(Minghui.org) Sun Jing, proprietaria di una compagnia di gommoni a Weihai, una città costiera della provincia dello Shandong, è stata condannata ad otto anni per la sua fede nel Falun Gong. Poiché le è stata negata l'ammissione in un centro di detenzione locale a causa dell’ipertensione di cui soffre, la polizia ha minacciato di rivalutare la sua salute a febbraio di quest’anno, per decidere se debba essere imprigionata.

Il Falun Gong, noto anche come Falun Dafa, è una disciplina spirituale perseguitata dal regime comunista cinese dal 1999.

Sun ha iniziato a praticare il Falun Gong nel luglio 2015 e gestisce un'azienda di gommoni con oltre trenta dipendenti. La polizia ha fatto irruzione nella sua abitazione e nella sua fabbrica la mattina del 6 gennaio dello scorso anno, perquisendo entrambi i luoghi. I suoi libri del Falun Gong, la foto del fondatore della pratica, il computer e la stampante le sono stati confiscati. Tutti i suoi dipendenti sono stati costretti a consegnare i cellulari alla polizia e non hanno potuto chiamare, né ricevere chiamate. La polizia li ha seguiti persino quando andavano in bagno o pranzavano. Se ne sono potuti andare soltanto la sera.

Sua sorella, che non pratica il Falun Gong, e tre dipendenti sono stati condotti alla stazione di polizia per essere interrogati. Anch’essi hanno avuto le loro abitazioni saccheggiate. Successivamente Sun e sua sorella sono state successivamente portate al centro di detenzione della città di Rongcheng.

Prima di ricoverarla, un'infermiera ha misurato la pressione sanguigna della praticante tre volte ed ha scoperto che era ad un livello pericolosamente alto. Per poterla detenere, la polizia ha cambiato la sua pressione sistolica da oltre 200 mmHg a 190 mmHg.

Sun è stata trasferita al centro di detenzione del distretto di Wendeng due mesi dopo. A causa delle cattive condizioni di vita e del disagio mentale dovuto alla persecuzione, è diventata depressa e la sua pressione sanguigna è rimasta molto alta. È stata rilasciata su cauzione il 21 marzo dello scorso anno, dopo settantasei giorni di detenzione.

L'avvocato di Sun è andato a casa sua il 3 dicembre scorso, collegato in videoconferenza con il tribunale della città di Rongcheng, ed ha esaminato il suo caso. La polizia è tornata il 17 dicembre e l'ha portata a fare un esame medico, ma siccome il centro di detenzione si rifiutava ancora di ammetterla a causa dell’ipertensione, la polizia ha dovuto riportarla a casa.

Quando la polizia ha portato Sun in tribunale per l'udienza di condanna del 21 dicembre, era troppo intontita per uscire dall'auto. Il giudice si è avvicinato a lei e le ha annunciato che era stata condannata ad otto anni.

Sun è stata riportata a casa subito dopo. In seguito la polizia ha detto che l'avrebbero riportata ad eseguire un altro esame medico a febbraio.

Non è chiaro se sua sorella sia ancora detenuta o stia per essere processata.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale.

Versione cinese