(Minghui.org) La signora Pan Jing della città di Dandong, nella provincia di Liaoning, il 3 settembre 2021 stava organizzando una festa di compleanno per sua madre di 89 anni, quando la polizia ha fatto irruzione e ha arrestato lei e i suoi quattro ospiti.

La polizia ha poi rivelato alla famiglia di Pan che era stata denunciata un mese prima per aver parlato con la gente del Falun Gong, una disciplina spirituale perseguitata dal regime comunista cinese dal 1999.

È stata anche accusata di aver lasciato un codice QR per un link web non censurato all’interno dell’auto di un direttore del Dipartimento di Polizia. La polizia ha presentato il caso di Pan alla Procura Distrettuale di Zhen’an. Quando il Pubblico Ministero le ha fatto visita nel centro di detenzione locale il 16 settembre, Pan ha detto di non aver violato alcuna legge praticando il Falun Gong e ha sottolineato che nessuna legge in Cina considera il Falun Gong un crimine.

“Spero che voi possiate gestire il mio caso secondo la legge. Secondo la nuova legge civile, tutti sono responsabili delle loro azioni per tutta la vita.” Ha detto Pan.

“Lo so”, ha replicato il Procuratore.

Il giorno dopo, il Pubblico Ministero ha restituito il caso della signora Pan alla polizia per insufficienza di prove. Pan è stata rilasciata su cauzione quella stessa sera.

Recentemente, grazie agli sforzi pacifici dei praticanti del Falun Gong per aumentare la consapevolezza sulla persecuzione degli ultimi 22 anni, sempre più Pubblici Ministeri e giudici hanno iniziato a prendere le distanze dai casi del Falun Gong. Ciò include la procura che restituisce tali casi alla polizia, i tribunali che restituiscono i casi alla procura o i tribunali superiori che restituiscono i casi ai tribunali inferiori. Alcuni giudici e Pubblici Ministeri hanno ammesso apertamente che i praticanti sono brave persone e che non esiste una base legale per la persecuzione.

Secondo le informazioni disponibili su Minghui, oltre 420 casi di praticanti del Falun Gong sono stati restituiti in diverse fasi del processo di accusa e diverse dozzine di casi sono stati ritirati, con il risultato che i praticanti sono stati liberati. Ciò include: 76 praticanti rilasciati o che hanno avuto i loro casi ritirati nel 2017; 10 praticanti rilasciati e 156 casi restituiti nel 2018; 186 casi restituiti nel 2019 e 16 praticanti rilasciati come non colpevoli o che hanno avuto i loro casi ritirati e 8 praticanti che sono tornati a casa dopo che la procura ha ritirato i loro casi nel 2020.

In un altro caso nella città di Jimo, nella provincia dello Shandong, dopo che la polizia ha arrestato la signora Qiu Qinghua nel 2016 e ha presentato il caso alla procura della città di Jimo, il Pubblico Ministero ha restituito il caso alla polizia più volte per insufficienza di prove. Sebbene la polizia abbia avuto successo nel fare pressione sul Pubblico Ministero per incriminare la signora Qiu, tutti i giudici del tribunale della città di Jimo si sono ritirati dal suo processo e la polizia ha dovuto trasferire il suo caso in un altro tribunale.

La macchina persecutoria sta crollando

Quando il Partito Comunista Cinese (PCC) ha lanciato la persecuzione del Falun Gong nel 1999, Jiang Zemin, allora capo del PCC, ha ordinato all’intero sistema legale di usare misure estreme nel trattare con i praticanti del Falun Gong.

Molti giudici e Pubblici Ministeri durante le udienze hanno spesso dichiarato senza mezzi termini: “Non parlatemi della legge”, “Non è necessario seguire le procedure legali nei casi del Falun Gong”, oppure “I casi del Falun Gong sono decisi dalla Commissione per gli Affari Politici e Legali del PCC, non dalla legge.” Quello di cui non si sono resi conto è che non c’è mai stata alcuna legge in Cina che consideri il Falun Gong un crimine o lo etichetti come una setta.

All’inizio della persecuzione, molti dei dipendenti della magistratura hanno partecipato attivamente alla condanna dei praticanti del Falun Gong guadagnando credito politico e progredendo con la loro carriera. Ma col passare del tempo sono caduti in rovina, afflitti da cancro o altre malattie terminali e alcuni sono stati indagati per corruzione, anche anni dopo essere stati promossi a posizioni più elevate.

Mentre i disturbi fisici o la loro rimozione dall’incarico sembrano essere eventi casuali, molte persone che hanno familiarità con gli autori coinvolti nella persecuzione del Falun Gong credono che sia una punizione celeste per aver partecipato alla persecuzione di brave persone.

Nel 2015, la Corte Suprema del Popolo ha annunciato che la legge cinese avrebbe permesso ai cittadini di essere querelanti nei casi penali. Di conseguenza, molti praticanti hanno colto questa opportunità per esercitare i propri diritti legali. In pochi mesi, centinaia di migliaia di praticanti hanno intentato cause contro Jiang Zemin per aver ordinato la persecuzione. Sebbene Jiang non sia stato ancora condannato, si ritiene che questa ondata di cause legali sia una rara opportunità per coloro che fanno parte del sistema giudiziario al fine di comprendere i fatti essenziali del Falun Gong.

Il 1° marzo 2016, il PCC ha pubblicato “Il Regolamento sulla Pubblica Sicurezza e la Responsabilità della Polizia per gli Errori delle Forze dell’Ordine”. Con questo si è stabilito che “una persona, come forza dell’ordine, è responsabile per tutta la sua vita per gli errori commessi, intenzionali o dovuti a grave negligenza, indipendentemente dal cambiamento della sua unità di lavoro, posizione, grado o pensionamento”.

Nel 2020, il PCC ha portato avanti il movimento “Tornare Indietro di 20 Anni” per indagare sui casi di corruzione nel sistema della Commissione per gli Affari Politici e Legali. A giugno 2021, più di 70.000 agenti di polizia sono stati indagati.

A partire dal 2021, in un’altra campagna denominata “Girare la Lama Verso l’Interno”, volta a ripulire il sistema della Commissione per gli Affari Politici e Legali, almeno 17 funzionari della magistratura della città di Linyi, nella provincia dello Shandong, si sono rimossi da soli, tra cui il segretario del Partito del Comitato municipale per gli Affari Politici e Legali, il capo della polizia, il presidente del tribunale, il presidente della procura e i capi delle stazioni di polizia.

Al di fuori della Cina, le violazioni dei diritti umani del PCC stanno attirando sempre più l’attenzione internazionale da parte dei Paesi occidentali. Nel 2021, gli Stati Uniti hanno sanzionato un capo della polizia della città di Xiamen, nella provincia del Fujian, e il direttore dell’Ufficio 610 nella città di Chengdu, nella provincia del Sichuan, inviando un chiaro messaggio ovvero che la comunità internazionale non tollererà la persecuzione.

Il 7 ottobre 2021, Josef S di anni 100, ex guardia del campo di concentramento nazista, è stato processato per aver assistito all’omicidio di 3.518 prigionieri circa 80 anni fa. Questo fa certamente eco al regolamento del PCC di ritenere le persone che hanno partecipato alla persecuzione responsabili per il resto della loro vita. Prima che il pendolo della giustizia ripercorra il passato, i giudici e i Pubblici Ministeri hanno ancora la possibilità di fare una scelta basata sulla propria coscienza.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell’articolo e sia presente un collegamento all’articolo originale

Versione cinese