(Minghui.org) I praticanti del Falun Gong hanno subito una brutale persecuzione in Cina, come documentato nei rapporti dei membri del Parlamento del Canada. Allo stesso tempo, come ha spiegato il deputato canadese Kenny Chiu in una recente intervista, sono uno dei gruppi più persistenti nel fronteggiare gli attacchi del Partito Comunista Cinese (PCC).

Chiu è vicepresidente della Sottocommissione per i Diritti Umani Internazionali (SDIR) del Parlamento canadese. Il 1° aprile, quando ha parlato con l’emittente televisiva NTD, ha detto che ogni volta che visitava Hong Kong, era commosso dalle manifestazioni pacifiche dei praticanti del Falun Gong contro la persecuzione messa in atto dal PCC nei loro confronti. Questo gli ricordava che Hong Kong era un luogo sicuro in cui i praticanti potevano esprimere la loro opinione ed esporre la brutalità subita sotto il regime del PCC.

Kenny Chiu è vicepresidente della Sottocommissione per i Diritti Umani Internazionali (SDIR) del Parlamento canadese

Hong Kong sta perdendo la sua libertà

Chiu ha detto che la libertà a Hong Kong non esiste più, questo perché il PCC ha rafforzato la sua presa sulla regione usando varie scuse. Ciò include la censura delle notizie che priva le persone dell'accesso a film, programmi televisivi e libri. Anche il flusso delle informazioni è stato limitato. A causa del grande blocco di internet in Cina, Google, Facebook e Twitter non funzionano sui telefoni cellulari cinesi o altri dispositivi elettronici con connessione internet.

Il PCC è finito sotto i riflettori di tutto il mondo per il modo in cui il regime ha trattato le persone di Hong Kong. Chiu ha detto che Hong Kong ha perso la sua libertà di informazione, di stampa, di parola e di credo.

Ha sottolineato che non è soltanto il sistema politico di Hong Kong ad essere sotto attacco, ma ad essere minacciata è anche la libertà dello Xinjiang, del Tibet, di Taiwan e di altre nazioni confinanti.

Il PCC non rappresenta né la Cina né il popolo cinese

Chiu ha detto che è importante differenziare il PCC dalla Cina e che i cinesi in tutto il mondo non sono la stessa cosa del feroce regime del PCC.

Per migliaia di anni la Cina è stata riconosciuta per la sua lunga storia e cultura raffinata. Il PCC, d'altra parte, è stato importato in Cina dalla Germania e dall'Unione Sovietica. È un'entità straniera che occupa la Cina da circa 100 anni.

Canadesi ben istruiti, sia di origine cinese che altri, sanno bene che il PCC è diverso dal popolo cinese e non equiparerebbero mai il regime del PCC alla cultura o alla storia cinese. Il PCC è solo un partito al governo che controlla la Cina dal 1949 e non rappresenta la Cina.

Pertanto, dovremmo essere chiari sul fatto che quando qualcuno critica un governo, non significa che le critiche siano rivolte alla nazione o al suo popolo. Questo è particolarmente vero al giorno d’oggi quando circolano molte false informazioni e narrazioni. Alcune persone stanno anche confondendo intenzionalmente le cose. Ad esempio, il PCC potrebbe sostenere che quando il regime viene criticato, la critica è diretta anche alla Cina e al suo popolo.

Lavaggio del cervello nazionale e propaganda estera

Chiu ha detto che il PCC manca di legittimità e non tollera alcuna critica. Di conseguenza, a parte coloro che hanno installato una VPN per aggirare il blocco di internet o quelli che sono fuggiti altrove, più di un miliardo di cinesi continuano a essere circondati dalle false informazioni della propaganda del PCC.

Inoltre, contenuti pro PCC possono essere trovati su YouTube in Canada e nel mondo libero. In effetti, le opinioni ufficiali del PCC esistono sui nostri social media e quelle false affermazioni sono state diffuse su Twitter.

Chiu ritiene che le persone in Canada e in tutto il mondo siano in grado di vedere attraverso tutto questo. Il PCC non rappresenta la Cina né le persone in Cina o le persone con origini cinesi in Canada, Stati Uniti e altri luoghi del mondo.

In effetti, anche i cittadini cinesi stanno soffrendo per mano del regime del PCC e decine di milioni di persone hanno perso la vita a causa della sua brutalità.

Le sanzioni vendicative del PCC sono un affronto a tutti i cittadini

Il 27 marzo il PCC ha annunciato sanzioni contro tre persone negli Stati Uniti e in Canada oltre alla SDIR di cui Chiu è vicepresidente. Un simile tentativo di minacciare i funzionari nella società democratica è bizzarro. Si tratta di una rappresaglia contro la recente mozione 266-0 del Parlamento canadese che ha designato la repressione degli uiguri nello Xinjiang, Cina, e di alcuni altri gruppi minoritari come genocidio. Le sanzioni del PCC sono una rappresaglia contro le sanzioni degli Stati Uniti e del Canada ai danni di alcuni responsabili di violazioni dei diritti umani in Cina.

Chiu ha detto che lui e altri funzionari hanno sollecitato l'amministrazione Justin Trudeau ad attuare il Magnitsky Act per sanzionare i funzionari del PCC per la loro brutalità, sostenendo che in questo modo si potrebbe rimediare all'ingiustizia subita dalle vittime.

La rappresaglia del PCC prende di mira i membri del Parlamento. Attaccando i membri legislativi, il PCC sta attaccando tutti i canadesi, perché i loro rappresentanti hanno approvato la mozione all'unanimità.

Tutti gli articoli, la grafica e i contenuti pubblicati su Minghui.org sono protetti da copyright. La riproduzione per scopi non commerciali è consentita a patto che venga citato il titolo dell'articolo e sia presente un collegamento all'articolo originale.

Versione cinese