(Minghui.org) Una residente di Pechino è stata ripetutamente molestata, tra l'ottobre scorso e il gennaio passato, per la sua fede nel Falun Gong, una disciplina spirituale e di meditazione perseguitata dal regime comunista cinese dal 1999. La signora Li Shufang sta ora affrontando il processo e la prigione dopo essere stata incriminata.

Li è stata arrestata per la prima volta nella sua casa il 24 ottobre scorso e portata presso la stazione di polizia di Ciqu, dove il capo Yang Ye (numero di telefono: 86-19810280494) le ha chiesto se avesse affisso materiale del Falun Gong in una zona residenziale. Anche se la donna ha negato l’accusa, Yang ha ordinato di trasferirla al centro di detenzione locale, che ha rifiutato di ammetterla a causa della sua pressione alta. Per trattenerla, Yang l'ha portata in un altro ospedale per un esame fisico, ma lo stesso centro di detenzione ha rifiutato di nuovo l'ammissione.

Dopo averla trattenuta per due giorni alla stazione di polizia, è stata rilasciata il 26 ottobre. Nei giorni successivi due agenti sono rimasti fuori dal suo appartamento monitorando le sue attività quotidiane.

Per evitare che il suo cellulare fosse controllato dalla polizia, Li ha interrotto il servizio, ma gli agenti comunque sono andati a cercarla .

Quando la donna ha chiesto come si chiamavano, si sono rifiutati di rispondere dicendo che non volevano che segnalasse i loro nomi al sito Minghui.org. Hanno rivelato che è stato Yang Shibo (numero di telefono: 86-13911799830), capo dell’ufficio locale di sicurezza interna, che ha ordinato loro di controllarla. In seguito hanno confiscato più di venti libri sul Falun Gong e 1.000 yuan (circa 127 euro) in contanti che Li aveva preparato per le spese mediche di sua sorella, sostenendo che sulle banconote erano state stampate informazioni sul Falun Gong (stampare informazioni sulle banconote è diventato un metodo creativo per i praticanti del Falun Gong per superare la censura dell'informazione in Cina e aumentare la consapevolezza della persecuzione).

La polizia ha sottoposto il suo caso alla procura di Tongzhou l'8 novembre. Il procuratore l'ha incriminata ed ha portato il caso in tribunale il 30 novembre.

Quando Li ha esortato il capo della polizia Yang a non partecipare alla persecuzione, le ha risposto di non fargli il lavaggio del cervello, perché avrebbe ascoltato comunque solo il partito comunista cinese facendo affidamento su di esso per il suo lavoro.

Durante un incontro preliminare, il giudice l’ha minacciata di condannarla a tre anni e otto mesi di prigione.

La donna quest’anno è stata molestata altre due volte, il 10 e il 28 gennaio.


Versione cinese