una catena umana che era formata da una persona che ne tirava un'altra. Sapevo che il Maestro mi stava illuminando”. Lei ha quindi capito che il Maestro stava attraversando grandi difficoltà per salvare delle vite, ma non poteva sopportare un po' di dolore. Voleva persino che il Maestro sopportasse il dolore al posto suo. Ha detto: “Non ho più chiesto aiuto al Maestro. A prescindere da quanto sia doloroso devo sopportarlo da sola e non aggiungere altro peso al Maestro”.

Jia Qi ha sopportato il dolore mentre le lacrime le scorrevano sul viso. Dopo che i praticanti hanno finito di inviare pensieri retti, uno le ha chiesto: “Stai ancora soffrendo?”. Jia Qi ha risposto: “E' stato doloroso, ma ho visto che il Maestro sta salvando delle persone ed è già difficile per lui. Non posso creare un peso in più per il Maestro. Quindi, a prescindere da quanto sia doloroso, devo sopportarlo da sola”. Da allora anche se è doloroso sedersi nella posizione del loto, Jia Qi persiste.

Eliminare l'egoismo e la gelosia

Li Yun ha detto: “Quando si fa una telefonata per chiarire la verità, molti praticanti trovano difficile prendere il telefono e comporre il numero, a causa della paura. Io non avevo questa paura. Ero invece preoccupata che parlare al telefono potesse influenzare gli studi dei miei figli, disturbare mio marito, ecc. Un altro problema era il tempo. Pensavo solo alla mia convenienza e preferivo telefonare secondo i miei orari. Non volevo essere limitata al turno di lavoro. A causa del mio egoismo, non ho frequentato la lezione su come chiarire la verità attraverso le telefonate, né mi sono iscritta al turno di servizio”.

Li Yun ha capito che doveva superare il suo egoismo e non permettergli di fermarla. Si è iscritta al corso e si è unita alla lista di servizio.

Li Yun ha trovato anche il suo attaccamento alla gelosia. Quando gli altri praticanti parlavano di quante persone avevano aiutato a lasciare il Partito Comunista Cinese (PCC) e le sue organizzazioni affiliate, lei sentiva che si stavano mettendo in mostra ed era infelice. Quando li criticava, si rendeva conto che stava mostrando la propria gelosia.

Li Yun si chiedeva se avesse dovuto persistere nel fare telefonate o continuare a passare a diversi progetti di chiarificazione della verità ogni volta che incontrava difficoltà. Ha detto: “Se riesco a persistere, sarò in grado di sfondare. Durante il processo, potrei dover passare attraverso molte difficoltà e prove di xinxing, ma sto progredendo. Se continuo a cambiare progetto, non farò altro che prendere delle scorciatoie, a scappare, e poi prendere strade più lunghe”.

Quando Li Yun si è esaminata, ha visto che non stava progredendo, ma al contrario stava indietreggiando di fronte alle difficoltà. Vedendo come gli altri praticanti persistevano nonostante le grandi difficoltà, si è esaminata. Ha raccontato: “Ho persistito perché non ho incontrato difficoltà. Se la situazione diventasse difficile, sarei ancora in grado di persistere? Questo è il motivo per cui dobbiamo confrontarci con gli altri praticanti nello studio e nella coltivazione della Fa. Vedendo come gli altri praticanti persistono, possiamo trovare le nostre lacune e correggerci, ed essere diligenti nella nostra coltivazione”.

Il Maestro mi protegge durante una prova di vita e di morte

Mei Hui di Dounan ha parlato della sua recente tribolazione di vita e di morte. Ha detto: “Circa due mesi fa stavo guidando il mio scooter e mi sono scontrata con un camion. Il camionista voleva portarmi all'ospedale, ma gli ho detto: ‘Sto bene. Puoi aiutarmi ad alzarmi?’”.

Mei Hui ha raccontato che le faceva male il corpo e si sentiva molto debole. Ha chiesto all'autista del camion di aiutarla a rialzare il suo scooter. L'autista era preoccupato e voleva portarla all'ospedale, ma lei ha insistito per non andare dicendo: “Sto bene, ma grazie per la tua preoccupazione”. Gli ha consegnato un volantino sulla Falun Dafa e un ricordino col fiore di loto e ha aggiunto: “Grazie per avermi aiutato”. Poi è salita sul suo scooter e se n'è andata.

Mei Hui ha raccontato: “Nel momento in cui mi ha colpita non ero arrabbiata. Semplicemente non volevo causargli dei problemi. So che ho superato questa grande prova. Ero grata per l'opportunità di eliminare il karma e di migliorare la mia xinxing! L'incidente non è stata una buona cosa?”. Mentre andava via, nel suo cuore ha ripetutamente ringraziato il Maestro per averla protetta durante una prova di vita e di morte.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale

Versione cinese